QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Naya e Ioannis insieme allo Youth Olympic Winter Festival in Italia: “Sciamo insieme da quando avevamo tre anni” (Wijnechem)

Naya e Ioannis insieme allo Youth Olympic Winter Festival in Italia: “Sciamo insieme da quando avevamo tre anni” (Wijnechem)

©RR

Ioannis Boas (17 anni) ha preso le sue prime lezioni di sci all’età di tre anni presso la pista da sci indoor ora demolita Casablanca a S-Gravenhessel. Oggi questo talento è membro dello Skiclub Snow Valley, con l’omonima pista da sci a Beer come base di partenza.

“Ringraziamo la famiglia Gore Moll, proprietaria della pista da sci al coperto, per le opportunità sportive e finanziarie che mi hanno dato”, dice un grato Ioannis.

Quando Ioannis aveva 6,5 ​​anni, avvenne il disastro: fu tagliato da uno sciatore. Il risultato: un femore fratturato. Tutto il tempo che aveva investito fino a quel momento nei suoi sport preferiti, lo sci e il calcio, è stato subito vanificato. “Grazie a Gore Moline per aver riportato Ioannis sugli sci”, ha detto suo padre, Michael Boas. “Dopo un duro lavoro e con il supporto del fisioterapista Livan Maeschalk, Ioannis è ricomparso”.

Ioannis sul ponteggio più alto dopo i preliminari.©RR

Ioannis è entrato a far parte del team Lowlanders Ski Racing guidato dall’allenatore Eric Stoppers e ha ottenuto subito buoni risultati sia nello slalom che nello slalom gigante. Nella stagione 2022-2023, Ioannis Snowsport è supportato sportivamente dal dipartimento sportivo TOP delle Fiandre, in una squadra di cinque atleti guidata da Xan Alaerts.

Quest’anno Ioannis è riuscito a fare buoni progressi e ha già vinto due gare internazionali juniores in Austria. Di conseguenza, Ioannis è uscito dalla top 50 della classifica mondiale nella sua fascia di età U18.

“Partecipare ai Giochi Olimpici Invernali della Gioventù Europea è la prima ricompensa per il duro lavoro che Ioannis ha già svolto”, dice suo padre. “È orgoglioso di poter rappresentare la squadra belga lì con Naya. A tale riguardo, Ioannis spera di svilupparsi ulteriormente per raggiungere posizioni ancora più elevate nelle classifiche mondiali. Le Olimpiadi sono certamente un obiettivo a lungo termine.

Naya e Ioannis si preparano per lo slalom.©RR

Poi sorella

Anche Naya Van Puyvelde (17) di Wijnegem andrà in Italia venerdì. Da piccola ha seguito le orme della sorella maggiore Yuna, che già sciava. “È stato lì che ho conosciuto anche i fratelli Ioannis e Christos Boas. Da allora, abbiamo completato l’intero viaggio sugli sci insieme”, afferma Yana. “In tutte le vacanze scolastiche andavamo in montagna e nei luoghi dove gli sci club belgi organizzavano gare: Gounertal, Saint-Johann, Val Thorens, …. Durante l’allenamento della squadra corse, ho preso lezioni di sci con Ioannis con un monitor privato.

READ  Voli economici estivi per l'Italia nel 2022

“Principalmente sciavamo con mamme o papà. Qualcuno davanti, qualcuno dietro che ci guidava in fila. Ben presto ci fu una differenza tra noi due: Ioannis, lo sciatore premuroso che voleva fare ogni esercizio alla perfezione. Poi ero lo sciatore più emotivo, soprattutto vicino alla pista: non c’era modo di sfuggire a quello che stava accadendo.

Quando il teatro al coperto Casablanca di ‘s-Gravenwezel ha chiuso, Ioannis e Yana si sono persi di vista per un po’. Dal 2013 sciano di nuovo insieme per lo Snow Valley Racing Team a Beer.

L’anno scorso, Naya Van Buivelde è stata onorata dal Consiglio municipale di Vijinegam.© Hugo Gerstmanns

Canada

“Ora, nel mio secondo anno con i senior, posso continuare ad evolvermi e ottenere prestazioni migliori in Belgio e nelle competizioni internazionali, ottenere punti migliori e salire ulteriormente nella classifica mondiale”, afferma Naya, piena e soddisfatta.

“Inoltre, miro a un piazzamento tra i primi 10 in questi Giochi Olimpici Giovanili Europei. L’obiettivo a lungo termine sono le Olimpiadi del 2026. La mia esperienza sciistica più emozionante fino ad oggi è la mia partecipazione ai Campionati Mondiali Junior nel marzo 2021 a Panorama, in Canada. La neve era buona. Del tutto inaspettato sono arrivato terzo nello slalom U18. Un’esperienza indimenticabile.” (sì)

©RR

©RR