QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

nel quadro. La premiere di “The Man Who Sold His Skin” fa venire la famosa pelle d’oca alle Fiandre | spettacolo

spettacoloQuesta sera si è tenuta a Kinpolis Ostenda la prima del film internazionale “The Man Who Sold His Skin”, con protagonista Coen de Boe, che interpreta un noto artista. Oltre all’attore stesso, sul tappeto rosso sono apparsi molti presidenti famosi che erano molto curiosi di questo film d’animazione.




Il film “L’uomo che vendette la pelle”, nominato all’Oscar per il miglior film straniero, racconta la storia del giovane siriano Sam Ali. Per ottenere un ambito visto per l’Europa, ha stretto un accordo con il controverso artista Godefroi. La sua schiena è stata tatuata con l’immagine del visto e quindi un’opera d’arte vivente. Tuttavia, Sam si renderà presto conto di aver venduto più della sua pelle.

Se pensi subito all’opera d’arte dal vivo di Tim Delvoye, hai ragione. Il tatuaggio Delvoye ha caratterizzato Tim Steiner che è stato successivamente esposto nelle gallerie d’arte di tutto il mondo. Quindi il lavoro dell’artista belga è stato l’ispirazione per la sceneggiatura. Lo stesso Delvoye appare nel film come agente assicurativo. Il maestro e attore della FFO Koen De Bouw assume il ruolo dell’artista belga-americano Godefroi e recita al fianco della star italiana Monica Bellucci, che interpreta una gallerista. Rivelazione Yahya Mohaini ha ricevuto il premio come miglior attore al Festival di Venezia per il suo ruolo da protagonista come Sam Ali.

L’uomo che vendette la pelle è stata la proiezione principale di questa seconda FFO Night, un’iniziativa dell’Ostend Film Festival volta a sostenere registi, distributori e cinema mentre riavvia il settore con molte anteprime fiamminghe. Dal 4 agosto al cinema si potrà vedere anche un film con protagonista Koen De Bouw.

READ  La principessa Eugenia annulla il battesimo di suo figlio all'ultimo minuto a causa di Corona

Quinn de Poe e Wim Delvoy © Dieter Backwert

Regina di Boo Il tatuatore/artista è interpretato da Jeffrey Godfroy, un personaggio ispirato all’artista Wim Delvoy. “Grazie a questo film ho avuto modo di conoscere meglio il suo lavoro, ma anche l’uomo stesso che è molto gentile e spiritoso”, afferma l’attore, le cui registrazioni di “L’uomo che vendette la pelle” risalgono a due anni fa ed è già stato mostrato per la prima volta in molti altri paesi. .

Sandra Bakari di Har Peter Peter Kremersch

Sandra Bakari di Har Peter Peter Kremersch © Dieter Backwert

“Koen de Bouw non è solo un grande attore, ma è anche una persona molto gentile e calorosa che ha entrambi i piedi per terra”, dice. Sandra Bakary Accanto a suo marito c’è Peter Kremersch. È il direttore del Festival del cinema di Ostenda.

Tom Vermeer e Charlotte Vandermersch

Tom Vermeer e Charlotte Vandermersch © Dieter Backwert

Charlotte Vandermersch Sono venuto a vedere con un buon amico e collega attore Tom Vermeer. “Non ho mai letto in anticipo di cosa parla il film, mi piace essere sorpresa e immergermi in un altro mondo”, ha detto l’attrice, che attualmente sta girando “De Acht Bergen” con suo marito, Felix Van Groeningen. “Mi piace molto la regia. Soprattutto l’aspetto dei contenuti. Trovo che la parte logistica e tecnica sia un po’ meno, ma è solo una sfida. Il mio apprezzamento e la mia ammirazione per Felix sono cresciuti”.

Kevin Janssens

Kevin Janssens © Dieter Backwert

Kevin Janssens Con il gelato sul red carpet. È chiaro che l’ha assaggiato.

Herwig Ilegems con sua moglie Elke Dom

Herwig Ilegems con sua moglie Elke Dom © Dieter Backwert

Herwig Elia Ha fatto una notte a Ostenda con sua moglie Elk Dom.

Tim Ost e Celine

Tim Ost e Celine © Dieter Backwert

“Io non ho tatuaggi, ma una volta ho sognato di mettermi un corvo così grande sulla schiena”, ha detto il rappresentante di De Buurtpolitie. Tim ost Con il marito di Cillian al suo fianco. “Ma per certi ruoli, hai problemi a farti un tatuaggio del genere sulla schiena.”

Rudy Franks

Rudy Franks © Dieter Backwert

“Il problema dei rifugiati è un argomento difficile, ma è positivo che un film come questo incoraggi la gente a pensare”, afferma un giornalista di guerra Rudy Franks. “Perché come arte puoi viaggiare, ma non come persona.”

Emma Bell

Emma Bell © Dieter Backwert

“Sono un grande fan di De Boo e suo figlio Xander è il mio personal trainer”, afferma il cantante Emma Bell Chi trova molto sfortunato l’annullamento di Pukkelpop. “Di solito ero sul palco principale per la prima volta e, come frequentatore del festival, sono anche sceso sul prato. Non vedevo l’ora di vederlo”. Questo autunno, Emma va in tournée in un club.

Chantal, Julan e Zander, moglie e figli di Coen de Boe

Chantal, Julan e Zander, moglie e figli di Coen de Boe © Dieter Backwert

Certo che possiamo Chantal, Golan e ZanderLa moglie ei figli di Coen de Boe non mancheranno alla prima di questo film.

Steve Gerts e Marianne DeVries

Steve Gerts e Marianne DeVries © Dieter Backwert

“Un uomo tiene in mano una Visa tatuata per essere una cosa artistica: una storia del genere ti prende davvero per la gola”, hanno detto gli attori. Marian DeVries in un Steve Gerts.

Stijn Cole e Ruth Beckquart

Stijn Cole e Ruth Beckquart © Dieter Backwert

“Quando vedo quelle storie di rifugiati in TV, le trovo sempre molto commoventi”, dice. Ruth Pickwart Insieme al suo compagno e musicista Stijn Cole.

Leggi anche:

nel quadro. Amore appassionato Frances Lefebure e Boris van Severen posano insieme per la prima volta alla premiere di “My Father Is Sauce”

nel quadro. La principessa ereditaria Elisabetta sta attirando tutta l’attenzione con questo vestito rosso acceso di Nathan