QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Niente calcio troppo per avere una possibilità: il biglietto sicuro per il Covid causa problemi ai club sportivi a Bruxelles

Da venerdì devi ottenere il tuo biglietto Covid Safe a Bruxelles in ristoranti, caffè, club sportivi e teatri. Invece di farsi un’iniezione, molti giovani preferiscono rinunciare alla valvola di recupero.

“È un disastro”, sospira Mustafa Rizki. È insegnante in una scuola di Molenbeek, ma vive principalmente come direttore della società sportiva Anneessens 25, nel centro di Bruxelles. Quella che era iniziata come una piccola squadra di calcio indoor è diventata un club sportivo che offre anche lezioni di nuoto, hockey e jiu-jitsu a diverse centinaia di atleti.

L’espansione Covid Safe Ticket ha causato seri problemi al suo club. Chiunque partecipi ad attività sportive indoor a Bruxelles e abbia più di 16 anni deve dimostrare a partire da venerdì di essere stato vaccinato o testato di recente.

“Abbiamo dovuto interrompere tutti gli allenamenti di calcio, ma non è chiaro nemmeno per le nostre partite”, dice Rezki. “Su venti giocatori della prima squadra, tre sono stati vaccinati, su quindici giocatori della seconda, appena tre”. Devono essere testati prima di ogni partita, per essere pagati con i propri soldi. Quindi i costi si accumulano rapidamente. “Un certo numero di avversari ha già detto che perderanno semplicemente”.

I dati sulle vaccinazioni a Bruxelles sono scarsi, soprattutto tra i giovani. Nella fascia di età 18-25, la metà non ha ricevuto un’iniezione, nella fascia di età inferiore a sei su dieci. A causa dell’espansione del Corridoio della Corona, si stima che gran parte dei giovani di Bruxelles rinunceranno di fatto al loro sbocco.

“I nostri giovani hanno a malapena potuto praticare sport per un anno e mezzo”, afferma Inge Ludstein di D’Broej, un’associazione senza scopo di lucro che lavora sui giovani in diversi quartieri di Bruxelles. Il club di boxe BBA, oltre a diverse squadre di calcio, lezioni di nuoto e badminton fanno parte dell’organizzazione. “Dal mese scorso tutti hanno potuto tornare a divertirsi, ora è di nuovo più difficile. Questo può aumentare le tensioni tra i giovani”.

READ  Dirk Therese diventa il nuovo CEO di Bpost

Esenzione per allenatori e allenatori di nuoto

Il governo di Bruxelles non vuole solo rendere sicuro lo sport con le sue procedure, ma spera di aumentare in questo modo il tasso di vaccinazione. Tuttavia, l’avversione al vaccino si rivela spesso molto persistente. “Cosa si aspettano da noi?” chiede Rezki. “Abbiamo chiesto tante volte ai nostri giocatori di farsi bucare e continuiamo a ripeterlo. Quasi nessuno ci va”.

Presso la Onlus D’Broej, Loodsteen teme che molte attività vengano cancellate. “Dobbiamo essere realistici. I nostri volontari spesso non sono immuni, così come i nostri partecipanti. E non svolgiamo attività separate per quelli con Corona Corridor. Questo va contro il nostro principio che tutti sono i benvenuti”.

E nemmeno per lei organizzare una grande campagna di vaccinazioni da sola. “Come centro giovanile vogliamo essere sempre imparziali, per non compromettere la nostra fiducia. Ognuno può avere la sua opinione. Forniremo informazioni obiettive, ma non spingeremo nessuno in una direzione particolare”.

A D’Broej stessi, non sanno davvero come andare avanti. “Vogliamo spostare una serie di attività all’estero”, afferma Loodsteen. “Funziona per il calcio e il pugilato, ma non per il nuoto o il badminton. Inoltre a volte si applicano regole diverse per ogni comune e non è possibile giocare all’aperto senza il Covid Safe Ticket. È davvero un casino per terra”.

Mostafa Rezky, funzionario Anneessens Sports Club: ‘Abbiamo dovuto interrompere tutti gli allenamenti di calcio, ma non è chiaro nemmeno per le nostre partite. Un certo numero di avversari ha già detto di aver semplicemente perso.Foto di Wouter Van Vooren

Non è tutto chiaro nemmeno sui controlli. In linea di principio, le persone della stessa palestra devono chiedere ai partecipanti la loro Corona Card. Hanno abbastanza manodopera? Possono richiedere anche la carta d’identità dei tifosi presenti? “Inoltre, il test ha mostrato che tutti i dati sono conservati nell’applicazione su chi deve verificare”, afferma Rezki. “Questo non è vero con la privacy.”

La maggior parte dei club ha già trovato una via di fuga (parzialmente) dal Corona Pass. Poiché gli allenatori e gli insegnanti di nuoto sono retribuiti, hanno un rapporto di lavoro con la società e in ambito professionale non possono essere richieste vaccinazioni. “Tra il 10 e il 20 percento dei nostri allenatori sono stati accoltellati”, afferma Rizki. “Ma in questo modo possiamo ancora continuare le lezioni di nuoto per i bambini piccoli”.

Spettacolo per 49 persone

Nelle ultime settimane c’è stata anche resistenza nel settore culturale, soprattutto da parte francofona. Il mese scorso decine di teatri e case di cultura hanno annunciato di non voler offrire il Covid Safe Ticket. Tuttavia, la maggior parte di loro ora è tornata alla base.

La casa di cultura La Vénerie di Watermaal-Bosvoorde sta organizzando le sue attività questo fine settimana con la Corona Card, nonostante le precedenti proteste. Tutti hanno l’opportunità di fare il test gratuitamente. “Abbiamo avuto il sostegno del governo per questo”, afferma la direttrice Virginie Cordier. “Stiamo anche indagando se possiamo organizzare spettacoli per 49 persone, che è appena al di sotto del limite consentito per la richiesta del Corona pass. Sarà una dichiarazione: dimostriamo che tutti possono partecipare liberamente alle nostre attività”.

Nel settore dell’ospitalità, il dibattito è stato molto meno diretto. Il pubblico tende a provenire dalla classe media, dove i numeri delle vaccinazioni sono generalmente più alti. Sebbene alcuni ristoratori abbiano dichiarato alla stampa francofona che non controlleranno la carta Corona, il sindacato HORECA di Bruxelles vuole solo dargli un effetto positivo. “Grazie a questa procedura, sai di essere al 100% al sicuro quando vai al tuo bar o mangi fuori”, afferma il vicepresidente Mark Van Mulders.