QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non ci sono progressi nei negoziati tra Hamas e Israele, domani nuovi colloqui per fermare i combattimenti

Non ci sono progressi nei negoziati tra Hamas e Israele, domani nuovi colloqui per fermare i combattimenti

Sebbene Hamas abbia affermato di essersi recato in Egitto con una “mentalità positiva” per raggiungere un accordo, tale accordo non è stato ancora raggiunto, hanno affermato i rappresentanti di entrambe le parti.

La proposta attualmente proposta prevede lo scambio di ostaggi israeliani con prigionieri palestinesi e la cessazione temporanea dei combattimenti (la durata sarebbe di 40 giorni).

Secondo un funzionario israeliano, che ha preferito restare anonimo, Hamas metterà fine a questa situazione continuando a premere per la fine della guerra a Gaza. Ha aggiunto: “Le notizie secondo cui Israele ha accettato di porre fine alla guerra come parte di un accordo di scambio di prigionieri o secondo cui Israele consentirà una mediazione per garantire la fine della guerra sono notizie false”.

I negoziati sono guidati dal secondo uomo dell'ala politica di Hamas, Khalil Al-Hayya. I mediatori sono: Stati Uniti, Egitto e Qatar.

Alla fine di marzo Israele ha lasciato il tavolo delle trattative a Doha (Qatar) a causa di “condizioni non realistiche”. Ora, secondo diversi media, c’è più speranza dopo che gli Stati Uniti hanno assicurato ad Hamas che Israele accetterà un cessate il fuoco una volta raggiunto un accordo.

Un rappresentante del gruppo estremista palestinese Hamas ha affermato che nei colloqui non sono stati compiuti progressi. Ha aggiunto: “I negoziati di oggi si sono conclusi e domani ci sarà un nuovo round”.

READ  Palestinesi che guidano le loro auto verso un posto di blocco israeliano a Gerusalemme: sei agenti sono rimasti feriti e la polizia ha aperto il fuoco sul colpevole | all'estero