QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non era possibile, ma Carlin risulta incinta dopo la chemioterapia: ‘Non potevo crederci’

Non era possibile, ma Carlin risulta incinta dopo la chemioterapia: ‘Non potevo crederci’

Sette test di gravidanza

Dopo essere guarita dal cancro per sette anni, ha cambiato medico. “Era sorpreso che prendessi la pillola anticoncezionale. Secondo lei, c’erano altri modi per combattere i sintomi della menopausa precoce, quindi sono passata ad altri farmaci e ho smesso di prendere la pillola anticoncezionale. Presto ho avuto un altro ciclo e ho iniziato a prenderla ciclo ogni mese. Non te lo aspettavi. “Ho fatto un esame del sangue e mi è stato detto che in realtà sembrava che avessi un ciclo normale. Io e il mio amico abbiamo pensato: proviamolo. Nel giro di un mese sono rimasta incinta”.

Il testo continua sotto l’immagine.

Una miniatura di Israa è appena piaciuta: Israa ha partorito da sola: ‘Ho sentito mio marito dire che avevo le contrazioni, ma in realtà ha partorito’.Leggi anche

Non riesce quasi a credere alla notizia. “Ho fatto sette test, ma, nonostante tutti i sintomi della gravidanza, non potevo credere di essere incinta. Solo quando ho visto il cuore battere sull’ecografia ho pensato: Oh mio Dio, ha funzionato davvero hanno mostrato l’ecografia ai miei genitori, non potevano crederci.” Anche questo “Pensavano che avessimo preso una foto da Internet”, ride Carlin.

Pensieri oscuri

La gravidanza del figlio di Nino stava andando bene, ma le cose sono cambiate quando lei è rimasta incinta di nuovo un anno fa. “Per i primi quattro mesi sputavo e basta. Ero in uno stato di confusione mentale, piangevo molto, ero depressa. Ho smesso di lavorare perché non potevo più farlo. Volevo portare via il bambino o spingerlo gettarlo in un fosso per farla finita.”

È un periodo buio. Dà l’allarme e va dal medico, ma lui non prende sul serio le sue lamentele. “Pensavo che potesse esserci qualcosa che non andava con la mia tiroide. Ero sicuro che non fosse così nella mia testa. Alla fine, l’ostetrica mi ha indirizzato a qualcuno che mi ha aiutato a stare bene. “

READ  Lo studio PRO-FIT considera la riabilitazione cardiaca come una procedura alternativa

Partorire in bagno

Il parto sta andando bene. “Volevo dare alla luce mio figlio a casa nella piscina per il parto, ma una volta lì, le contrazioni sono diminuite e mi sono sentita molto a mio agio. Questa volta ho partorito in bagno. Ho curato io stessa nostra figlia Evie quando è arrivata fuori di me, e l’ho sollevata e l’ho messa contro di me. È stato fantastico.”

Carlene teme di sviluppare una depressione postpartum, ma dopo la nascita di Evie continua a sentirsi benissimo. Sua figlia ora ha tre mesi. “Sta andando davvero bene. Beve e dorme bene. Suo fratello maggiore lo adora assolutamente e anche noi stiamo andando molto bene.”

Anche tu hai una storia di nascita speciale? Invia il tuo nome e la tua storia via e-mail in poche frasi a reader@linda.nl, menzionando “consegne speciali” e chissà, la tua storia potrebbe presto essere letta su LINDA.nl.

Una miniatura di Israa è appena piaciuta: Israa ha partorito da sola: ‘Ho sentito mio marito dire che avevo le contrazioni, ma in realtà ha partorito’.Leggi anche