QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non sottovalutare un ictus è un'emergenza”

“Non sottovalutare un ictus è un'emergenza”

Dordrecht/Sliedrecht – Oggi è il 14 maggio 2024, la Giornata europea contro l’ictus. In questo giorno, tra gli altri, l'ospedale Albert Schweitzer presta maggiore attenzione al riconoscimento e alla gestione dell'ictus.

Nel 2022, l’ictus è stata la terza causa di morte nei Paesi Bassi. Ogni giorno nel nostro Paese muoiono circa 25 persone.

L’ictus è una malattia cardiovascolare. Durante un ictus, i vasi sanguigni nel cervello vengono bloccati (infarto cerebrale) o rotti (emorragia cerebrale). Ciò richiede il riconoscimento e il trattamento immediati. Quindi non esitare, chiama subito il 112 se avverti uno o più dei sintomi elencati di seguito.

Bocca, parola e braccio: allarme ictus!
I sintomi improvvisi più comuni durante un ictus sono bocca storta, linguaggio confuso, braccio o gamba paralizzati, visione doppia e perdita di equilibrio. In caso di tali reclami è molto importante chiamare immediatamente il 112. I pazienti colpiti da ictus hanno maggiori possibilità di recupero se ricevono cure adeguate subito dopo la comparsa dei sintomi. Quanto prima si inizia il trattamento, tanto più il tessuto cerebrale viene preservato: il tempo è cervello! Meno danni significano meno reclami (permanenti). Pertanto un ictus è un’emergenza. La sala di controllo 112 può valutare la gravità del malore e, se necessario, inviare un'ambulanza. Non esitare, chiama!

Una vita sana riduce i rischi
La scomparsa dei disturbi dopo un ictus e dopo il trattamento e la rapidità con cui ciò avviene varia da persona a persona e dipende dal danno che si è verificato nel cervello. A volte non ci sono affatto sintomi residui. La riabilitazione può supportare il recupero e insegnare al paziente come affrontare le conseguenze dell’ictus. L’obiettivo è che la persona possa riprendere la vita pre-ictus il più fedelmente possibile: fisicamente, socialmente ed emotivamente. Meglio ancora, evitare un ictus. I rischi possono essere ridotti vivendo uno stile di vita sano. Ciò significa: non fumare, consumare alcol con moderazione, perdere peso in caso di sovrappeso, fare attività fisica tutti i giorni ed evitare lo stress.

READ  Vaccinare i bambini: "Insegna a te stesso, Corona non è sempre innocente".