QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuova ricerca: le persone completamente vaccinate possono sviluppare una variante delta…

Un ampio studio britannico ha dimostrato che l’efficacia dei vaccini Pfizer e AstraZeneca diminuisce nel tempo. 90 giorni dopo il secondo colpo, il vaccino AstraZeneca è ancora efficace al 61% contro l’infezione da coronavirus. Il vaccino Pfizer è ancora efficace al 75% in quel momento. Inoltre, sembra che le persone vaccinate possano ancora trasmettere il virus nella stessa misura delle persone non vaccinate. Tuttavia, il rischio di sintomi gravi è ancora inferiore.

Questa è la conclusione dei ricercatori dell’Università di Oxford che hanno esaminato più di tre milioni di tamponi dal naso e dalla gola. L’efficacia dell’iniezione diminuisce nel tempo, con risultati di ricerche precedenti che mostrano che il vaccino AstraZeneca è efficace al 68% due settimane dopo la seconda iniezione. Il vaccino Pfizer è efficace all’85% a quel punto.

I ricercatori hanno concluso che l’efficacia diminuisce più rapidamente nei vaccini di età superiore ai 35 anni rispetto ai giovani adulti. Tuttavia, i ricercatori affermano che la vaccinazione è ancora una scelta saggia. “Entrambi i vaccini stanno ancora funzionando molto bene”, ha detto il ricercatore capo Sarah Walker. “Se inizi troppo in grande (in termini di efficacia, editore), hai ancora molta strada da fare”.

Deltavariante

La variante delta riduce anche l’efficacia dei vaccini. I ricercatori hanno concluso che dopo l’infezione con la variante delta, le persone vaccinate avevano tante particelle virali nel naso e nella gola delle persone non vaccinate. “Questo può rendere più difficile l’immunità di gregge”, afferma il ricercatore olandese e coautore dello studio Koen Pouwels. “I vaccini sono probabilmente i migliori per prevenire malattie gravi, ma sono leggermente meno efficaci nel prevenire la trasmissione del virus”.

READ  Gli americani testano una nuova portaerei con enormi esplosioni | uno sconosciuto

Come nota a margine, i ricercatori osservano che il numero di particelle virali nella gola è solo una “indicazione approssimativa” della gravità dei sintomi. Non ci sono nuove informazioni sulla durata dell’infezione. Lo studio non è ancora apparso su una rivista medica e deve essere sottoposto a revisione paritaria prima della pubblicazione.