QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

opinione.  Possiamo smettere di polarizzare?  (Chris Verheyen)

opinione. Possiamo smettere di polarizzare? (Chris Verheyen)

La settimana scorsa nella sezione opinioni di De Standaard si è svolto un dibattito sul significato e l'insensatezza dell'innovazione. Jean Rosier E Avil Verbruggen (DS 8 gennaio) Ha invocato l'innovazione a ritmi più moderati e focalizzata sull'interesse pubblico, mentre… Pietro Van Nouvel E Gerardo Govers (DS 12 gennaio) Questa affermazione mina radicalmente e afferma che stiamo parlando fino in fondo con tali appelli. Secondo loro, una maggiore attenzione all’innovazione tecnologica è la ricetta per portare il nostro mondo verso un rifugio più sicuro.

Come bioingegnere e scienziato ambientale, vorrei fare alcuni commenti su questa discussione. Sebbene, come ingegnere, creda fortemente nella creatività umana e nella nostra capacità di trovare soluzioni creative e innovative a innumerevoli problemi, dopo 25 anni di ricerca su tutti i tipi di questioni ambientali, mi sono convinto che l’innovazione tecnologica da sola non sarà sufficiente. Trasformare la Terra in uno spazio sicuro dal punto di vista ambientale e socialmente giusto in cui tutta l’umanità abbia l’opportunità di prosperare. “Business as usual” e concentrarsi esclusivamente sulla tecnologia per affrontare le principali sfide globali senza implementare contemporaneamente cambiamenti radicali e trasformativi del sistema, una tendenza riflessa nell’articolo di Van Nouvel e Govers, sembra ingenuo e irresponsabile.

Confini planetari

Per rafforzare questo punto, vorrei attirare l’attenzione sull’aggiornamento recentemente pubblicato del Planetary Boundaries Framework. Questo quadro è stato proposto per la prima volta nel 2009 da un team guidato da un medico onorario dell'UGent Johan RockstromAffiliato al Potsdam Institute for Climate Impact Research e allo Stockholm Resilience Centre. Il quadro dei “confini planetari” ha ora ottenuto un ampio sostegno da parte della comunità scientifica.

Da un lato mostra il valore soglia critico per un totale di nove processi chiave che sono di fondamentale importanza per mantenere la Terra vivibile in futuro. D’altro canto, mostra anche quanto questi limiti siano stati superati. Ad esempio, per il processo di cambiamento climatico, la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera viene utilizzata come indicatore con un valore soglia suggerito di 350 parti di anidride carbonica per milione di parti di aria. La concentrazione attuale è di 423 molecole. Enorme eccedenza.

READ  Era lunedì 7 marzo 2022

Gli altri otto principali processi utilizzati sono la perdita di biodiversità, l’assottigliamento dell’ozono, l’acidificazione degli oceani, i cambiamenti nei cicli globali dell’azoto e del fosforo, la perdita della copertura forestale globale, i cambiamenti nelle riserve di acqua dolce, le concentrazioni di particolato atmosferico e, infine, il numero di organismi creati dall’uomo. . Sostanze chimiche rilasciate nell'ambiente (come PFAS).

Cambiamenti di sistema

In un recente aggiornamento del quadro “Planetary Boundaries” – pubblicato sulla prestigiosa rivista Science Advances – si afferma: Caterina Richardson Lui e i suoi colleghi hanno dimostrato che nel 2023 il valore limite critico è stato superato per sei dei nove processi (in modo significativo), mentre nella prima pubblicazione del 2009 sono stati superati “solo” tre valori limite. Quindi le cose si muovono velocemente, le sfide sono enormi e, nonostante tutte le innovazioni tecnologiche, non siamo ancora riusciti a piegare le curve nella giusta direzione.

Quest’ultimo sarà possibile solo se i cambiamenti trasformativi del sistema saranno implementati su larga scala e a tutti i livelli, lontano da un percorso di “business as usual”. Questi includono una riorganizzazione radicale del modo in cui le società sono governate e un cambiamento radicale nei modelli di produzione e consumo. Anche innovazioni ma di natura completamente diversa dalle innovazioni puramente tecnologiche.

Per trovare soluzioni alle complesse sfide che affrontiamo, avremo bisogno di molte prospettive diverse. Sia pensatori del futuro orientati alla tecnologia che pensatori di sistemi orientati alla trasformazione. Una cosa è certa: la polarizzazione non ci porterà oltre. Evitiamo di proporre un punto di vista come l'unico che ci salverà, e certamente non sosteniamo il silenzio dei punti di vista alternativi, come suggeriscono Van Nouvel e Govers alla fine del loro articolo.

READ  Un noleggio di auto di lusso è stato arrestato con l'accusa di riciclaggio di denaro

Chris Verheyen È professore presso il Dipartimento dell'Ambiente dell'Università di Gent. Questo articolo di opinione è apparso in precedenza sul giornale Standard.