QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Opinione |  Un geriatra prende sul serio la tua professione

Opinione | Un geriatra prende sul serio la tua professione

“Qui non lo facciamo”, è stato detto a una donna affetta dal morbo di Parkinson in una casa di cura quando ha chiesto l’eutanasia (30/09). Nei Paesi Bassi l’eutanasia, che la legge definisce come la fine della vita su richiesta di un paziente, è di solito competenza del medico generico: l’80% degli 8.720 casi segnalati lo scorso anno sono stati eseguiti da un medico generico.

Gli specialisti geriatrici eseguono l’eutanasia molto meno frequentemente (316 volte l’anno scorso). Ciò è in parte dovuto alla tipologia dei pazienti: circa il 60 per cento delle eutanasie vengono somministrate a persone malate di cancro. Le case di cura ospitano principalmente persone con condizioni fisiche croniche o demenza. Poiché la mente di quest’ultimo è colpita, l’eutanasia è più difficile: se una buona conversazione non è più possibile a causa della demenza, molti medici si vergognano di porre fine alla vita in modo efficace. Questo è comprensibile, perché non uccidi semplicemente il tuo paziente. Non farlo a meno che tu non sia assolutamente sicuro che questo sia ciò che vuole e che non ci sia altro modo per alleviare la sua sofferenza. Per questo motivo i medici vogliono poter avere una serie di buone conversazioni con la stessa persona.

Il problema è diverso per i pazienti con problemi fisici così come per i pazienti altrimenti competenti con demenza precoce. La signora era chiara riguardo al suo desiderio per il suo messaggio. È possibile avere una conversazione con lei – o almeno così sembra dal suo messaggio. Se vuole morire soffrendo in modo insopportabile e senza speranza, non dovrebbero esserci ostacoli all’eutanasia.

READ  Foglio informativo sul cancro al seno metastatico | Maastricht UMC +

“Non lo facciamo qui” è la motivazione meno convincente che puoi offrire come medico. Uno degli aspetti essenziali dell’essere un medico è che hai la tua responsabilità professionale. Ciò significa che devi sempre pensare da solo a cosa ritieni sia una buona cura per il paziente in questa fase della sua malattia o sofferenza. Potresti avere ragioni per non soddisfare una richiesta di eutanasia, ma l’istituzione per cui lavori non può impedirti di offrire l’eutanasia. Stai agendo entro gli standard della professione e della legge. Non vi è alcun ostacolo all’eutanasia per qualcuno che volontariamente e intenzionalmente cerca la morte e soffre in maniera disperata e intollerabile.

responsabile

“Qui non lo facciamo” potrebbe anche essere un’affermazione dei caregiver, che negano la richiesta del paziente di rivolgersi al medico. È responsabilità del geriatra conoscere il suo paziente, sapere di cosa ha bisogno e fornire tale assistenza.

Forse l’esitazione viene dallo specialista stesso. Posso immaginare che il campo professionale abbia un ruolo. Questi medici lavorano sempre di fronte alla morte, nei capitoli finali della vita dei loro pazienti. Come ogni altra specialità, gli specialisti geriatrici sono consapevoli dei limiti della medicina. Sono stati addestrati come nessun altro a tenere le mani dietro la schiena: non per continuare la cura, ma per rispettare la natura finita dell’esistenza. Forse questa è familiarità con la sofferenza e le limitazioni. I residenti delle case di cura soffrono così tanto che ti abitui come medico. Il singolo paziente che chiede un intervento richiede un cambiamento nel lavoro del geriatra: alleviare la sofferenza non offrendo conforto ma con un intervento attivo.

“Qui non lo facciamo” è la motivazione meno convincente

In qualità di ex membro del Comitato regionale di revisione dell’eutanasia, ho letto molti file di specialisti geriatrici che hanno risposto alla richiesta dei loro pazienti sofferenti. Certamente molti colleghi considerano questo come una parte delle loro responsabilità. Questo dovrebbe valere per tutti gli specialisti geriatrici. La casa di cura è una benedizione, dove riceviamo assistenza quando le cose a casa non vanno bene. Ma non lasciare che diventi una trappola dalla quale le persone non possono più sfuggire se desiderano un aiuto efficace per morire.

READ  Il vincitore del premio KNAW sviluppa un nuovo trattamento per i tumori cerebrali