QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più povero è il quartiere, minore è il numero di vaccinazioni

Più povero è il quartiere, minore è il numero di vaccinazioni

Shakib Sanaa lavora come medico generico da quattordici anni. In tutti quegli anni non aveva avuto un solo paziente affetto da morbillo – fino a poco tempo fa, diversi bambini con sintomi di morbillo sono venuti improvvisamente nel suo ambulatorio a Leerdam. “Per essere sicuro che si trattasse di morbillo, ho dovuto esaminare le prove mediche e consultare un collega e un pediatra”, afferma Sanaa.

Il morbillo è tornato nei Paesi Bassi, inclusa un'epidemia a Eindhoven a marzo. Anche la pertosse è in aumento e ucciderà quattro bambini nel 2024. “L'anno scorso abbiamo avuto un caso di pertosse ad Amsterdam nel primo trimestre”, dice il consigliere Alexander Schulz (Sanità pubblica, D66). “Quest’anno abbiamo già avuto 250 casi nello stesso periodo”.

Questo perché troppo pochi bambini sono stati vaccinati con l’iniezione MPR (parotite, morbillo e rosolia) e con l’iniezione DKTP (difterite, pertosse, tetano e poliomielite). Un’adeguata protezione collettiva per i bambini sarà disponibile solo se nove bambini su dieci saranno vaccinati – e anche per i bambini che non potranno essere vaccinati fino a nove mesi dopo. Ad Amsterdam, Rotterdam, L’Aia e Utrecht il tasso di vaccinazione tra i bambini di due anni è inferiore alla soglia critica del 90%.

Le differenze sono grandi all’interno delle principali città. Una panoramica mostra che il tasso di vaccinazione in 40 regioni su 136 è al di sotto del limite critico Consiglio norvegese per i rifugiati produrre. Anche un'area ad Amsterdam Ovest ha ottenuto il 69,5% (DKTP) e il 64,6% (BMR). Solo in dieci grandi quartieri cittadini, compreso uno nel centro di Amsterdam, il tasso di vaccinazione contro il morbillo supera l’ideale del 95%.

AmsterdamIl tasso di vaccinazione più basso si registra nella zona ovest della città

Poiché il morbillo è contagioso, 95 bambini su 100 dovrebbero essere vaccinati contro di esso. “Stiamo quasi aspettando che si verifichi un'epidemia di morbillo anche qui”, afferma il consigliere comunale di Amsterdam Schultes. “Il morbillo e la pertosse sono state le prime malattie ad emergere con un basso tasso di vaccinazione, che rappresenta la punta dell’iceberg tra tutte le malattie infettive”.

Ecco perché recentemente il consigliere comunale dell'Aja Hilbert Bredemeijer (Gioventù, CDA) è stato il primo a riceverne uno un report Preparazione delle informazioni sul tasso di vaccinazione a livello regionale. In alcuni distretti dell'Aia la percentuale è scesa a meno dell'80%. Successivamente, le altre tre grandi città si arresero su richiesta Consiglio norvegese per i rifugiati Anche i numeri delle vaccinazioni per ogni regione. “Il tasso di vaccinazione è ora a un livello molto allarmante”, afferma Bredemeijer. “Noi come comunità dobbiamo avere una buona discussione su questo argomento. Ciò inizia con la conoscenza di quali quartieri il tasso di vaccinazione è troppo basso.

READ  Forze ausiliarie - Zin.nl

quartieri poveri

Perché così pochi genitori vaccinano i propri figli? L’Istituto Nazionale per la Sanità Pubblica e l’Ambiente (RIVM) offre alcune spiegazioni diverse nel suo ultimo rapporto sull’argomento Programma nazionale di vaccinazione. Dallo scoppio della pandemia di Corona, la fiducia dei cittadini nel governo è diminuita. Sui social media circolano miti sugli effetti dannosi dei vaccini. Molti genitori hanno scambiato il messaggio sulle iniezioni di MMR e DKTP come un invito a farsi l'iniezione di Corona e lo hanno buttato via senza aprirlo.

Shakib Sanaa, medico di medicina generale
Foto: Sabiha Oztas

Sembra familiare a Shakib Sana. In qualità di medico di base nel distretto Delfshavn di Rotterdam (DKTP: 76%, BMR: 79%), dove ha lavorato fino a poco tempo fa, parla spesso con pazienti e colleghi se vaccinarsi o meno. Sanaa è andata alla luce della pandemia di Corona Nel mercato Anche parlare con sconosciuti dei loro dubbi sulla vaccinazione contro il Corona. È stato uno dei fondatori di Doubt Phone, dove le persone potevano porre domande agli studenti di medicina su tutti i tipi di problemi di salute.

RotterdamIl tasso di vaccinazione più basso si registra nel sud della città

“Secondo la mia esperienza, ci sono circa tre tipi di persone che rifiutano il vaccino”, dice Sanaa, che sta scrivendo la sua tesi di dottorato sulle disparità sanitarie nei quartieri svantaggiati. «Il primo: persone con argomenti religiosi, spesso protestanti ortodossi. Secondo: persone che decidono consapevolmente che è meglio non vaccinare i propri figli, ma lasciarli soffrire di malattie infantili. Terzo: persone con un background di immigrazione. Di questi ultimi osserva: “Ciò non è dovuto alla loro cultura o religione, ma alla loro debole situazione sociale ed economica”.

Chiunque confronti i numeri di vaccinazioni in un quartiere con i numeri di reddito vedrà che un basso tasso di vaccinazioni spesso va di pari passo con la povertà. La regione di Amsterdam con un basso punteggio di vaccinazione è anche una delle più povere dei Paesi Bassi. I quartieri con risultati insoddisfacenti a Rotterdam, L’Aia e Utrecht sono per lo più quartieri con molti residenti poveri. Il fatto che Utrecht sia l'unica città a non raggiungere un punteggio inferiore all'80% in un settore è probabilmente dovuto al benessere relativamente elevato della sua popolazione.

Leggi anche
Quali domande riceve il telefono dei dubbi vaccinali?

Le persone possono recarsi all'Erasmus University Medical Center di Rotterdam per porre domande sulla sicurezza delle vaccinazioni.

“migliorato”

Perché le persone a basso reddito esitano a farsi vaccinare? “Non si tratta di non volere, si tratta soprattutto di non sapere”, dice Aziz Kalla. È infermiere comunitario presso Kleurrijk Zorg a Utrecht e lavora nel distretto di Overvecht (DKTP: 86,4%, BMR: 85,9%). “Si potrebbe anche dire che le persone non si stanno immergendo adeguatamente nei vaccini”.

READ  “Global First”: Il “programma di dimissione” si riferisce alla possibilità che il paziente venga dimesso dal reparto di terapia intensiva

Aziz Kalla, infermiere di comunità
Foto: Sabiha Oztas

Ci sono molte persone con un background di immigrazione e pochi soldi che vivono a Overvecht. “La pandemia di coronavirus ha avuto un impatto enorme”, afferma Kalla. Allora la popolazione rimase isolata e sola. Poi l’inflazione ha reso i generi alimentari più costosi. Molte persone sono preoccupate per la sopravvivenza. Spesso non c’è molto spazio nella testa per pensare alle vaccinazioni.

E allora, secondo Kalla, basterebbe che la gente pensasse: lasciamo stare la vaccinazione. “Le iniezioni ripetute erano incluse nella lettera di invito Sostenitore Il nome della cosa. Questo non è stato ben accolto da un certo numero di persone, perché pensano al vaccino Corona quando sentono questa parola”. Kala aveva sentito molte volte la storia secondo cui il vaccino poteva causare l'autismo. “Spesso la gente dice: 'Va bene, vero? Non ci sono quasi più malattie?' E poi io dico: 'Questo è perché molti genitori vaccinano i loro figli.'”

Persone chiave

Kala conduce questo tipo di dialogo sotto l'ala protettrice della Key People of Utrecht (SSU), che è attiva in diversi quartieri con il sostegno del comune. “Persone chiave come Aziz Kalla conoscono il quartiere e il posto di lavoro nella comunità”, afferma Elko Ehrenberg, consigliere del comune di Utrecht (sanità pubblica, D66). “Capiscono i dilemmi dei residenti e possono aiutare a chiarire i dubbi dei genitori”.

Kala, cresciuta ad Aurvecht, ha condotto una campagna a favore della vaccinazione durante la pandemia di coronavirus. “I residenti mi hanno chiesto principalmente: ‘Aziz, l’hai preso tu stesso?’ Si fidano di me perché mi conoscono”. Kala ora realizza film didattici in cui intervista, ad esempio, i medici del GGD: “Naturalmente puoi anche fare un video solo con l'esperto, ma è utile che la gente veda che faccio queste domande.”

UtrechtIl tasso di vaccinazione non è inferiore all’ottanta per cento

Utrecht vuole anche rimuovere le barriere pratiche, afferma il consigliere Ehrenberg: “Per chi vive a Overvecht, la vaccinazione a Jarbors è fuori portata. L’ideale sarebbe presto avere un sito su piccola scala vicino al centro commerciale, proprio come abbiamo fatto durante il coronavirus “, ha detto. Dove si può, per così dire, combinare lo shopping con l'opportunità e Utrecht ha finora risparmiato denaro solo per tre di questi siti.

Amsterdam ha già fatto progressi con questo approccio su piccola scala, con consultazioni settimanali e mensili per bambini e giovani in venti siti. “Conosco l'esempio di una madre di Zuidoost che non è venuta allo Ziggo Dome con i suoi tre figli nella metropolitana, ma è andata a fare consulenza dal vivo nella zona”, dice il consigliere Schulz. Inoltre, il GGD ha lanciato nuove richieste di iniezioni compensative.

READ  Enschede Rosalie cammina per 329 km fino a Hersenstichting dopo una perdita di liquido cerebrospinale e meningite

Questo approccio funziona in combinazione con informazioni aggiuntive e la pubblicazione di persone chiave. La partecipazione ai vaccini DKTP e MMR è aumentata in modo significativo, sebbene non sia ancora sufficiente. L'anno scorso lo sforzo aggiuntivo è costato ad Amsterdam altri ottomila euro. “Non sono molti i comuni che possono permettersi di pagare una cifra del genere”, spiega Schulz. I comuni ricevono denaro per coprire le spese di base – advocacy e vaccinazione – e secondo lui dovrebbero ricevere fondi aggiuntivi dal governo per ulteriori sforzi: “È il programma di vaccinazione del governo”. I consiglieri dei quattro comuni più grandi hanno recentemente chiesto in una lettera al Consiglio dei ministri ulteriori fondi per le loro campagne distrettuali.

L'AiaMolti quartieri poveri hanno bassi tassi di vaccinazione

Queste campagne a volte pongono un enigma difficile, perché non tutti i quartieri rientrano nel modello dei poveri con meno iniezioni. Il distretto di Geusenpoort ad Amsterdam è povero ma ha un alto tasso di vaccinazione (DKTP: 96,8%, tasso di vaccinazione di base 90,3%). Il quartiere tradizionalmente povero di Zeheldenquartier conta sempre più residenti con buoni redditi, ma dopo la pandemia di Corona ha registrato solo un calo del tasso di vaccinazione (DKTP: 80,5%, BMR: 79,3%). “Questo è un quartiere con una popolazione media di giovani professionisti altamente istruiti”, afferma Bredemeijer, membro del consiglio comunale dell'Aia. “Questa popolazione è davvero un nuovo gruppo target che dobbiamo approfondire”. La disinformazione può avere un ruolo qui.

I comuni devono risolvere da soli questo enigma, perché al momento non arrivano soldi aggiuntivi dal governo. “Molto triste”, dice Bredemeijer. “Ne va della salute dei nostri figli”. Quattro bambini che muoiono di pertosse potrebbero non sembrare un grosso problema, dice JP Sana: “Avevano tutta una vita davanti a loro, circa ottanta anni. Ciò significa, come dicono spesso i medici, 320 anni di vita persi”.