QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Ora la scienza può davvero venire allo scoperto”: l'inventore Robin Copps è ottimista dopo aver confermato il funzionamento del pancreas artificiale

“Ora la scienza può davvero venire allo scoperto”: l'inventore Robin Copps è ottimista dopo aver confermato il funzionamento del pancreas artificiale

Dall'armeggiare in magazzino all'inventare per il mercato globale: sembra che questo stia diventando una realtà per Robin Copps. Uno studio scientifico ha concluso che la sua invenzione del pancreas artificiale offre ai diabetici una vita migliore.

Lo studio ha incluso 75 pazienti diabetici È stato pubblicato sulla rivista scientifica Il bisturi. I pazienti hanno indicato di essere meno preoccupati dalla malattia nella loro vita quotidiana. “È fantastico rileggerlo, ovviamente”, afferma Cobbs. “Mi rendo conto ancora una volta che questo è molto speciale.”

Fai da te

È stata una lunga strada. Nel 1994, a Cobbs fu diagnosticato il diabete di tipo 1. Quasi 10 anni dopo, fu ispirato a rendere più facile la vita con il diabete. Ha iniziato a riparare il suo laboratorio con tre dei suoi amici. EenVandaag ha cercato 5 anni fa. “Ho pensato: costruire un pancreas elettronico non può essere così difficile”, ha detto Cobbs all'epoca. “Dovevo inventare qualcosa che ancora non esisteva.”

Aveva un'infermiera specializzata nel diabete in ospedale. Lo ha aiutato a procurarsi le prime provviste, come le pompe. Chiamarono la prima versione del pancreas artificiale “Robopump” ed era grande quanto due laptop. Cobbs ha testato personalmente il dispositivo in ospedale con l'aiuto della sua infermiera diabetica.

Robin Copps riferisce nel 2019

“Non sta fermo”

Nel 2019, dopo 15 anni di funzionamento, il pancreas artificiale si è già ridotto alle dimensioni di uno spesso smartphone. La sua azienda Inreda (la parola svedese per “preparato”) per diabetici conta oggi quaranta dipendenti. Cobbs ha indossato lui stesso l'apparecchio e non ha voluto più farne a meno.

da allora? “Non siamo rimasti con le mani in mano”, dice Cobbs ora, cinque anni dopo. “A partire dall'ottobre 2020 abbiamo iniziato a curare le persone, insieme alle compagnie di assicurazione sanitaria Menzis e CZ. Per un totale di 125 persone. In questa ricerca scientifica è stato coinvolto anche il gruppo Menzis di circa 75 persone. Queste persone sono ancora coinvolte. Quindi questo è estremamente positivo. “.

READ  Migliore comprensione della demenza in tenera età attraverso la ricerca di dottorato

Ulteriori ricerche

Hanno anche fatto domanda per il programma Promising Care Subsidy (VeZo) e, poiché tale richiesta richiede tempo, hanno iniziato a sviluppare un nuovo dispositivo. “Vuoi ancora fare delle cose nel frattempo.”

“Abbiamo anche condotto studi su bambini e persone affette da cancro al pancreas che non hanno più il pancreas.” Ora nello studio Il bisturi Se venisse pubblicato, aprirebbe molte porte, afferma Cobbs. “Ora possiamo lavorare sul pagamento dell'assistenza sanitaria. Per come appare ora, spero che potremo raggiungere questo obiettivo entro la fine del 2025.”

“Il tempo vola così in fretta”

Fa bene anche a livello personale. Copes afferma di utilizzare il dispositivo da anni e di aver riacquistato il 98% della sua vecchia vita. Ora da 20 anni dedica quella vita allo sviluppo del pancreas artificiale: “Quel tempo è già volato”.

“Ci lavori costantemente e lo fai passo dopo passo. Ti dà molta energia. E sì, è una strada lunga, ma è una strada che devi prendere. È una buona cosa che ho fatto. “Non lo so. non so in anticipo come sarà. Ma l’ho sempre iniziato io”.

Molti dubbi

Copes ritiene “straordinario” che uno studio abbia ora dimostrato che il pancreas artificiale funziona. “Nel corso degli anni c'è stato ovviamente molto scetticismo su ciò che stiamo facendo. Ma al momento c'è anche molto entusiasmo. Ci sono persone che lavorano negli ospedali che sono molto entusiaste di lavorare con questo e questo è molto bello da vedere.”

READ  Quando il tuo animale domestico è triste - Plus Magazine

Si tratta soprattutto di una gentile confutazione dello scetticismo, dice Cobbs, che ha imparato a conoscere bene il mondo scientifico e sanitario. Sa che finché non si otterranno risultati di questo tipo, le persone rimarranno scettiche. “A volte è vero. Ma a volte è anche negativo, senza motivo. E a volte c'è l'incredulità che funzioni davvero.”

Mondo difficile

5 anni fa Copes disse che era difficile entrare nel mondo della medicina con una simile invenzione. Questo è ancora difficile: “Se hai un'azienda che ha nuove idee, è difficile restarci. Soprattutto perché il sistema esistente mantiene le sue porte molto chiuse. Hanno un'attività propria e non sono interessati alle cose nuove”.

“Ci sono anche medici che a volte mettono in dubbio questo per vari motivi, quindi va bene. È così che funziona il mondo”, dice. “Ma è anche per questo che le cose richiedono così tanto tempo. Ogni volta che hai un problema, lo risolvi e passi al problema successivo. Se continui a farlo, ce la farai in questo mondo.”

“Adesso alza la bandiera davvero!”

Cobbs ritiene che questo sia il motivo per cui questo studio è importante. “Si vede un'enorme differenza con i trattamenti attualmente disponibili. Soprattutto i risultati medici e anche con la qualità della vita delle persone. Questo è unico.”

“Ora, se qualcuno è scettico, possiamo dire, innanzitutto, di leggere questo studio da cima a fondo”. “Il medico è felice, il paziente è felice e ora dobbiamo assicurarci che anche la compagnia assicurativa sia felice. E così non ci saranno più ostacoli. Nel 2013, ero seduto sul mondo che girava e Mattis disse: “Ora la bandiera può essere volato via!' “Ma se dovessi alzare la bandiera, la alzerei adesso.”

READ  Malato da più di una settimana? Potresti avere un'infezione articolare

Mai completamente preparato

A volte nella vita quotidiana, Cobbs nota che il paziente è felice. “L'apparecchio si trovava al Museo della Medicina di Leida e ad un certo punto qualcuno mi venne a cercare in città. Aveva comprato spontaneamente un enorme mazzo di fiori e ce li aveva regalati mentre eravamo in un ristorante, come ringraziamento per l'invenzione. Poi ti sei reso conto, proprio come è successo oggi, che quello che hai fatto è stato speciale”.

È qui che Cobbs trova la motivazione per andare avanti. Da questo, e ovviamente dal suo pancreas artificiale: “È davvero bello riavere la mia vita. E questo progetto? In realtà non è mai stato completamente finito. Ci sono ancora margini di miglioramento. Migliorare il dispositivo e renderlo più piccolo, o renderlo più piccolo” adatto ai non vedenti. È in continua evoluzione e ci sono molte sfide. “

Chiede? Chiediglielo!

Hai qualche domanda o vorresti delle risposte? Mandaci un messaggio qui nella chat. Ogni giovedì nella newsletter Get Involved ti diciamo cosa stiamo facendo con tutte le risposte. Lo vuoi nella tua email? Allora registrati qui.