QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Paul Couter ha preferito mantenerlo piccolo

Il musicista Paul Kotter è morto martedì all’età di 72 anni. Lo ha riferito il promotore musicale Bath Foam Throne in un comunicato stampa. È stato l’uomo che ha convinto Arnault a cantare. Anche un buon chitarrista blues e un nome preistorico per il rock belga. Ma soprattutto, Paul Dikötter è stato un ospite che ha fatto proprio quello che voleva fare lui stesso.

Tutti lo chiamavano Paul Coutter. È perché il suo nome è diventato una parte così importante dei Tjens Couter, una delle grandi band dei primi giorni del rock belga? O è un pigro abito fiammingo occidentale, in cui anche Philippe Cowellier è diventato giudice per un breve periodo?

Couter era già un personaggio un po ‘leggendario durante la sua vita. L’intestazione appartiene al film Tarantino. L’ultima volta che un pubblico un po ‘più ampio lo ha visto esibirsi dal vivo è stato all’Ancienne Belgique a Bruxelles, alla fine di gennaio 2020. Arno Hintjens ha tenuto tre concerti lì e il suo vecchio amico lavorava come gruppo di supporto. La sua chitarra sembrava metallo liquido, e ha cantato “I Can Dance”, come un fantasma da una palude di blues.

“È il mio compagno, mio ​​fratello, parte della mia vita”, ha detto Arnaud, che all’epoca sapeva già di avere il cancro. Non era cosa mentire. Couter è stato uno dei primi a esibirsi sul palco, specialmente l’uomo che lo ha esortato a cantare quando la maggior parte delle persone vedeva poco del futuro nello stile di canto tagliente di Arno. “Ma non ha mai cantato stonato e il suo tempismo era perfetto”, ha detto Cotter. “Era reale, e preferirei avere un vero cantante piuttosto che un bellissimo cantante.”

READ  Il principe William non è mai stato un fan di Meghan: "Pensa che sia una dannata donna" | Proprietà

Carillon

Paul Kauter veniva da Zeebrugge. Non ha avuto un’infanzia normale: i suoi genitori tennero aperto l’Het Sas Café, dove pescatori e camionisti si stabilirono in cerca di divertimento. E l’hanno trovato nel carillon, che importava tutti i nuovi singoli direttamente dall’Inghilterra ogni settimana.

Ha ricevuto una chitarra da bambino (da Sinterklaas), ma gli ci sono voluti fino all’età di quindici anni prima di poter farci qualcosa. Un buon insegnante, Jan Filippov, ha avuto molto a che fare con questo, ma anche zeitgeist. A metà degli anni ’60, l’Inghilterra era sotto l’influenza del rhythm and blues e questa atmosfera era evidente fino alla costa belga. Dopo un’esibizione di The Animals a Zeebrugge, Couter acquistò l’album “Animal Track” (1965). Ha memorizzato le canzoni, tutte le canzoni del blues.

Ha descritto la sua scuola di artigianato: “Ruba con gli occhi, ruba, ascolta attentamente e suda, soffri finché non padroneggi la canzone”. Nel 1970 è stato uno dei migliori chitarristi a vagare per Ostenda. Allora lavorava in un negozio di abbigliamento, il Tuf Tuf Club, dove un altro uomo dai capelli lunghi gli parlò dei suoi pantaloni puliti, che lui voleva. Arno Hintens.

Vita notturna

È stato bello sentirli parlare insieme. Hanno condiviso così tanti ricordi d’infanzia che hanno persino finito le frasi l’uno dell’altro. Ricordi della vita notturna a Ostenda, notti al Groove e Chèvre Folle, signore al monokini. Non che i soldi e la musica fossero grandi, e il limite era il cielo.

Da un’intervista a Standard Nel 2012: Arno: ‘Man, man. Abbiamo vissuto, giusto. Cotter: “Insistiamo sempre sulla nostra libertà”. – Arnaud: “La ricchezza basta con quello che sei. Se se ne va, se ne va.

READ  Il cantante e chitarrista Manskin si bacia affettuosamente sul palco mentre ...

Il loro momento di passione è stato Tjens Couter. Prendono il nome da Decoutere e Hintjens, formarono un duo tra il 1973 e il 1975. Era un periodo in cui le rocce aumentavano in velocità, dimensioni (rocce dure) e anche stilistica (rocce magiche). Tjens Couter lo ha fatto in modo diverso: lofi e rooty, secondo il credo degli anni ’60, “less is more”, con un po ‘di umorismo. Vagavano come matti, anche oltre il confine. La base della vita.

È stata aggiunta una sezione ritmica e canzoni come “Gimme What I Need” hanno introdotto la trasmissione, di cui Arno ha beneficiato particolarmente. Sono stati pubblicati sette singoli e due album, e avresti potuto andare oltre, ma nel frattempo è apparso il fonema e Arnault ha voluto prendere una strada diversa. Non era la nuova voce di Couter per TC Matic, e Jean-Marie Aerts, anche lui di Zeebrugge, l’ha sostituita.

Non ha fatto storie più tardi. Era troppo complicato per me. Sono una persona pigra e voglio godermi la vita.

Piccoli club

Mentre Arnault ha costruito una lunga carriera, Paul Cotter è entrato a far parte della famiglia Ghent. Ha preso l’esempio di Alexis Korner, un fondamentalista blues britannico, per continuare a suonare la sua musica, con un po ‘di accompagnamento.

“Non posso suonare la stessa cosa due volte”, ha spiegato. Meglio stare in piccoli club. Suonando per 300 persone, sono soddisfatto. In luoghi grandi, il soffitto è molto alto e il suono è molto scarso. Più progredisci, più persone dovrai dare lavoro. È stato troppo difficile per me. Sono sempre stato in grado di fare le mie cose e per me è valso molto.

READ  La fidanzata del giocatore dell'Anderlecht Wesley Hoedt si trasforma da...

Nel 1988 ha partecipato alla troupe del Partizan con il chitarrista Ferry Pailin, ma la carriera di Couter è rimasta in gran parte invisibile ai media e alla radio. I suoi dischi successivi, sotto il nome di PCNW, erano difficili da trovare fino a poco tempo fa ripubblicato, anche su Spotify. Couter è stato visto brevemente nel documentario di Arno Charlatan, e soprattutto ha sentito: è il chitarrista che accompagna Arno nei titoli di testa.

E non può vivere senza musica. Può dirci molto al riguardo. Quante volte ha messo via la sua chitarra, solo per accordarne un’altra in un negozio di musica. Ha comprato molto e lo ha distribuito a musicisti come Willie Willie. E come ha suonato per anni come musicista di strada è stato per lui il luogo dove si esercitava fedelmente la sua professione, e dove c’era anche molto da guadagnare. E non sono solo soldi.

.

Arnault e Paul Kauter a Ostenda nel 2012.
Foto: Queenbotters

All’inizio di questo mese, i Couter hanno pubblicato il loro ultimo album, Domisoldo, per finire in grande stile, ha detto.