QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché celebriamo la Giornata mondiale delle consegne?

ieri

Tempo di lettura 3 minuti

189 opinioni

Stile dal vivo a Leeuwarden

Un quarto della popolazione di età pari o superiore a 18 anni ha il fegato grasso, afferma il medico MDL Herold Metselaar di Erasmus MC. Come è successo? E cosa puoi fare per prevenirlo?

Secondo Metsellar, un quarto di questo gruppo svilupperà l’epatite C (NASH): un quarto di questi svilupperà cirrosi e/o cancro al fegato. La mia stima è che circa 800.000 persone di età superiore ai 18 anni hanno la NASH e quel numero aumenterà nei prossimi anni se non cambia nulla.

Miglioramento dello stile di vita
“Adeguare il proprio stile di vita è molto importante”, afferma Sebeki Jan Bussima. È lui l’iniziatore del progetto Stile dal vivo, una campagna sociale che mira a fornire alle persone informazioni sostenibili su fegato, fegato grasso e miglioramento dello stile di vita. Bussima: Nel 2014 il fratello del mio ex marito ha ricevuto un trapianto di fegato in giovane età. È così che ho contattato medici, sorelle e organizzazioni impegnate in questo. Il fegato è un organo importante. Abbiamo messo insieme le nostre teste e abbiamo esaminato cosa potevamo fare per metterlo sulla mappa e supportare le persone migliorando il loro stile di vita.

cambiano
Deborah, 42 anni, ha registrato nel programma: ‘Non sapevo in anticipo che il sovrappeso potesse anche causare fegato grasso. Quando l’ho scoperto, ho subito iniziato a modificare il mio stile di vita. Lo fai sulla base di un esperto comportamentale e di un coach dello stile di vita. Ho iniziato a mangiare cibo sano e ho iniziato a fare esercizio. Non bevo più alcolici. Ho già perso 8 chili. Avevo fatto molte cose prima per perdere peso perché voglio correre dietro ai miei figli. Ma il programma mi ha fatto capire che può interessare anche il fegato.

READ  Imparare a convivere con l'acufene è la chiave del trattamento

Deborah

Deborah

© Stefano Amerlan

Secondo Metselar, essere in sovrappeso può portare a malattie del fegato: “Il fegato è l’organo più grande e più importante. Quindi uno stile di vita sano è importante: fare esercizio e mangiare cibi sani. Se modifichi il tuo comportamento, vedrai che puoi fare un molto buono con una piccola diminuzione di peso Nessuno pensa al fegato, ma è importante. Busima dice che gli uomini con una circonferenza della vita superiore a 102 cm e le donne con una circonferenza della vita superiore a 88 cm hanno maggiori probabilità di sviluppare fegato grasso .

Ramificazioni
Metselaar spiega che le conseguenze dei problemi al fegato sono gravi: “Nei Paesi Bassi, metà della popolazione è in sovrappeso. Circa un quarto di loro soffre di epatite. Questo alla fine danneggia il fegato. Questo può portare alla cirrosi e, nella fase finale, cancro al fegato Allora l’unica soluzione è un trapianto di fegato.Prevenire è meglio che curare, dice Metselar.

Fattori
Diversi fattori sembrano giocare un ruolo, spiega Metselaar: “La ricerca mostra che il sovrappeso è più comune nelle persone con un livello di istruzione inferiore. Vediamo anche distribuzioni regionali. Vediamo più peso nel Limburgo che nella regione dell’Aia. Le persone anziane sono più probabilità di soffrire di più sovrappeso rispetto ai giovani.

MDL Dottor Herold Metselaar di ErasmusMC

MDL Dottor Herold Metselaar di ErasmusMC

© Stefano Amerlan

Giovane
Una delle cause delle malattie del fegato, l’obesità, colpisce anche i bambini. Il quindici per cento dei bambini nei Paesi Bassi sono in sovrappeso, dice Metselaer: “Trovo che sia la cosa più preoccupante”. Come ben sa Deborah: “Lavoro come insegnante e ne parlo anche in classe. È più probabile che i giovani acquistino cose malsane con i propri soldi. Fai uno spuntino con il grasso o vai a scuola a piedi la mattina con una borsa di patatine, ecc. A questo. Pochi studenti scelgono una colazione sana. Cerca anche di insegnare ai suoi figli l’importanza di uno stile di vita sano. Darei loro qualcosa di gustoso se fossero gentili, come una sorta di bonus. Perché io era programmato in questo modo: dopo una lunga giornata di lavoro, voglio premiarmi con del buon cibo”, dice. Ma non lo è più. “Se non va bene per me, non va bene per i miei figli”, ha detto Deborah.