QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché, dopo tutto, le forme alternative di medicina non sono così folli?

Perché, dopo tutto, le forme alternative di medicina non sono così folli?

Le forme alternative di assistenza vengono spesso immediatamente liquidate come ciarlataneria, ma questo è giustificato? NPO Radio 1 Recentemente ho inviato un articolo su questo argomento.

Collaborazione tra forme di cura

La radio ne parla con la dottoressa Ines von Rosenstiel Medicina integrataSignifica medicina tradizionale integrata con terapie complementari basate sull’evidenza, come l’Ayurveda, la medicina tradizionale cinese, la fitoterapia e la naturopatia.

“Cerchiamo una base di prove coerenti sull’efficacia e sulla sicurezza”, afferma della sua pratica. “È una nuova tendenza molto importante, in cui la vecchia polarizzazione tra clienti abituali e alternative ha assunto un volto completamente nuovo.”

Rischi della medicina alternativa

Secondo Von Rosenstiel esiste un grande malinteso secondo cui, ad esempio, si possono semplicemente utilizzare tutte le piante presenti in natura per curare una particolare malattia. “La tecnologia moderna può aggiungere qualcosa, ad esempio attraverso il riconoscimento delle immagini. Le persone possono così sapere con quale pianta hanno a che fare. Von Rosenstiel parla della cooperazione tra diverse forme di cura.

Fa l’esempio dei pazienti affetti da cancro al seno e alla prostata, che vengono spesso trattati con terapia ormonale. Questo trattamento provoca vampate di calore, che possono avere un impatto significativo sulla vita quotidiana. L’agopuntura può ridurre le vampate di calore. Ad esempio, uno dei suoi pazienti inizialmente aveva 50 vampate di calore. Dopo l’agopuntura ce n’erano solo due.

Medicina dello stile di vita

“Abbiamo una formazione molto limitata nella medicina moderna”, afferma von Rosenstiel. “Penso che la medicina dello stile di vita sia uno sviluppo molto positivo. L’Ayurveda è una filosofia di vita che si concentra sull’esercizio fisico, un’alimentazione sana, sul rilassamento e sul sonno.

  • Agopuntura: Posizionando piccoli aghi in aree specifiche del corpo, l’energia viene distribuita e i blocchi vengono rimossi.
  • Trattamenti ayurvedici: Ayurveda significa letteralmente “scienza della vita”. Le persone sono centrali. Il principio dell’Ayurveda è che siamo tutti costituiti da energie diverse, provenienti dai cinque elementi fondamentali: acqua, spazio, aria, fuoco e terra.
  • Trattamento con materiali naturali: Viene attivata la capacità di autoguarigione del corpo. Puoi combattere i sintomi della malattia con un farmaco che scatena questi sintomi nelle persone sane.
  • medicina cinese: un approccio olistico alla medicina, in cui le persone sono viste come un tutt’uno: corpo, spirito/mente ed emozioni. I processi psicologici, emotivi e fisici umani sono interconnessi.
  • Yoga: Lo yoga non è necessariamente una medicina, ma le posizioni yoga aiutano a rafforzare e rafforzare il corpo e la mente. Inoltre espande, calma e apre la mente e il corpo. Riguarda l’equilibrio tra diverse qualità.
  • Ipnoterapia: una forma di terapia attraverso la quale acquisisci una maggiore comprensione di te stesso e puoi lavorare sulla risoluzione dei tuoi disturbi con l’aiuto dell’ipnosi o della trance.
  • Terapia compressiva: una forma di terapia in cui la comunicazione tra terapeuta e cliente gioca un ruolo importante. Il tatto, il tatto, il contatto fisico diretto e lo sviluppo del senso del tatto vengono potenziati attraverso posture, movimenti e gesti.

Prove per la medicina alternativa

L’assistenza regolare è generalmente considerata più affidabile, ma questo non è sempre vero. Una parte importante della medicina tradizionale occidentale è stata dimostrata, ma una parte importante no, come i trattamenti per la cistifellea, che comportano la rimozione della cistifellea, dice l’economista sanitario Xander Coleman a NPO Radio 1. D’altro canto, forme alternative randomizzate, come l’agopuntura e l’uso dell’erba di San Giovanni per trattare la depressione lieve, si sono dimostrate efficaci. Quindi l’idea che questi non siano basati su prove è errata.

La battaglia tra medicina convenzionale e alternativa

La soluzione potrebbe quindi essere la collaborazione tra le due forme di assistenza, ma questa ancora manca. Le vecchie forme di cura tradizionali sono spesso diametralmente opposte alla moderna medicina occidentale basata sulla scienza. Il dottor Gurian Galavazzi ha scritto un libro su questo Dalla denuncia all’opportunità. Durante i suoi 15 anni come medico di medicina generale, scoprì che entrambe le forme di cura spesso si condannavano a vicenda, puntavano il dito e credevano di essere “migliori” dell’altra, quando in realtà molte cose buone potevano nascere se unissero i loro sforzi. Pertanto, chiede una visione olistica della medicina.

Stesso obiettivo

In Rivista V’GAN sullo stile di vita In precedenza ha affermato che entrambe le parti hanno la stessa missione, ovvero desiderare che qualcuno viva una vita sana e felice sia fisicamente che mentalmente. “Non si tratta di come dare torto all’altra persona”, ha detto il medico. “Tutti commettiamo errori, sia con gli integratori che con gli integratori. È importante ricordare che entrambi abbiamo lo stesso obiettivo in mente, ovvero aggiungere valore alla salute.

“Ecco perché è importante che entrambe le parti assumano una posizione in cui vedono cosa si può imparare dal punto di vista dell’altro”, continua, “e così potranno elevarsi a vicenda ad un altro livello”.

Il nostro corpo come tempio

Una forma di assistenza non sempre include il quadro completo dell’aiutare qualcuno a rimettersi in piedi, afferma Galavazzi. “Lo immagino sempre in questo modo. Se un edificio diventa storto, non è perché solo un blocco è storto. Diverse pietre storte alla fine fanno crollare l’intera torre.

Si chiede quindi se affrontare il problema sia limitato ai “blocchi” che compongono la medicina ordinaria, come la neurologia, la dermatologia e l’ortopedia. “Questo non deve essere un errore. Ognuno ha la sua esperienza nell’idea che possiamo correggere una deviazione in un singolo elemento costitutivo. Questo ci permetterebbe di mettere l’intera torre in posizione verticale, ma in realtà è una rappresentazione limitata della realtà .”

Prospettiva più ampia

“Spesso dobbiamo apportare modifiche in diversi settori”, continua. “Se guardi da una prospettiva più ampia, hai molti più pulsanti che puoi attivare, il che alla fine ti dà una base più solida.”

L’agopuntura può aiutare a ridurre i sintomi della menopausa. Nel video qui sotto, puoi vedere come i vlogger della menopausa Pien e Juul vanno dall’agopuntore di Pien. Shan Su la aiuta a superare questa transizione nel modo più confortevole possibile.

fonte: Rivista V’GAN sullo stile di vita, NPO Radio 1

READ  Alla ricerca del ripristino dell'odore perduto dopo l'infezione da Corona