QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

pilota di caccia russo di 26 anni, fuggito a piedi in Lettonia: «non ho preso parte al crimine» |  Guerra Ucraina e Russia

pilota di caccia russo di 26 anni, fuggito a piedi in Lettonia: «non ho preso parte al crimine» | Guerra Ucraina e Russia

Nel gennaio di quest’anno, il 26enne Dmitry Meshov è fuggito dalla Russia. Così il giovane, che era pilota di caccia per addestramento, abbandonò il servizio militare. Ora, sei mesi dopo, racconta la sua storia alla BBC. In esso, Mishov afferma che l’esercito russo è caratterizzato principalmente da pesanti perdite e morale basso tra i soldati. “Nessuno crede alle autorità. Tutti sanno cosa sta realmente accadendo”, dice l’ex pilota.

Mishov è uno dei pochi soldati che è riuscito a fuggire dalla Russia e quindi a fuggire dai combattimenti in Ucraina. Il pilota di caccia ha lavorato nella regione di Pskov, nella Russia nordoccidentale. Poco prima dell’invasione russa, Mishov si rese conto che non stava più provando un ipotetico conflitto, ma che una vera guerra era imminente. Pertanto, ha presentato le sue dimissioni dall’Aeronautica Militare nel gennaio 2022.

Un mese dopo, quando la Russia invase l’Ucraina, le dimissioni di Mishov non furono approvate. Nel frattempo, il pilota è stato inviato in Bielorussia, dove ha dovuto trasportare equipaggiamento militare con il suo aereo da combattimento.


Mobilitazione militare

Nell’aprile 2022 il russo è tornato alla sua base di Pskov, dove ha dovuto attendere ancora mesi prima che le sue dimissioni venissero approvate. Ma alla fine non è mai arrivato. Dopotutto, nel settembre 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una “mobilitazione militare parziale”. Il risultato: Mishov è stato costretto a rimanere nell’Air Force. “Nessuno poteva dire perché è scoppiata la guerra, e improvvisamente abbiamo dovuto attaccare gli ucraini e distruggere le loro città”, ha ricordato.

READ  Le alte temperature in Spagna si avvicinano con l'avvicinarsi delle piogge

Nel gennaio 2023, a Mishov è stato detto che sarebbe stato inviato “in missione”. Il pilota capì immediatamente cosa significava e prese la drastica decisione di tentare il suicidio. Sperava di finire in ospedale e di essere dimesso per “motivi di salute”. Ma questo non era vero. Durante il ricovero in ospedale, il russo legge un articolo su un ex poliziotto di Pskov fuggito in Lettonia. Mishov ha deciso di seguire l’esempio.

Aspetto. Putin: “L’offensiva ucraina è iniziata, ma senza successo”

“Gli ucraini non sono nostri nemici”

Si è rifiutata di partecipare a un crimine. Se fossi stato in Ucraina, avrei dovuto uccidere dozzine di persone. Io non lo voglio. “Gli ucraini non sono nostri nemici”, ha detto Mishov. Questa opinione è condivisa da più soldati, secondo l’ex pilota. Pochi uomini credevano che avremmo protetto la Russia da un vero pericolo. Inoltre, non ci sarebbe stata una grande motivazione tra i militari e nessuno avrebbe creduto ai rapporti “ufficiali” che riportavano vittorie russe e poche sconfitte. Nessuno crede alle autorità. Tutti sanno cosa sta realmente accadendo”.

Mishov ha deciso di agire e tracciare un percorso verso il confine russo-lettone. Il volo è stato lungo e l’ex pilota aveva paura di essere scoperto. Ma alla fine ci è riuscito. Mishov ha raggiunto il confine e in seguito ha chiesto asilo lì. “Mi sentivo come se potessi finalmente respirare di nuovo”, ha detto il russo.




Chiunque abbia domande sul suicidio può contattare la Suicide Line al numero verde 1813 e sul sito web www.zelfmoord1813.be.