QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sono stati avviati cinque importanti studi sulle malattie cardiache

Sono stati avviati cinque importanti studi sulle malattie cardiache

Nei Paesi Bassi, circa 1,7 milioni di persone soffrono di malattie cardiovascolari. Ciò può avere un impatto significativo sulla vita quotidiana dei pazienti. Ad esempio, le persone con insufficienza cardiaca, in cui il cuore non riesce a pompare il sangue correttamente, si stancano e hanno il fiato corto molto rapidamente e spesso hanno difficoltà a salire le scale o ad andare in bicicletta. A volte le malattie cardiache portano al ricovero in ospedale o alla morte. Poiché c'è ancora molta incertezza sull'origine delle diverse malattie cardiache, i ricercatori dell'Istituto di ricerca CARIM di Maastricht vogliono capirlo meglio per prevenire la malattia e consentire un trattamento mirato.

Cambiamenti genetici nel sangue

Job Verdonschut, ricercatore e genetista clinico in formazione, studierà i cambiamenti genetici nelle cellule del sangue per comprendere meglio l'insufficienza cardiaca. Nell’insufficienza cardiaca, il cuore non pompa più il sangue correttamente. Sta studiando come i cambiamenti in questi geni contribuiscono alla risposta infiammatoria nel corpo che alla fine colpisce il muscolo cardiaco. “Abbiamo notato che i pazienti con insufficienza cardiaca hanno spesso un'infiammazione dormiente, ma sappiamo ancora poco sulle cause”, spiega Verdonschut. Recentemente è stato scoperto che i cambiamenti nei geni delle cellule del sangue possono svolgere un ruolo. Sebbene tali cambiamenti genetici avvengano senza problemi in molte persone, riteniamo che grandi cambiamenti causino infiammazioni e facciano quindi parte del meccanismo della malattia. Quindi Verdonschot va a uno Ampio database di pazienti con insufficienza cardiaca diastolica Investiga sulla frequenza con cui si verificano questi cambiamenti genetici. Sta anche studiando l'infiammazione nei topi con questo cambiamento genetico. “Vogliamo sapere se gli antinfiammatori possono aiutare a ridurre i sintomi e rallentare la progressione dell’insufficienza cardiaca nelle persone con questa mutazione nelle cellule del sangue, e quali antinfiammatori sono i migliori da scegliere”.

READ  Aumentano i ricoverati vaccinati, 'fattori totali'

Diversi tipi di infezioni

Vanessa Van Empel, cardiologa e ricercatrice, studierà come prevenire o rallentare l'insufficienza cardiaca. Considerano anche il ruolo delle reazioni infiammatorie. Vogliamo sapere se esistono sottogruppi di pazienti che presentano un proprio meccanismo infiammatorio e se questo influisce sul funzionamento del cuore. Se la risposta infiammatoria è diversa, anche il trattamento migliore potrebbe essere diverso. Van Empel aveva precedentemente creato un ampio database contenente dati di pazienti con insufficienza cardiaca per la ricerca scientifica – un database che Verdonschut spera possa rispondere alle sue domande di ricerca. Ora sta espandendo ulteriormente questo database: “Richiameremo tutti i pazienti nel nostro database per ottenere campioni di sangue”. Rimuoviamo i globuli bianchi da lì per studiare ulteriormente la risposta infiammatoria. L’obiettivo finale è trovare un trattamento migliore per l’insufficienza cardiaca.

Lascia che il muscolo cardiaco si ripari da solo

Leon de Vendt, professore di biologia vascolare molecolare, mira ad aiutare il muscolo cardiaco a ripararsi dopo un infarto. “Durante un infarto, il muscolo cardiaco viene danneggiato perché vi scorre troppo poco ossigeno, solitamente a causa dei vasi sanguigni bloccati”, afferma De Wendt. “Il problema è che il muscolo cardiaco non può ripararsi, quindi un attacco cardiaco provoca danni permanenti al cuore. Ma alcuni animali, come il pesce zebra e i topi spinosi africani, possono farlo.” Con queste conoscenze, vuole sviluppare una terapia genetica e studiare se può migliorare la capacità naturale del cuore umano di autoripararsi. Lo testerà sugli organoidi, che sono piccole versioni del cuore umano cellule staminali umane e su fette di muscolo cardiaco umano.

Peggioramento improvviso dell'insufficienza cardiaca

Miranda Knappen, M.D., professoressa assistente specializzata in metabolismo cardiaco, si concentra sul trattamento delle riacutizzazioni improvvise dell'insufficienza cardiaca. Quando i pazienti con insufficienza cardiaca manifestano un peggioramento dei sintomi, come mancanza di respiro, in un breve periodo di tempo, si parla di scompenso acuto dell'insufficienza cardiaca. Spesso le persone devono essere ricoverate in ospedale per questa condizione, ma non esiste ancora un buon trattamento. Questo perché il motivo del peggioramento della malattia non è chiaro, ma ci sono delle indicazioni. “Le alterazioni di alcune proteine ​​metaboliche sembrano svolgere un ruolo importante nel peggioramento dell’insufficienza cardiaca”, spiega Nabin. “Un nuovo farmaco che contrasta questi cambiamenti proteici ha migliorato la funzione cardiaca negli animali da laboratorio. La sua ricerca sui topi con insufficienza cardiaca si concentra sulla comprensione dei disturbi”. in queste proteine. “Vogliamo prima capire la progressione della malattia e studiare come i farmaci possono contrastare questi cambiamenti. Lo facciamo in momenti diversi per determinare quando il trattamento è più efficace. Oltre alla sua ricerca sui topi, Nabin utilizza anche gli organoidi per studiare l’insufficienza cardiaca nelle cellule umane. “In questo modo speriamo di trovare un farmaco in grado di ridurre il peggioramento dello scompenso cardiaco”.

READ  Un bambino del Malawi è stato infettato dal primo caso di poliomielite selvaggia in più di cinque anni in Africa: il mondo

Ripristina la risposta infiammatoria disturbata

Marilyn van Grevenbroek, biologa medica ed epidemiologa, indagherà su come il corpo ripristina l’omeostasi dopo una risposta infiammatoria. Una risposta infiammatoria ipoattiva sembra avere un ruolo nelle persone che sono adeguatamente trattate per fattori di rischio come l’ipertensione o il colesterolo alto, ma che sviluppano comunque malattie cardiovascolari. “Sebbene i farmaci possano ridurre la risposta infiammatoria e quindi prevenire o riparare i danni ai vasi sanguigni, aumentano anche il rischio di infezione”, spiega van Greevenbrouck. “Ecco perché ci concentriamo non sulla soppressione dell’infiammazione, ma sull’arresto dell’infiammazione una volta che ha fatto il suo lavoro”. Esamina sostanze speciali nel sangue che possono favorire il recupero dopo l'infiammazione. Queste sostanze sono chiamate “mediatori specializzati della proresolvina”. “Con i dati fuori.” Studio di Maastricht Stiamo studiando se le persone che hanno molte di queste sostanze nel sangue hanno meno probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Esaminiamo anche i geni coinvolti nella produzione e nel funzionamento di queste sostanze per vedere se svolgono un ruolo nel rischio di malattie cardiovascolari. Comprendere il meccanismo attraverso il quale l’organismo risolve la risposta infiammatoria può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

ERA4Health promuove la ricerca internazionale fornendo sostegno finanziario alle collaborazioni europee, anche nel campo delle malattie cardiovascolari. La ricerca di Job Verdonschut e Vanessa van Empel utilizza i dati di un ampio database reso possibile con il sostegno finanziario di Fondo per la ricerca cardiovascolare Limburgo È stato creato.