QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Potrebbe un gene di futuri centenari ringiovanire i nostri cuori di 10 anni?

Potrebbe un gene di futuri centenari ringiovanire i nostri cuori di 10 anni?

È possibile che in futuro vengano trovati altri mutanti con un potenziale benefico simile o addirittura superiore al gene mutato attualmente in esame. Madeddu e Puca ritengono che il loro studio potrebbe portare a una nuova ondata di trattamenti ispirati alla genetica dei centenari.

“I nostri risultati confermano che un gene sano e mutato può invertire il declino della funzione cardiaca negli anziani. Ora vogliamo vedere se anche la somministrazione di una proteina invece del gene funziona. La terapia genica è ampiamente utilizzata per trattare le malattie causate da geni difettosi , ma il trattamento che il trattamento a base di proteine ​​è più sicuro e più facile da eseguire rispetto alla terapia genica”. La proteina che verrà quindi fornita è la proteina codificata dal gene mutato.

“Abbiamo ricevuto finanziamenti dal Medical Research Council per testare una sana terapia genica per la progeria. Conosciuta anche come sindrome di Hutchinson-Guilford, questa malattia genetica provoca danni al cuore e ai vasi sanguigni dei bambini in tenera età. Abbiamo anche ricevuto finanziamenti dalla British Heart Foundation e Diabetes UK per testare la proteina nei topi anziani e diabetici”, ha detto.

La terapia genica che utilizza il gene intatto è già stata dimostrata in modelli murini per prevenire l’insorgenza dell’aterosclerosi [verharding van de slagaders door plaques]”Previene l’invecchiamento dei vasi sanguigni e le complicanze del diabete e ringiovanisce il sistema immunitario”. “Abbiamo una nuova conferma e potenziamento del potenziale terapeutico del gene/proteina”.

I ricercatori sperano di poter presto avviare studi clinici su pazienti con insufficienza cardiaca.

Lo studio dei ricercatori è stato pubblicato in Ricerca cardiovascolare. Questo articolo si basa su un comunicato stampa dell’Università di Bristol e su un telex dell’agenzia di stampa IPS.

READ  Ipossia renale nei pazienti diabetici