QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Protezione degli animali: l’epidemia annuale di influenza aviaria è intollerabile

La protezione degli animali descrive i focolai annuali ricorrenti di influenza aviaria come insostenibili. L’organizzazione sottolinea che è tempo di lavorare sodo sulle soluzioni strutturali. Ciò include anche i colli di bottiglia relativi all’azoto, all’acqua, al clima, alle zoonosi e al benessere degli animali.

La protezione degli animali considera l’influenza aviaria un problema perenne, poiché le varianti altamente patogene del virus HPAI sono ora endemiche negli uccelli selvatici. Secondo Dierenbescherming, l’attuale lotta contro l’uccisione degli animali e l’obbligo di tenerli in gabbia non sono più validi. Lo ha scritto il sito web di Animal Protection in una nota apparsa il 6 maggio.

impollinare

Dierenbescherming conclude che “tutti sembrano concordare sul fatto che la vaccinazione del pollame sia essenziale”. Nei Paesi Bassi sono attualmente in preparazione prove di vaccini contro l’influenza aviaria. Anche la Francia testa i vaccini e chiede all’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) di fornire una panoramica dei vaccini contro l’influenza aviaria. Lei chiama questa protezione degli animali “passi nella giusta direzione”.

Secondo Dierenbescherming, è importante che i vaccini vengano utilizzati nella pratica il più rapidamente possibile. Il Dipartimento dell’Agricoltura può contribuire a questo fornendo più fondi per la ricerca sui vaccini. Secondo Dierenbescherming, anche un piano di vaccinazione graduale – uno dei punti d’azione dell’approccio Strategic Roadmap per l’influenza aviaria – è importante. Uno dei punti principali di questo è la rimozione delle strozzature come le barriere commerciali.

Meno animali per azienda

Inoltre, Dierenbescherming sostiene per un minor numero di animali per azienda in aree come Gelderse Vallei e intorno a Venray. Aree in cui gli allevamenti di pollame sono altamente concentrati. L’organizzazione fa affidamento sul rapporto della Commissione Beckdam “Zonosis on the Horizon”. Ridurre il numero di animali in ogni allevamento è una raccomandazione chiave di questo comitato.

READ  Non c'è quasi nessuna possibilità di contaminazione con l'influenza aviaria attraverso la ventilazione

Dierenbescherming ha scritto: “Non solo il numero di animali in un allevamento infetto ridurrebbe il rischio di mutanti (pericolosi per l’uomo), ma anche un minor numero di animali dovrebbe essere ucciso se l'”epurazione” dovesse comunque essere eseguita. L’organizzazione sottolinea inoltre che occorre trovare una soluzione per le aziende ubicate in prossimità di grandi specchi d’acqua e per le aziende vicine alla “nuova natura umida”.

Invia uccelli acquatici

Gli obiettivi della natura dovrebbero guidare quando si creano nuove zone umide. Ove possibile, si può tenere conto della presenza di allevamenti di pollame, ma non sarà così ovunque. La natura bagnata può anche aiutare a mandare gli uccelli acquatici dove vuoi, dice Dierenbescherming.

Al fine di ridurre il rischio di infezione da influenza aviaria, Dierenbescherming afferma che “sono necessari grandi passi”. L’organizzazione ritiene che sia giunto il momento di lavorare sodo su tutte le soluzioni possibili. “Non solo perché il benessere degli animali è ora a rischio a causa dell’obbligo di abbattimento e del lungo confinamento, ma anche gli allevatori di pollame, il settore dell’allevamento all’aperto e la salute pubblica”.