QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Sudafrica entra nella quinta ondata di Corona con i fratelli Omicron, ma non c’è bisogno di farsi prendere dal panico

Più del cinquanta per cento delle infezioni in Sud Africa sono ora legate a sottotipi. Pertanto BA.4 e BA.5 sembrano essere dominanti. Tuttavia, le percentuali possono fornire un’immagine distorta, afferma Preiser. “Perché con la nostra ricerca, stiamo ora ingrandendo i punti caldi e alcune parti densamente popolate del paese. Quindi non è necessariamente rappresentativo dell’intero Sud Africa”.

disegno di mappe

Ingrandisci e condividi rapidamente le informazioni. Questo è ciò che gli scienziati in Sud Africa fanno tutto il tempo. Il professor Breiser e il virologo de Oliveira fanno parte di una rete di organizzazioni di ricerca, laboratori e università in Sud Africa che mappano e monitorano le varianti. Lo stato è stato il primo a raccogliere la beta e quindi anche Omicron.

Preiser: “Abbiamo una capacità di test inferiore rispetto ai paesi occidentali, ma se vediamo qualcosa di diverso, la nostra rete condivide rapidamente i risultati dei test e vedremo se riusciremo a rilevare queste anomalie altrove”.

Scienziati in Sud Africa stanno anche cercando di determinare come si diffondono queste sottospecie, se sono più contagiose e patogene e se i vaccini esistenti stanno funzionando bene. È ancora molto presto e molte speculazioni. Ma i sottotipi sembrano essere in qualche modo più contagiosi e ci sono prove iniziali che anche se si hanno gli anticorpi, attraverso una precedente infezione o vaccinazione, è ancora possibile ottenere il sottotipo.

Il tasso di vaccinazione è basso

“Studi preliminari indicano che i sottotipi hanno maggiori probabilità di eludere il sistema immunitario”, afferma Brisher. Resta da vedere cosa questo significhi per il Sudafrica. In Sud Africa il tasso di vaccinazione è molto basso: 31 per cento. Tuttavia, molti sudafricani, secondo studi di almeno l’ottanta per cento, sono già stati infettati dalla corona e sviluppano anticorpi in questo modo.

READ  In piedi contro il cancro Gli insegnanti vogliono essere in grado di tornare al lavoro in modo più flessibile dopo una malattia a lungo termine

La sottospecie non sembra più disgustosa dell’originale Omicron al momento. Non sono stati osservati nuovi sintomi. Tuttavia, il numero dei ricoveri ospedalieri è in aumento. “Più infezioni si traducono sempre in più ricoveri e più decessi, ma ciò non significa che ti ammalerai gravemente”, afferma Brisher.

grande successo

“Non farti prendere dal panico” de Oliveira ha scritto su BA.4 e BA.5 su Twitter. La sua notizia di Omicron a novembre ha indotto diversi paesi a chiudere le porte al Sud Africa. È stato un duro colpo per il turismo. Gli scienziati hanno ritenuto che lo stato fosse stato punito per la loro ricerca di alta qualità.

Quindi i virologi ora affermano di non sapere ancora molto. E non deve essere male. Preiser spera che questo nuovo sviluppo con le sottospecie sarà “l’inizio del futuro”. “Questo potrebbe essere che omikron rimane sempre con noi e cambia in modo che possa infettarci di nuovo. Potrebbe significare che dobbiamo continuare a migliorare e adattare il vaccino. Ho ancora qualche speranza che ci stiamo dirigendo verso un virus endemico che lo farà uccidere ‘pazienti per pochi giorni e non ammalati gravemente’”.