QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quale di queste foto è stata scattata utilizzando l’intelligenza artificiale?  Un esperto dà consigli

Quale di queste foto è stata scattata utilizzando l’intelligenza artificiale? Un esperto dà consigli

Le foto false stanno diventando ogni giorno più reali e una foto inventata o manipolata è altrettanto contorta insieme in questi giorni.

La buona notizia è che le persone hanno un istinto naturale per identificare quelle foto false, dice Siwi LiuProfessore di Informatica e Ingegneria presso l’Università di Buffalo. Lyu appartiene a un gruppo di scienziati che stanno combattendo l’intelligenza artificiale con l’intelligenza artificiale: hanno scoperto che il modo migliore per insegnare a un algoritmo a riconoscere le immagini artificiose è mostrare agli umani come farlo.

Tuttavia, non è senza l’opportunità di scattare una foto falsa in anticipo. Possiamo fare affidamento sul nostro istinto per individuare gli errori. Come? Leo lo spiega di seguito.

Suggerimento 1: prenditi il ​​tuo tempo

Siamo inondati di informazioni tutto il giorno e ce l’abbiamo L’elaborazione delle immagini richiede solo tredici millisecondi. Questo è un tempo sufficiente per analizzare ciò che viene fotografato, ma non per elaborare se ciò che stai vedendo è vero. “La prossima volta che ti imbatti in qualcosa di interessante o divertente, prenditi un momento”, dice Leo.

I programmi di intelligenza artificiale creano immagini realistiche guardando una grande quantità di immagini reali. Secondo Liu, il loro tallone d’Achille è che sanno solo ciò che hanno visto e non sono sicuri a cosa prestare attenzione. Ad esempio, le persone nei video deepfake non battono mai le palpebre, perché l’intelligenza artificiale viene spesso addestrata su immagini di persone con gli occhi aperti.

Secondo consiglio: attenzione alle mani e agli occhi

Se c’è una persona in una foto, Leo consiglia di guardare le mani e gli occhi. I programmi di intelligenza artificiale non sono ancora molto bravi a creare mani realistiche. A volte hanno sei dita, o dita tutte della stessa lunghezza o posizionate in modo strano.

READ  Motorola Edge 40 in diversi colori mostrati sul rendering

Non molto tempo fa, Internet era sotto l’influenza di a Immagine generata dall’intelligenza artificiale Papa Francesco con un cappotto Balenciaga. Se guardi da vicino la sua mano che tiene la sua tazza di caffè, puoi vedere che sembra innaturale.

Perché gli occhi? Le pupille sono spesso rotonde negli esseri umani, ma l’intelligenza artificiale a volte mette strane forme d’ombra al centro dell’occhio. I riflessi di luce devono sempre trovarsi nello stesso punto con entrambi gli occhi, ma l’IA di solito ha problemi anche con quello.

Suggerimento 3: fai attenzione alle ombre

L’intelligenza artificiale lotta regolarmente con le leggi della fisica. Ciò rende difficile imitare luci e ombre. Soprattutto se nell’immagine è presente una finestra o una superficie riflettente, spesso vedrai luci e ombre dove non dovresti.

Inoltre, molte delle immagini sintetiche mostrano una morbidezza innaturale nei punti in cui la trama ha più senso.

Suggerimento 4: strumenti per rilevare i falsi

Ci sono aziende che verificano le foto, ma questo ha un prezzo. Mentre l’intelligenza artificiale continua a svilupparsi, secondo Liu, abbiamo anche bisogno di software e strumenti più accessibili per rilevare i contenuti di intelligenza artificiale. Con il suo team sta sviluppando un programma gratuito chiamato DeepFake-o-metroma non è ancora disponibile per gli utenti.

Quale ghepardo era un falso?

Hai scelto quello falso? L’immagine qui sotto (leopardo a sinistra nell’immagine in alto) è falsa. L’immagine è stata creata dal programma DALLE 2. Le altre due immagini sono state scattate da Frans Lanting in Namibia.

Questa immagine generata dall’intelligenza artificiale è stata creata utilizzando DALL E 2. Le seguenti informazioni sono state fornite al programma: Immagine del profilo in stile National Geographic di un leopardo in Africa.

Frans Lanting, raccolta di immagini Nat Geo