QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quando il calcio italiano andrà online, il bonus sui diritti televisivi potrebbe diminuire

L’accordo di trasmissione tra la Lega italiana e il sito di streaming DAZN, annunciato venerdì, potrebbe segnalare una piccola rivoluzione, ma continua a ristagnare o calare nel valore dei diritti televisivi.

AFP Sport circonda la posizione finanziaria dei primi cinque campionati in Europa poiché anche la Premier League inglese fatica a mantenere le dimensioni dei suoi contratti.

Inghilterra

La Premier League ha ancora i più grandi affari di calcio del mondo, ma il mercato è visto con meno salute. Nonostante l’ingresso di Amazon, che ha acquistato 20 partite in una stagione, l’accordo originale per il 2019-2022 era di $ 5 miliardi (85 5,85 miliardi), indicando un piccolo calo nel 2016-2019, da $ 1,1 miliardi. Ma con l’epidemia di Covid-19, il campionato offre agli spettatori più partite per meno soldi. La lega ha accettato di pagare uno sconto di 330 milioni di dollari alle emittenti nazionali e straniere dopo che l’epidemia è scoppiata la scorsa stagione. Tuttavia, il suo pezzo più grande, 170 milioni di dollari a Sky, viene posticipato. I contratti nazionali originali coprivano 180 delle 380 partite in una stagione. Poiché gli stadi erano vuoti, il campionato ha cercato di lanciare un servizio a colpo d’occhio per l’importo in sospeso, ma i tifosi si sono rifiutati di acquistare. Insultato, il campionato ha “regalato” le restanti partite ai proprietari senza costi aggiuntivi, comprese alcune partite sulla BBC e le prime partite della stazione nazionale in chiaro nella storia della Premier League. La successiva tornata di offerte per i diritti televisivi è iniziata con segnali di un ulteriore calo del valore dei contratti interni.

Italia

Una piccola rivoluzione avverrà in Italia dalla prossima stagione, con la maggior parte delle partite del campionato trasmesse in streaming dalla piattaforma DAZN, che venerdì ha accettato di pagare 2,5 2,52 miliardi per il pacchetto principale dei prossimi tre diritti, superando l’emittente Sky. Le stagioni. Dal 2018 a questa stagione, Sky e DAZN hanno condiviso i diritti televisivi nazionali sulla Serie A con accordi per 97.973 milioni all’anno. Entro il 2021-24, DAZN pagherà circa 40 840 milioni all’anno per trasmettere dieci partite ogni settimana, ma dovrà condividere tre partite con un’altra emittente. Le vendite di quelle partite sono ancora in trattative con Sky. Il campionato italiano spera che gli accordi finali saranno il più vicino possibile al totale attuale.

READ  L'Italia ha bisogno del vaccino per gli operatori sanitari: chi rifiuterà sarà severamente punito

Germania

La Bundesliga tedesca ha negoziato nuovi accordi televisivi per le sue due divisioni al culmine dell’epidemia la scorsa estate. L’accordo quadriennale nazionale con Sky Deutschland e DAZN, del valore di 4. 4,4 miliardi a stagione o 1 1,1 miliardi a stagione, segna un leggero calo del contratto precedente. I fan sono impopolari e Sky mostrerà le partite del sabato e le partite DAZN la domenica. Il boss della Bundesliga Christian Shepherd ha detto dell’accordo: “Ci dà un’enorme stabilità in tempi di incertezza”.

Spagna

In Spagna, La Liga ha assegnato i diritti televisivi 2019-22 al suo campionato a Telefonica (il canale televisivo Movistar, di proprietà della principale emittente della Liga) e MediaPro per 3,421 miliardi, o 1,14 miliardi in media a stagione. . È difficile fare un confronto con gli accordi precedenti perché prima del 2016 i club vendevano i loro diritti separatamente. L’epidemia ha costretto a diminuire il valore dei contratti, soprattutto La Liga, che ha dovuto riconsiderare l’accordo da 460 milioni di euro con MediaPro per i diritti di trasmissione delle partite nei negozi di liquori spagnoli, che sono stati duramente colpiti dall’epidemia.

Francia

L’emittente sino-spagnola MediaPro ha avuto scarso successo costringendo il campionato francese a firmare un contratto annuale da 1,217 miliardi per i diritti di maggioranza delle partite LQ1 e LQ2 per il 2020-24. Invece le leghe hanno stracciato l’accordo a dicembre. Al suo posto, le leghe hanno firmato un accordo del valore di circa 68683 milioni con il vecchio partner Canal + in questa stagione, segnalando un calo di quasi il 50% delle entrate previste. Dopo questa stagione, il film per la TV è vago: i diritti non sono ancora stati negoziati.

READ  L'Italia respinge con veemenza l'accordo dei due stati per Cipro razzialmente segregata

fresa / alu / jr / jld / pb / dj