QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Recensione JBL Tour One M2: design elegante e prestazioni audio migliorate

Recensione JBL Tour One M2: design elegante e prestazioni audio migliorate

Vantaggi

Molto comodo

Riproduzione del suono bilanciata

I controlli non sono d’intralcio

Prezzo consigliato: 251,99 euro

Alla JBL capiscono che le cuffie non dovrebbero solo suonare bene, ma anche suonare bene. I nostri occhi si dilettano con il JBL Tour One M2, ma le nostre orecchie si uniranno?

Siamo onesti: la maggior parte delle cuffie ha lo stesso aspetto. Comprende sempre due gusci che possono essere ruotati e legati insieme con una cinghia. Ad essere onesti, non siamo davvero pazzi per l’aspetto della maggior parte delle cuffie oggi. Tuttavia, le cose sono cambiate quando abbiamo visto per la prima volta il JBL Tour One M2 color champagne. A nostro avviso queste cuffie, a cui JBL si rivolge principalmente ai professionisti, sembrano particolarmente eleganti.

Design e comodità

Non solo i nostri occhi sono rimasti soddisfatti del JBL Tour One M2: anche le nostre teste se ne sono subito innamorate. Ovviamente le cuffie sono progettate per essere indossate in testa per diverse ore e funzionano senza alcuna lamentela. Il dispositivo pesa circa 278 grammi, quindi sicuramente non è troppo pesante. Le coppe, che possono essere ruotate, si adattano comodamente alle orecchie grazie ai cuscinetti ultra morbidi. In effetti sulla comodità c’è solo una cosa da dire: qui è altrettanto bello. Il fatto che il comfort vada di pari passo con la durabilità lo rende ancora migliore. In altre parole, sbattere la testa o tirare fuori qualcosa dallo zaino non è un problema: le cuffie restano ben salde sulla testa.

JBL Tour One M2 color champagne. ©JBL

Troviamo conforto anche nel modo in cui funziona il JBL Tour One M2. Sulla cover destra sono presenti due pulsanti sul retro, vicino al collo, per regolare il volume. Sopra troverai l’interruttore di accensione/spegnimento con il quale potrai mettere subito le cuffie in modalità abbinamento. Sul lato destro troverai anche una superficie sensibile al tocco. Ciò consente di mettere in pausa o continuare la musica, registrare ed effettuare telefonate, avanzare velocemente, ecc. La superficie sensibile al tocco inizia abbastanza in alto ed è facile da trovare, ma di certo non è d’intralcio quando si azionano i pulsanti fisici. Sul lato sinistro delle cuffie troverai il pulsante multifunzione TalkThru: per impostazione predefinita questo pulsante attiva la modalità TalkThru. Tuttavia, puoi anche impostare questo pulsante per alternare tra le modalità Ambient Aware e ANC o persino attivare l’assistente vocale.

READ  Swirling Captor espande il Paese delle Meraviglie Tiny Tina di domani in arrivo

Qualità del suono

La qualità del suono del JBL Tour One M2 dipenderà leggermente dal dispositivo a cui ti connetti e da come. Le cuffie non solo offrono la tecnologia Bluetooth, ma sono anche dotate di un classico cavo da 3,5 mm. Tuttavia, il nostro iPhone 13 non ha un ingresso AUX, ma ha il Bluetooth – quindi il Tour One è stato testato in modalità wireless qui. Le cuffie supportano il Bluetooth 5.3, anche se il nostro telefono non ha ancora raggiunto quel punto con il Bluetooth 5.0. Ascoltare tramite iPhone significa anche utilizzare il codec AAC. Questa è la nostra migliore opzione: altrimenti il ​​Tour One M2 supporta solo SBC. Il supporto per i codec audio LC3 e LC3+ arriverà sulle cuffie in un secondo momento.

Va tutto bene, ma che aspetto ha? Nel complesso, grazie ai driver da 40 mm, suona davvero bene. Quando testiamo le cuffie, manteniamo sempre l’EQ piatto, ma anche in questo caso i bassi vengono bene, nel vero stile JBL. Anche se scegli di aumentare il livello dei bassi, fa comunque impressione: potente come dovrebbe essere su brani come Cherrymoon Trax. Casama il JBL Tour One M2 sa come tenere sotto controllo quei bassi Cambiamenti di argomento Da Thundercat. È anche evidente in quella canzone che la gamma media rimane relativamente costante. La voce non risalta, ma nel complesso viene dato abbastanza spazio nel mix. C’è sicuramente molto da fare nella fascia più alta dello spettro: i toppers sembrano freschi, eleganti e raramente nitidi.

Il JBL Tour One M2 è dotato anche di un’opzione audio spaziale. Siamo rimasti meno colpiti. Il palcoscenico sonoro del One M2 è comunque meno spazioso. Soprattutto quando guardiamo come Jabra porta l’audio spaziale nelle cuffie Elite 10, non possiamo fare a meno di concludere che JBL ha ancora del lavoro da fare qui.

READ  Il prezzo del Samsung Galaxy S21 FE è diventato più economico, ma...

Caratteristiche speciali

Inoltre, JBL offre numerose funzionalità speciali che ti consentono di personalizzare l’esperienza audio a tuo piacimento. Una di queste funzioni si chiama “Personi-Fi”: attraverso un test dell’udito, le cuffie aumenteranno determinate frequenze, in modo che la tua esperienza musicale sia ottimale. Per noi, questo ha significato principalmente che la trilogia è stata un po’ rinforzata, il che di per sé non ha contribuito molto all’esperienza complessiva.

Un altro strumento che in realtà non viene utilizzato molto spesso sono le diverse modalità di ascolto. Ad esempio, puoi impostare il JBL Tour One M2 sulla modalità musica o video: in quest’ultimo caso, JBL riduce il ritardo dell’audio, in modo che l’immagine e il suono arrivino contemporaneamente. È una bella aggiunta, anche se ormai sono abituato al ritardo. La funzionalità non aggiunge molto, ma la qualità del suono della vostra catena diventa immediatamente meno buona.

Inoltre, il JBL Tour One M2 è dotato di numerose modalità di trasparenza. Puoi attivare la funzione ANC adattiva per eliminare tutto il rumore ambientale. Di solito funziona bene, anche se a volte si sente che l’ANC deve lavorare più intensamente per stare al passo con il rumore ambientale. Inoltre, il Tour One M2 è dotato di una modalità di trasparenza che JBL chiama “Ambient Aware”. Chiunque abbia letto la nostra recensione delle cuffie JBL Tour Pro 2 sa che non siamo davvero fan di queste due parole. Tuttavia, in queste cuffie la situazione è molto meno catastrofica: il rumore c’è ancora, ma non domina tutti i suoni che vuoi sentire. Possiamo dire che è utile qui.

READ  Facebook aggiungerà un podcast alla piattaforma il 22 giugno - IT Pro - Notizie

Ultimo ma non meno importante, le cuffie dispongono anche della funzione TalkThru, che disattiva l’audio della musica e consente di conversare senza togliersi le cuffie. Con VoiceAware puoi anche regolare la quantità di suono che senti. La funzione funziona, ma certamente non è così buona come le tue orecchie. Tuttavia, basta un piccolo sforzo per far scorrere indietro il guscio ed esporre l’orecchio. Non ti vedremo utilizzare questa funzione tanto presto.

Conclusione

Possiamo riassumere la durata della batteria: senza ANC e a volume medio si può giocare per circa 50 ore. Attivi l’ANC? Quindi la durata della batteria scende a circa 30 ore. La durata della batteria è lunga, anche se avrebbe potuto essere un po’ più lunga. Le cuffie JBL Tour Pro M2 sono assolutamente fantastiche da avere in testa. Mentre le altre cuffie scompaiono sempre dalle nostre teste dopo un’ora o due – perché ci stanchiamo e dobbiamo ricaricarle – le JBL Tour Pro M2 rimangono semplicemente al loro posto. E prima che tu te ne accorga, quelle 30-50 ore sono passate, il che dimostra davvero che si tratta di cuffie eccellenti.