QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rischi urgenti per la salute dei richiedenti asilo nei rifugi di emergenza |  notizia

Rischi urgenti per la salute dei richiedenti asilo nei rifugi di emergenza | notizia

notizia | 09-03-2023 | 09:00

Ci sono gravi carenze nell’assistenza sanitaria e nelle condizioni di vita dei richiedenti asilo nei centri di accoglienza di emergenza organizzati dai comuni. Ciò comporta rischi immediati per la loro salute. Ma ci sono anche rischi per la salute pubblica in un contesto più ampio: se contraggono malattie infettive o se i bambini non ricevono le loro regolari vaccinazioni. I rischi derivavano da una permanenza prolungata nel ricovero d’emergenza, che in realtà era previsto solo per una settimana.

immagine: ©ANP/Roland Heitink

Sito di ricovero di emergenza

È quanto scrive l’Ispettorato per la salute e il benessere dei giovani (IGJ) dopo le visite a 9 siti di accoglienza di emergenza in situazioni di crisi.
Il personale motivato fa del proprio meglio, facendo tutto il possibile per ridurre i rischi e fornire un’assistenza decente. Ma i siti semplicemente non sono adatti per cure che durano più di una settimana. Mentre molti residenti vivono lì da più di sei mesi ormai.
I luoghi di accoglienza di emergenza per crisi sono predisposti dai comuni, perché i centri ordinari per richiedenti asilo ei siti di accoglienza di emergenza dell’Agenzia centrale per l’accoglienza dei richiedenti asilo (COA) sono pieni.

Grandi carenze nelle cure e pressanti rischi per la salute

L’organismo di controllo ha riscontrato carenze che comportano rischi significativi. il più importante:

  • L’assistenza medica di emergenza è disponibile solo nei siti di accoglienza di crisi di emergenza, non le cure che possono anche subire ritardi. Questo non è un problema immediato se il richiedente asilo rimane in un centro di emergenza solo per una settimana, ma se vive lì da un periodo più lungo.
  • Nessuna assunzione medica e screening per la tubercolosi (TB) prima dell’ammissione al rifugio di crisi di emergenza. Di conseguenza, le persone con diabete aspettano più a lungo per ricevere aiuto e possono trasmettere la tubercolosi o altre malattie infettive, come la scabbia.
  • Se è coinvolta una parte diversa dalla GZA, non ci sarà alcuna cartella elettronica del paziente. Di conseguenza, non esiste una panoramica dello stato medico di una persona. Questo è un problema particolare con il rinvio e il trasferimento da un fornitore all’altro. Questo accade spesso proprio a causa dei numerosi spostamenti di richiedenti asilo.
  • La sanità giovanile non vede molti bambini. Di conseguenza, non ricevono vaccinazioni contro parotite, morbillo, rosolia, difterite, pertosse, tetano e poliomielite.
  • Le persone con problemi di salute mentale non dovrebbero vivere in rifugi di emergenza, ma lo fanno. L’invio all’assistenza sanitaria mentale (ggz) da un rifugio di emergenza non è possibile, tranne in caso di problemi acuti. Anche le condizioni di vita e l’incertezza a lungo termine causano stress psicologico.
  • In alcuni centri è difficile mantenere puliti i servizi igienici. Anche a causa della disposizione dei siti, l’infezione da una malattia infettiva può facilmente portare a un’ulteriore diffusione.

Raccomandazioni

Tutti concordano sul fatto che i rifugi di emergenza non sono adatti per una vita a lungo termine. Ma a causa delle circostanze (la crisi dell’asilo e la carenza di personale nel settore sanitario), finora ciò non può essere evitato. L’organismo di controllo non vede opportunità per ridurre le carenze nelle cure ei rischi per la salute della popolazione. L’Ispettorato formula raccomandazioni in materia al Ministero della giustizia e della sicurezza, al COA, ai GGD e ai comuni. Scegli da:

  • ricovero medico ed esame tubercolosi nuovamente il giorno successivo all’arrivo;
  • Non solo cure mediche di emergenza, ma anche altre cure, proprio come i normali centri per richiedenti asilo;
  • cartelle cliniche digitali;
  • Assistenza sanitaria per i giovani e Programma nazionale di vaccinazione per bambini e adolescenti;
  • condizioni di vita più sane;
  • I deboli sono nel rifugio di emergenza per il minor tempo possibile.
READ  Inverno rigido da RSV, ma ancora niente panico negli ospedali