QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rohan Dennis mette a segno una doppietta in Round Down Under | Tour Down sotto il 2023

Rohan Dennis (Jumbo-Visma) ha completamente dominato la seconda tappa del Tour Down Under. L’australiano di Brighton è arrivato a Victor Harbor dopo 155 chilometri nel gruppo elite, davanti al connazionale Guy Fine, allo svizzero junior Mauro Schmid, al britannico Simon Yates e all’altro australiano Guy Hindley. Dennis sostituisce anche Alberto Betiol come capitano. Caleb Ewan ha vinto il gruppo.

Guarda l’ultimo chilometro:

Il vento gioca con gli australiani in cima alla salita finale

Dopo il vantaggio di ieri e la corsa da velocista di ieri, oggi gli Strikers hanno avuto la loro occasione. Anche il vento può svolgere il suo ruolo lungo il percorso. Johann Jacobs e Manuel Poirot volevano anticipare i fan e sono partiti per un’avventura.

Invano, perché il vento ha già fatto la sua partita e dopo 50 km il gruppo si è spaccato. La maggior parte dei favoriti era davanti e una volta che la pista è cambiata, la pace è tornata nel gruppo.

A 20 km dal traguardo c’era la vetta dell’ultimo gladiatore della giornata, Nettle Hill (2,5 km in più del 6,8%, in media). Il ritmo era alto, la tensione era alta e Michael Matthews, che aveva raccolto bonus lungo la strada proprio mentre mercoledì puntava alla vittoria assoluta, è stato improvvisamente messo da parte per problemi di equipaggiamento.

Jay Vine è stato il primo ad aprire i dibattiti estenuanti poco dopo che Simon Yates si è trasferito, così come Rohan Dennis, Mauro Schmid e Guy Hindley. I cinque hanno completato la vetta con un bonus di circa 25 secondi sul gruppo che si assottigliava, quando Matthews è rientrato.

(Continua a leggere sotto l’immagine)

Gruppo d’élite di 5: Schmid, Yates, Fine, Denise e Hindley.

Nella discesa e nel tratto pianeggiante fino al traguardo, i cinque, inclusi 3 dei migliori corridori australiani, hanno aumentato il loro vantaggio a 40 secondi. Dietro di loro, il capo Betul ha sofferto di crampi e la sua squadra EF è caduta all’inseguimento dei fuggitivi.

Davanti, è stato Hindley a scivolare nella buca, ma Dennis ha infilato qualcosa nel serbatoio e lo ha superato. Buono per aver preso la vittoria di due secondi su Vine.

Caleb Ewan ha vinto il gruppo dopo 11 secondi. Dennis è il nuovo leader, tre secondi davanti a Fine e 12 secondi davanti a Magnus Sheffield.

Dennis ha detto: “Me l’aspettavo, ma non sapevo che il viaggio sarebbe finito”.

A Nettle Hill, i cinque grandi nomi hanno visto la loro possibilità: “Sono saltato dietro a Vine e Yates”, ha detto Dennis. “Da quel momento in poi è stata una lotta fino alla fine. Speravo che Yeats non attaccasse perché sembrava pronto. Ma tutto va bene quel che finisce bene”.

Da locale, Dennis ha predetto in anticipo che quell’ultimo brufolo avrebbe potuto significare qualcosa: “È roba pesante, è difficile da controllare. E Fine e Yates provano sempre qualcosa. Ma non pensavo che il viaggio sarebbe andato da lì alla fine. . Per fortuna c’ero io.”

Yates non ha guidato perché avrebbe potuto nascondersi dietro il suo leader, Michael Matthews. “Lo sapevamo”, ammise Denise. A proposito, Matthews non pensava che fosse rispettoso nei suoi confronti essere attaccato quando soffriva di guasti meccanici. “È un peccato che Matthews abbia perso tempo a causa della sfortuna, ma devi rischiare quando puoi.”

READ  Che dire di Axel Witsel, più di una settimana prima della scelta del Campionato Europeo? "Può iniziare a correre sul campo" | diavoli Rossi