QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Sarebbe più comodo per le persone indossare scarpe con la suola bianca”: il team delle pulizie riesce a malapena a sbarazzarsi delle strisce nere di KMSKA con un normale mocio, ma con una macchina che funziona senza intoppi ogni giorno | Anversa

AnversaIl Museo Reale di Belle Arti di Anversa (KMSKA) ha aperto i battenti a festa lo scorso fine settimana dopo 11 anni di lavori di ristrutturazione. Nel weekend di apertura sono arrivati ​​15.000 visitatori e questo ha lasciato il segno: il pavimento bianco lucido è perfettamente esposto alle strisce nere. Ma questo non infastidisce la maggior parte dei visitatori. Inoltre, sembra che il team di pulizia possa rimuovere facilmente le linee con le macchine che usano per pulire il museo ogni mattina.

Sabato è stato il giorno di apertura del rinnovato Museo Reale di Belle Arti di Anversa. La riapertura dopo undici anni di rinnovamento è considerata l’evento clou culturale di quest’anno. Rotterdam KAAN Architecten è stata in grado di aumentare lo spazio espositivo di almeno il 40% con un “museo nel museo”. Il contrasto tra la parte familiare del museo con i maestri fiamminghi e le nuove sale bianche come la neve con i “modernisti” è schiacciante. Costo di rinnovo? 107 milioni di euro.

(Leggi di più sotto la foto)

Tutto sommato, le strisce nere sul pavimento bianco del KMSKA non sono poi così male. © Tessa Gru

Tutto sommato, le strisce nere sul pavimento bianco del KMSKA non sono poi così male.

Tutto sommato, le strisce nere sul pavimento bianco del KMSKA non sono poi così male. © Tessa Gru

lungo termine

Prima dei festeggiamenti dello scorso fine settimana, il pavimento bianco lucido della nuova sezione del museo brillava ancora. Ora, dopo qualche giorno, sul pavimento sono apparse alcune striature. Secondo Marie, 22 anni, e Milla Deckersmaker, 20, “questo toglie un po’ l’aspetto ‘pulito’ del museo”. Visitano il museo il giorno del compleanno di Mila. “Ma pensiamo che sia un bel pavimento: il riflesso ingrandisce la stanza. Peccato solo che si sporchi in fretta. Non sappiamo se sarà sostenibile a lungo termine, chissà come sarà il pavimento in un anno.”

Quando scattiamo una foto di una macchia sul pavimento, la visitatrice Diana Daponte (71) appare visibilmente sconvolta. “Dai, è così bello qui, e poi ti concentri su quelle poche righe sul pavimento”, dice. “Questo in realtà non sopravvive all’arte e all’edificio. So che le persone se ne risentono e posso presumere che alcune persone pensino che il pavimento dovrebbe essere sempre pulito ed elastico. Ma sono ancora eccitato, non mi disturba. sono contento che il museo abbia riaperto”.

(Leggi di più sotto le foto)

Mila e Mary Deckersmaker.

Mila e Mary Deckersmaker. © Tessa Gru

Gli addetti alle pulizie Muhammed e Radwan mantengono costantemente pulito il pavimento lucido di KMSKA.

Gli addetti alle pulizie Muhammed e Radwan mantengono costantemente pulito il pavimento lucido di KMSKA. © Tessa Gru

suole di scarpe bianche

In effetti, le strisce nere sul pavimento non sono poi così male, grazie in parte a Mohammed, 39 anni, e Ridwan, 42 anni, dell’impresa di pulizie Gom, che hanno passato un’intera giornata a perlustrare il museo con il loro mocio. “Tutto dovrebbe brillare”, sorridono. “Puliamo costantemente il pavimento, dall’alto in basso e sul retro. Non è molto facile rimuovere le striature con questo mocio, al mattino lo facciamo con la macchina. Questo è molto meglio, ma non possiamo farlo se ci sono persone. Sarebbe utile che le persone indossassero. Le suole delle scarpe sono bianche. Al terzo piano il pavimento è blu, che è un po’ difficile da pulire.”

In effetti, ci sono anche alcune sbavature sul pavimento blu lucido del terzo piano. Ma questo non infastidisce Nadine Moll (72) e Jan Timmermans (66). Vivono in una strada laterale del museo e hanno intenzione di soggiornare qui spesso. E dicono: “Penso che sia una sfida per la squadra delle pulizie, ma non ci infastidisce molto. Pensiamo che sia un bel museo, quindi dovresti aggiungerlo. Non hanno dovuto scegliere un piano diverso”.

(Leggi di più sotto la foto)

Gli addetti alle pulizie Muhammed e Radwan mantengono costantemente pulito il pavimento lucido di KMSKA.

Gli addetti alle pulizie Muhammed e Radwan mantengono costantemente pulito il pavimento lucido di KMSKA. © Tessa Gru

Ci sono delle linee sul pavimento blu al terzo piano.

Ci sono delle linee sul pavimento blu al terzo piano. © Tessa Gru

Prendendo d’assalto un bicchiere d’acqua

Anche il museo stesso ha reagito alle notizie riguardanti le linee a terra. “Il nostro weekend di apertura ha avuto molto successo, poiché avevamo 15.000 persone. Questo lascia il segno, ovviamente”, afferma la regista Carmen Willems. Il nostro pavimento è molto facile da curare, quindi le linee si staccano senza alcuno sforzo. La squadra delle pulizie viene ogni mattina e, quando si aprono le porte del museo, tutto è di nuovo pulito. Di tanto in tanto anche le pareti bianche del museo devono essere pulite o ridipinte. Per noi non è un grosso problema, è una tempesta in una tazza di tè”.

Nadine Moll e Jan Timmermans.

Nadine Moll e Jan Timmermans. © Tessa Gru

Orario di apertura del weekend di KMSKA a 25.000 visitatori: ‘Il Museo Reborn è chiuso nel cuore’

Il nostro uomo scopre il rinnovato edificio KMSKA con gli orgogliosi residenti di Anversa: “Un giorno nei libri di storia” (+)

Guarda anche: La cerimonia di apertura di KMSKA non bada a spese

READ  BV 24/7. Un toccante addio al gruppo "The Family" e una fuga romantica per Zeta Waters | BV 24/7