QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sei paesi concludono un accordo sulla ristrutturazione dell'edificio n. 17 dell'ex campo di concentramento di Auschwitz |  al di fuori

Sei paesi concludono un accordo sulla ristrutturazione dell'edificio n. 17 dell'ex campo di concentramento di Auschwitz | al di fuori

Dopo 14 anni di discussioni, sei paesi dell'ex Jugoslavia hanno finalmente accettato di ristrutturare l'edificio 17 del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, dove vivevano quasi 20.000 deportati jugoslavi durante la Seconda Guerra Mondiale. Lo ha annunciato giovedì l’UNESCO.

Giovedì erano presenti i rappresentanti di Bosnia, Croazia, Serbia, Montenegro, Macedonia del Nord e Slovenia per ratificare questo “accordo storico” presso la sede dell’UNESCO a Parigi.

“Oggi 14 anni di negoziati diplomatici sono finalmente giunti a buon fine”, ha affermato Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO. Ha elogiato l’accordo, che “riempie un vuoto nel luogo in cui hanno avuto luogo queste atrocità”.

L'edificio 17 dell'ex campo di Auschwitz I fu costruito nel 1941. La maggior parte dei 20.000 deportati dalla Jugoslavia rimasero lì. Il primo incontro sulla ristrutturazione del sito si è tenuto nel 2010. Ma i colloqui sono stati rinviati a causa di “cambiamenti di governo, periodi di calma e momenti di tensione” tra i paesi dell’ex Jugoslavia, ha detto un diplomatico dell’UNESCO.

L’accordo arriva in vista della Giornata internazionale della memoria dell’Olocausto, sabato 27 gennaio.

READ  I Paesi Bassi e la Danimarca acquistano quattordici carri armati Leopard 2 per l'Ucraina | Guerra Ucraina e Russia