QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Servono falegnami, ma formiamo allenatori sportivi: perché?

Servono falegnami, ma formiamo allenatori sportivi: perché?

Quando le scuole introducono una nuova direzione, preferiscono scegliere lo sport piuttosto che l’edilizia. Tuttavia, il mercato del lavoro richiede principalmente quest’ultima. Perché non interessare le scuole, i giovani e le famiglie alla formazione tecnica e professionale?

Pietro Geurts

È ancora lì, il tavolino che Cornel Benoit, 41 anni, ha realizzato in classe al suo terzo anno e gli è stato permesso di portare a casa. Ancora oggi si sente felice quando vede il tavolo, così come era felice quando tornava a casa con qualcosa che aveva fatto da sé. Dice: “I miei fratelli che hanno studiato Modernismo non erano in grado di farlo”.

Oggi Benoit gestisce la propria azienda, specializzata in mobili su misura. Quella che tredici anni fa iniziò come ditta individuale, oggi è un'azienda con dieci dipendenti. “Circa ogni due anni devo assumere qualcuno di nuovo”, afferma. Trova docenti attraverso il dual learning, una forma di istruzione in cui gli studenti imparano in azienda tre giorni alla settimana. “Quindi non posso lamentarmi, perché in generale è difficile trovare persone”, dice Benoit.

Questo è anche ciò che riguarda il Consiglio economico e sociale delle Fiandre (SERV). Egli avverte – e non per la prima volta – che le nuove tendenze che le scuole vogliono avviare non forniscono una soluzione sufficiente alla carenza nel mercato del lavoro. Le scuole preferiscono iniziare con un corso di sport, ufficio o arte e creatività. Colpisce in particolare il gran numero di richieste di formazione sportiva: prima era una su venti, ora una su cinque.

Più sexy

I giovani semplicemente amano lo sport. Sembra più attraente delle tecniche in legno, per esempio. Pertanto, le scuole che ricevono un sostegno in base al numero degli studenti hanno maggiori probabilità di organizzare corsi popolari. Corsi come quello di edilizia, di elettricità o di falegnameria verranno quindi lasciati fuori dal freddo.

“Non possiamo lamentarci della formazione generale sulla lavorazione del legno. Nelle Fiandre ci sono più di un centinaio di scuole che offrono questa”, dice Bart de Waele del centro di conoscenza e formazione settoriale Woodwize, ma è preoccupato per le specializzazioni che vengono offerte, ad esempio , attraverso l'apprendimento del Double o dello Year 7. “Le scuole scelgono facilmente di specializzarsi nella costruzione di interni, mentre abbiamo bisogno di corsi specializzati come costruttore di scale, produttore di mobili o progettista di interni e parcheggi.”

La SERV chiede che l'offerta scolastica sia maggiormente allineata alle esigenze del mercato del lavoro. Ma convincere le scuole di questo non è facile – e organizzare corsi tecnici non è sempre facile. La carenza di insegnanti è chiaramente avvertita dagli insegnanti pratici di legno ed elettricità. “Inoltre, spesso sono costosi: servono grandi studi, molte macchine e bisogna stare al passo con la trasformazione digitale”, afferma Miki Valcke, esperto di formazione presso la SERV. Per poter condividere concretamente questi costi e questi dipendenti, la SERV auspica una maggiore collaborazione con le aziende.

A proposito, una cosa è convincere le scuole riguardo alle opzioni tecnologiche, bisogna anche interessare genitori e studenti. “Lavoro in una scuola d'arte da 35 anni e da 35 anni cerco di migliorare questa immagine”, afferma Benny Vandevoorde, direttore della Tectura School di Ghent. Divide le direzioni che fornisce in direzioni tecniche “soft” come ufficio e direzioni tecniche “hard” come edilizia, lavorazione del legno o meccanica automobilistica. Quest'ultimo è meno popolare nella sua scuola. “Nella percezione dei genitori, queste ultime sono tendenze ‘sporche’, poiché i loro figli riceveranno salari più bassi”.

Anche Benoit a volte nota questo problema di percezione. “Le persone non lo pensano in modo negativo, ma a volte mi dicono che anch'io ho raggiunto quell'obiettivo”, dice. L'idea di base secondo cui una persona che ha imparato un mestiere potrà realizzarlo solo se riesce a sviluppare un'attività propria – lo infastidisce. Dice: “Cosa c'è che non va in un buon lavoratore che lavora per il suo capo?”

“Cosa c'è di sbagliato in un buon lavoratore che lavora per il suo capo?” si chiede Cornel Benoit. Ha la sua compagnia, ma è tormentato da un problema di percezione.Foto di Stefan Timmermann

Scoprire

Niente è la risposta, secondo Martin Valcke, professore emerito di scienze dell'educazione (UGent). “Inoltre, per molti giovani che scoprono una direzione in cui lavorare per trovare una soluzione concreta, i problemi quotidiani rappresentano un vero sollievo. Molti di loro dopo si sentono meglio con se stessi che se fossero rimasti nella corrente principale.”

Il professore ritiene che anche il governo soffra di questo problema di immagine. “L'obiettivo della modernizzazione dell'istruzione secondaria era quello di eliminare le divisioni tra ASO, TSO e BSO. Ciò è stato ostacolato, quindi ora ci ritroviamo con un fallimento nel processo di modernizzazione.

Tuttavia, il ministro fiammingo dell’Istruzione Ben Wiets (N-VA) e il suo collega del Werk Jo Brouns (CD&V) stanno lavorando a un “piano per rafforzare TSO e BSO”. Ma è significativo che, dopo aver introdotto la sua regola secondo cui i nuovi corsi devono avere almeno cinque studenti, Wits abbia subito fatto una possibile eccezione per il latino. Sebbene de Waile e i suoi colleghi chiedano da anni una maggiore flessibilità nella fornitura di anni speciali, tale regola rende “quasi impossibile” organizzare le necessarie direttive sul legno speciale.

La domanda rimane: cosa si può fare? La soluzione proposta da molti esperti è semplice: garantire che tutti nel mondo dell’istruzione, dagli insegnanti delle elementari al personale del CLB, conoscano meglio gli ambiti tecnici e professionali.

“Un bambino di prima media è venuto qui di recente per ispirarlo nella scelta di una scuola”, dice Vandeford. “La loro insegnante è rimasta scioccata quando è entrata nei nostri studi: ‘Non sapevo che lavorassi con così tanti computer!’ Il fatto che l’insegnante dicesse qualcosa del genere aiuta a spiegare l’immagine errata che a volte esiste di noi.

READ  "La pensione integrativa costa al governo 2,8 miliardi di euro all'anno."