QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sessant’anni di trapianti di rene pediatrico

Il primo trapianto di rene per un bambino è stato eseguito nel 1959. Negli ultimi 60 anni, il tasso di sopravvivenza dopo il trapianto di rene nei bambini è aumentato notevolmente a causa di farmaci migliori, meno infezioni e un aumento dei donatori viventi.

Questa è la conclusione di Loes Oomen, ricercatrice medica nel dipartimento di urologia di Radboudumc e dei suoi colleghi. Hanno condotto un ampio studio sullo sviluppo dei trapianti di rene nei bambini che è stato recentemente pubblicato in Frontiere in Pediatria. Per fare ciò, hanno confrontato i dati su 411 trapianti di rene pediatrico eseguiti tra il 1968 e il 2020 presso il loro centro con la letteratura esistente.

Nel primo periodo, il 42% dei pazienti aveva ancora un rene funzionante 5 anni dopo il trapianto, rispetto al 93% attuale. Inoltre, la qualità della vita dei pazienti è ora molto migliore. Il motivo principale per una migliore sopravvivenza del trapianto è la disponibilità di immunosoppressori molto migliori. Inoltre, la maggior parte dei bambini oggi riceve un rene da un donatore vivente. In molti casi – e sicuramente nei Paesi Bassi – questo è un genitore. Poiché sono spesso relativamente giovani e sani, l’intervento chirurgico può essere ben pianificato e di solito c’è una buona corrispondenza genetica e la possibilità di rigetto è inferiore. Inoltre, gli impianti profilattici sono più comuni.

fonte:

radbodomico

READ  La donna ottiene il vaccino sbagliato a Telin: "È andato storto, ma... (Lil)