QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Si profila una lotta di potere tra i sostenitori di Trump e le voci moderate

Si profila una lotta di potere tra i sostenitori di Trump e le voci moderate

Mitch McConnell, 81 anni, sta per cadere? Dopo la sua seconda sospensione pubblica, i repubblicani si aspettano che il leader del Senato se ne vada presto. Perdere McConnell come forza potrebbe aumentare l’influenza dei movimenti radicali nel partito.

Stella Lindhout

Lunedì, quando ricomincerà l’anno politico americano, Mitch McConnell vorrà presentarsi al Campidoglio, come ha fatto negli ultimi 39 anni. Come se non ci fosse niente di sbagliato.

Come se non circolassero video inquietanti che mostrano come il generale di brigata repubblicano si sia bloccato per la seconda volta in un mese durante una conferenza stampa e abbia dato l’impressione di essere temporaneamente assente dal suo corpo. Come se non ci fossero speculazioni sul motivo della sua assenza: l’annuncio precoce di un ictus, o del morbo di Parkinson, o forse di demenza?

Mitch McConnell, senatore dal 1984 e capo del Parlamento dal 2007, è conosciuto come un politico della vecchia scuola in termini di morale pubblica: è molto parsimonioso con le informazioni sulla sua vita privata, per non parlare della sua salute.

Non sembra quindi che abbia intenzione di fornire spiegazioni mediche ai fuggitivi. E gli americani si sono accontentati di un breve messaggio del medico presente al Congresso giovedì sera, ora locale, in cui si afferma che per lui è “sicuro dal punto di vista medico” che McConnell riprenda le sue funzioni.

Tuttavia, ci sono anche segnali che il partito di McConnell sta prendendo sul serio il fatto che il più potente repubblicano attualmente in carica è sull’orlo del collasso. Secondo il sito di notizie Politica Considerando l’idea di costringere un certo numero di senatori anonimi a un dibattito interno sulla futura leadership del gruppo nel prossimo futuro.

READ  L’eccessiva fiducia dei militari metterà fine al successo degli Houthi?

All’apice di un anno elettorale, un dibattito di questo tipo sta giocando con il fuoco, quasi certamente portando a un’aperta lotta per il potere tra i sostenitori di Trump, i cosiddetti repubblicani Maga, e le voci più moderate nelle sue fila.

McConnell ha descritto l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2021 come una “rivolta violenta”, denunciando il ruolo di Trump. Da allora, i sostenitori di Trump lo considerano un nemico. Il fatto che il leader della fazione del Senato alla fine abbia votato contro le misure di impeachment per motivi di autoconservazione non ha funzionato.

Come sarebbe il futuro repubblicano senza McConnell? L’anziano repubblicano è stato eletto al Senato durante le elezioni di medio termine del 2026. In caso di dimissioni anticipate, il governatore democratico del Kentucky Andy Beshear è responsabile della nomina di un sostituto.

Fino a due anni fa, nessuno si sarebbe opposto se Beshear avesse messo un democratico al posto vuoto di McConnell, espandendo di un seggio la ristretta maggioranza del democratico al Senato.

Ma nel 2021, i repubblicani del Kentucky hanno presentato un disegno di legge per modificare la procedura in modo che il partito del senatore uscente possa nominare tre candidati alla successione tra cui il governatore potrà scegliere. Il promotore della proposta è stato lo stesso McConnell, che ha mostrato una visione profetica, ovvero una valutazione realistica della combinazione tra età e salute.

I repubblicani hanno la maggioranza in Kentucky, quindi l’emendamento è passato. Ciò significa che l’eventuale ritiro di McConnell non modificherà i rapporti all’interno del Senato.

E se si tratta di andarsene, la domanda è chi sarà il veterano repubblicano che succederà a McConnell come leader della fazione al Senato, almeno fino alle elezioni federali del prossimo autunno. E i media statunitensi concordano nel ritenere che John Thune, 62 anni, del South Dakota, attuale braccio destro di McConnell, sia il principale contendente. Promettenti anche altri due John: il spesso citato John Cornyn del Texas (71) e John Barrasso (71) del Wyoming. Tutti e tre fanno parte dell’attuale consiglio di amministrazione del gruppo e sono noti critici di Trump, anche se l’atteggiamento di Barrasso nei confronti dell’ex presidente è alquanto ambiguo.

READ  Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU respinge la decisione americana di cessare il fuoco a Gaza e un nuovo voto domani

Dipendendo in parte da quando McConnell si dimetterà ufficialmente e dall’andamento delle primarie repubblicane, ci sono buone probabilità che il campo di Trump sfrutti questo momento per schierare i propri candidati. Forse Rick Scott dalla Florida ci riproverà. Si è candidato alle elezioni anche dopo le elezioni di medio termine dello scorso anno, ma ha perso contro McConnell senza alcuna possibilità.

La partenza di McConnell porterebbe a un vuoto di potere irreversibile. La sua rete è enorme, non solo al Congresso, ma anche nella magistratura. È stato conosciuto nel corso della sua carriera come un sopravvissuto politico che apprezza la vittoria delle elezioni più che avere solidi principi. Tuttavia, negli anni turbolenti successivi all’entrata in scena di Trump, McConnell è stato visto come un faro di stabilità all’interno del partito, che ha cambiato rotta più di quanto abbia fatto dal 2016.

Sotto Obama, McConnell era l’epitome di un repubblicano di “estrema destra” nei confronti degli oppositori politici, in parte a causa della sua ferma opposizione alla riforma Obamacare e alla sua abilità nel bloccare le nomine dei giudici democratici. Ma ora che le teorie del complotto fanno parte della vita quotidiana di molti membri del suo stesso partito, i suoi avversari politici lo vedono come un repubblicano moderato. L’eventuale rimozione di McConnell dalla carica di leader della maggioranza al Senato e detentore del potere potrebbe accelerare l’estremismo nel Partito Repubblicano.