QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Sparatoria mortale a Copenaghen: sospettato (22) ricoverato in istituto psichiatrico, morti due giovani e un uomo

jvh / wer / adb / mtm / ltofonte: Reuters, Belgio, TV2

Lo sappiamo già:

  • Sparatoria mortale in un centro commerciale di Copenaghen
  • Omicidio di un uomo (47) e due minorenni
  • 27 feriti, di cui 4 gravemente
  • Il sospetto arrestato (22) ammette i fatti
  • L’autore del reato soffre di problemi psicologici
  • “Non ci sono indicazioni di un atto terroristico”
  • Anche nell’attacco del 2015 in Danimarca

La sparatoria è avvenuta intorno alle 17:35 nel centro commerciale campi Sull’isola di Amager, situata tra il centro di Copenaghen e l’aeroporto.

Vittime

Dopo che per molto tempo non era chiaro quante vittime fossero state uccise, domenica sera il commissario di polizia Soren Thomassen ha annunciato durante una conferenza stampa che tre persone erano state uccise. Da allora le vittime sono state identificate come un uomo di 47 anni con cittadinanza russa e due adolescenti danesi: un ragazzo e una ragazza di 17 anni.

Leggi anche. Ecco cosa sappiamo dello sparatutto di Copenaghen: il 22enne danese, voci d’impulso e video con le armi

La polizia danese ha detto che almeno 27 persone sono rimaste ferite. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite, mentre altre tre sono rimaste ferite. Venti persone sono rimaste leggermente ferite mentre fuggivano dal centro commerciale. Un portavoce della regione della capitale danese ha detto al medico che ciò include una gamba o un braccio rotto.

© AP

colpevole

Tredici minuti dopo la chiamata della polizia, alle 17:48, il sospetto colpevole è stato arrestato “all’uscita dell’autostrada”, ha detto la polizia. Si tratta di un uomo di 22 anni di “origine danese”. La polizia ora presume che l’uomo “abbia agito da solo”. Non ha opposto resistenza durante il suo arresto.

Leggi anche. Un video clip mostra un uomo armato a Copenaghen che entra in un centro commerciale con una pistola in mano

(Leggi di più sotto i tweet)

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

motivazione

Il sospetto è comparso lunedì davanti a un giudice. Dopo un’udienza di quasi due ore, il giudice del tribunale di Copenaghen ha deciso di collocare il sospetto uomo armato, un danese di 22 anni, “in un reparto psichiatrico chiuso”, ha detto la polizia tramite Twitter. L’uomo è sospettato di omicidio di primo grado e di tentati omicidi multipli.

Il commissario di polizia Thomasen ha affermato domenica che “non si può escludere che si sia trattato di un atto di terrorismo”, ma è tornato sull’argomento in una conferenza stampa lunedì. “Non ci sono prove nelle indagini, nei documenti o nelle dichiarazioni di testimoni per dimostrare che si tratta di terrorismo”, ha detto Thomassen. Tutto indica che il sospetto tiratore ha agito da solo.

Non è ancora noto quale sia il movente dietro l’autore. Secondo la polizia, il presunto tiratore soffre di problemi psicologici. “Sembra che le vittime siano state scelte a caso e l’autore non le conoscesse”, ha aggiunto.

Secondo il commissario Thomasen, il sospetto – che avrebbe confessato i fatti agli inquirenti – era noto alla polizia, ma “solo in disparte”. “Non è qualcuno che sappiamo di niente in particolare.”

© AP

braccia

La polizia ha anche trovato un coltello in possesso del sospettato. Aveva anche una pistola. “Sembra ora che queste armi siano consentite, ma non autorizzate”, ha aggiunto.

Nei video postati dal sospettato sui social, l’uomo finge di suicidarsi. È anche in piedi con un fucile e una pistola, su cui sono scritti i seguenti testi: “Non mi interessa” e “La quetiapina (un antipsicotico, ndr) non funziona”. La polizia ha confermato lunedì che i video erano autentici. Secondo i media danesi, i video sono stati pubblicati online venerdì.

Nella notte tra domenica e lunedì i suoi account YouTube e Instagram sono stati disattivati, ma i contenuti degli account continuano a circolare altrove.

Leggi anche. Ecco cosa sappiamo dello sparatutto di Copenaghen: il 22enne danese, voci d’impulso e video con le armi

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

La polizia ha detto che l’uomo armato era in possesso di una pistola e munizioni al momento del suo arresto. Secondo testimoni oculari e foto del centro commerciale, l’uomo – che indossava pantaloncini militari con sopra un carro armato scuro – portava un fucile.

Immagini e video mostrano persone che fuggono dal centro commerciale in preda al panico dopo la sparatoria. Un testimone oculare ha detto a NRK di aver visto bambini, donne incinte e anziani cadere e di aver persino visto qualcuno cadere da un ascensore nel mezzo del caos.

© via Reuters

Testimoniare

“La gente inizialmente pensava che fosse un ladro”, ha detto il testimone oculare Ricky Lewandowski alla televisione danese. TV2† “Poi ho sentito degli spari e mi sono nascosto dietro il bancone di un negozio. Ha sparato alla folla, non al soffitto o al pavimento”.

“Era abbastanza malato di mente da iniziare a inseguire le persone, ma non è scappato”, ha detto un testimone al dottore. Il video clip mostra l’uomo che cammina tranquillamente in un punto con il fucile puntato al collo.

Altri testimoni hanno affermato che il sospetto ha indotto le persone a pensare che la sua pistola fosse falsa per avvicinarle. Mahdi Al-Wazzani, che è andato a cercare sua figlia di 2,5 anni mentre tutti gli altri stavano scappando, ha detto di aver visto il sospetto con una pistola e l’uomo ha gridato più e più volte che non stava davvero sparando. Solo due ore dopo, Wazzi si è finalmente riunito con sua figlia, che è stata portata da estranei in un negozio dove si nascondevano.

Video girato

Alle persone che si trovavano (vicino) al centro commerciale è stato chiesto di chiamare le proprie famiglie per rassicurarle, ma preferibilmente tramite sms, perché la rete telefonica locale era sovraccaricata. È stato istituito un centro per i parenti e l’assistenza psicologica.

La polizia chiede a “chiunque abbia visto, sentito o fotografato qualcosa” di contattare le autorità. Anche i negozi dentro e vicino al centro commerciale sono incoraggiati “dalla polizia a fornire foto e videosorveglianza da domenica”. Il centro commerciale rimarrà chiuso per almeno una settimana mentre la polizia indaga sul caso.

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Nel frattempo, l’esercito ha assunto compiti di sorveglianza dalla polizia. Questa misura dovrebbe consentire il rilascio di più agenti di polizia per indagare sulla sparatoria.

Leggi anche. La famiglia reale danese e Harry Styles reagiscono sotto shock alla sparatoria in un centro commerciale di Copenaghen

Attacco del 2015

La Danimarca ha assistito per l’ultima volta a un attacco terroristico nel 2015, quando due persone sono rimaste uccise e sei agenti di polizia sono rimasti feriti quando un uomo armato ha sparato e ucciso un uomo fuori da un centro culturale dove si stava svolgendo un dibattito sulla libertà di parola, e in seguito ha ucciso una seconda vittima. In una sinagoga nel centro di Copenaghen. L’uomo armato è stato poi ucciso in una sparatoria con la polizia.

Se hai domande sul suicidio, puoi contattare la Suicide Line al numero verde 1813 e oltre www.selfmoord1813.be

© via Reuters

© AFP

© via Reuters

© via Reuters

© via Reuters

© AFP

© via Reuters

© via Reuters

© AFP

© AFP

© AFP

© AFP

© AFP

© EPA-EFE

© EPA-EFE

© AFP

© AFP

© via Reuters

READ  L'Ucraina vince l'Eurovision Song Contest, il Belgio occupa il 19° posto