QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tadej Pojjakar: “Non è la fine del mondo se non avrò un cartellino giallo a Parigi” | un viaggio

Si è schiantato sul Col du Granon Tadej Pojjakar mercoledì in. Ha davvero una spiegazione per questo calo? La sua musica potrebbe essere stata trovata in fondo a quella salita: quasi intatta.

Lo sloveno ha risposto: “Forse ho finito il carburante, ma ho dovuto schivare anche molti attacchi a Galliber”. “Mi è costato un sacco di energia”.

“Era come se dovessi correre 10 volte lì, quando Primus e Jonas dovettero farlo 5 volte ciascuno. Mi sono incasinato lì e probabilmente avrei dovuto mangiare di più lì”.

Attaccare, questa è la chiave di Pogacar nell’ultima settimana. “Devo cogliere ogni opportunità. Devo attaccare su ogni salita. Non voglio pentirmi di Parigi”.

Non va per un chiaro tentativo ad eliminazione diretta? “Ho un grande arretrato e i piedi definiscono tutto. Se vedo un’opportunità, la colgo. Ci sono molte opportunità questa settimana”.

All’Alpe d’Huez e Mende, Jonas Vingegaard gli è rimasto dietro come colla.

“Questo mi motiva ancora di più. È il ragazzo che devo sconfiggere ed è molto forte. Ma in 3 giorni possono succedere molte cose. Tutti sono stanchi mentalmente e fisicamente”.

Per quanto riguarda i compagni, Jumbo-Visma ed Emirates sono ora alla pari: 6 contro 6. “Abbiamo già sperimentato quanto sia difficile senza i miei compagni di squadra. Non sarà facile per Jumbo-Visma”.

Nel 2020, Pogacar ha effettuato un’altra svolta a cronometro il penultimo giorno. Conta sullo stesso scenario a Rocamadour sabato? “No, devo rimediare alla mia incapacità prima del processo”.

“Jonas è un buon cronometro. Ho guardato due volte la cronometro, ma non giocherei per aggiustarlo lì. Faccio di tutto per farlo prima della prova”.

READ  United, Chelsea o Liverpool: chi si sposterà dal Manchester City in Inghilterra? | premier League

Forse gli Ineos Grenadiers potrebbero diventare un alleato. “Io non la vedo così. Se attaccano per me va bene, perché poi dovrebbe funzionare anche Jumbo. Ma per ora gli Ineos corrono per il podio. Sto guidando la mia pista”.

“Ma non è la fine del mondo se non arrivo a Parigi in giallo”, ha aggiunto. “Anche il secondo posto non è male, anche se penso ancora al giallo. E non mi arrendo”.