QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tre giorni di ferie?  Gli scienziati dicono: fallo!

Tre giorni di ferie? Gli scienziati dicono: fallo!

La settimana scorsa abbiamo avuto un giorno in più grazie alla Pasqua. E ora i ricercatori sostengono che il fine settimana di tre giorni non dovrebbe essere un’eccezione alla regola.

La settimana lavorativa di quattro giorni è in aumento. Sempre più dipendenti indicano di voler lavorare di meno. Questa non è una cattiva idea. Non molto tempo fa, uno studio ha dimostrato che una settimana lavorativa di quattro giorni è un enorme successo, poiché le persone avvertono meno disturbi da affaticamento e si ammalano più spesso, migliorando anche la salute mentale e fisica (vedi riquadro). Un nuovo gruppo di ricerca ora condivide pienamente l’idea di allungare di un giorno il fine settimana. in scadenza i loro studi Si scopre che questo tempo libero extra ci è davvero molto utile.

Quattro giorni lavorativi alla settimana
I risultati del più grande esperimento al mondo con una settimana lavorativa di quattro giorni parlano da soli. Oltre il 70% dei dipendenti ha riportato meno lamentele di burnout e il 40% ha affermato di essere meno stressato rispetto a prima dell’inizio del sondaggio. L’assenteismo è diminuito del 65% e il fatturato è diminuito del 57%. Più del 60 per cento ha indicato che è più facile trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata. Anche la loro salute mentale e fisica è migliorata. Nel frattempo, il fatturato delle aziende è rimasto pressoché invariato. C’è stato anche un leggero aumento dell’1,4 per cento. Pertanto, la stragrande maggioranza degli intervistati ha dichiarato di voler continuare con la settimana lavorativa di quattro giorni. Diciotto aziende hanno riferito che la settimana lavorativa più breve è stata introdotta in modo permanente.

Nel nuovo studio, più di 300 adulti (età media 40 anni) sono stati osservati da vicino durante il periodo di studio di 13 mesi. Durante questo periodo, i partecipanti generalmente si prendevano da due a tre vacanze per circa dodici giorni. Poiché i soggetti del test indossavano fitness tracker, i ricercatori sono stati in grado di monitorare esattamente quanto si muovevano i partecipanti prima, durante e dopo le vacanze.

READ  Trattamento della sclerosi laterale amiotrofica: risultati sorprendenti con la nuova terapia genica

corretto
I risultati mostrano che i partecipanti hanno condotto una vita più sana durante le loro vacanze. Ad esempio, i vacanzieri erano più vigorosamente attivi fisicamente per cinque minuti al giorno. Si siedono anche 29 minuti in meno al giorno e dormono 21 minuti in più al giorno.

Dormire a sufficienza
Il fatto che i partecipanti abbiano trascorso più tempo su un orecchio durante i loro giorni liberi è molto positivo. Ad esempio, molte persone dormono male strutturalmente. E sebbene molte persone sottovalutino l’importanza del sonno, è estremamente importante per la nostra salute. Quando dormi abbastanza, ad esempio, il tuo umore migliora, la tua funzione cognitiva migliora e diventi più produttivo. Inoltre, riduce il rischio di una serie di problemi di salute, tra cui obesità, diabete, malattie cardiovascolari e depressione.

Il valore aggiunto di una buona notte di sonno
Il sonno è molto importante per molte funzioni fisiche e cognitive. Ad esempio, la salute cardiovascolare, il sistema immunitario, il metabolismo, la memoria e la regolazione delle emozioni sono influenzate dal sonno. Il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer o il cancro è anche legato alla qualità del sonno. Per una salute migliore e un buon benessere emotivo, le persone dovrebbero dormire costantemente a sufficienza. Ciò significa 7 ore di sonno ogni notte per la maggior parte delle persone sane.

In breve, i risultati suggeriscono che le persone conducono una vita più attiva e più sana durante le vacanze, anche quando hanno solo tre giorni di fila. “Quando le persone non devono lavorare per un po’, le loro responsabilità quotidiane cambiano”, ha detto il ricercatore Ty Ferguson. Questo perché non sono legati al loro programma regolare.In questo studio, abbiamo scoperto che i loro schemi di movimento cambiano in meglio durante le vacanze, poiché si muovono di più e si siedono meno su tutta la linea.È interessante notare che l’entità di questi cambiamenti aumenta la più dura la vacanza, quindi più a lungo dura la vacanza, maggiori sono i benefici per la salute”.

READ  Esercizio musicale sperimentale con successo nella malattia di Parkinson

Settimana lavorativa più breve
Secondo la ricercatrice Carol Maher, i risultati supportano l’importanza della settimana lavorativa di quattro giorni. “Settimane lavorative più brevi sono già state testate da aziende di tutto il mondo”, afferma. “Non sorprende, infatti, che i dipendenti sperimentino meno stress, burnout e burnout di conseguenza. Migliora la loro salute mentale e garantisce un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata. E ora il nostro nuovo studio fornisce prove empiriche che le persone mantengono stili di vita sani quando hanno un fine settimana di tre giorni”. Si prevede che il notevole aumento della quantità di esercizio fisico e di sonno avrà un effetto positivo sulla loro salute psicofisica. Ciò si aggiunge ai benefici già osservati con una settimana lavorativa di quattro giorni .”

standard
Quindi Maher vorrebbe vedere un fine settimana di tre giorni come la norma. Perché può giovare al nostro sonno in generale. “La nostra ricerca mostra che le persone dormono meglio anche dopo due settimane di una breve vacanza”, afferma. “Questo dimostra che i benefici per la salute di un fine settimana di tre giorni possono avere effetti duraturi”.

Nel complesso, i risultati suggeriscono che una settimana lavorativa più breve non è affatto una cattiva idea. E non solo un giorno in più è divertente, ma a quanto pare ci migliora sia fisicamente che mentalmente. “Mentre il mondo si adatta a una nuova normalità, potrebbe essere il momento di abbracciare fine settimana più lunghi come un modo per migliorare la nostra salute fisica e mentale”, conclude Maher.