QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tre minori non accompagnati si sono persi mentre si recavano al rifugio

Tre minori non accompagnati si sono persi mentre si recavano al rifugio

I nostri redattori hanno ricevuto questa storia da una fonte che ha avuto uno strano incidente.

“Mi trovavo nel centro di Oltremare questo pomeriggio intorno alle 17 quando sono stato avvicinato da 3 ragazzi minorenni di origine straniera”.

La nostra fonte afferma che questi uomini indossavano una fondina blu. “Mi hanno mostrato un messaggio di Fedasil e mi hanno chiesto in un misto di lingue straniere indicazioni per il ‘campo’”.

La lettera conteneva l'indirizzo del centro di accoglienza di Overijsee. È uno dei centri belgi per richiedenti protezione internazionale in Belgio gestito direttamente da Fedasil. Si tratta di un centro di accoglienza aperto che può ospitare circa 65 minori non accompagnati. Il centro è situato in un'ex casa di riposo e di cura.

L'indirizzo è Homeweg 15 e si trova vicino a Kamp Kwadraat.

La nostra fonte: “I giovani erano chiaramente persi ed erano molto lontani da Homwig.”

La lettera includeva istruzioni su quali autobus questi minori potevano prendere (gratuitamente), ma non era chiaro dove si trovassero. In breve, erano perduti.

La nostra fonte non ha potuto davvero aiutare i ragazzi a causa del problema della lingua, e poco dopo hanno parlato con una coppia che sembrava loro in qualche modo familiare perché la donna indossava un hijab. Suo marito ha tirato fuori lo smartphone per cercare l'indirizzo.

Insomma, qualcosa non va nella procedura. Presumiamo che i minorenni siano stati inviati da Bruxelles a Overijsee. È probabile che siano effettivamente arrivati ​​a Bruxelles dai loro paesi d'origine (non chiaro secondo la nostra fonte), ma il seguito potrebbe sicuramente andare molto più liscio.

READ  Samsung Galaxy S22 Ultra Borgogna Rosso

La nostra fonte tiene a precisare che non si è mai sentito in pericolo, ma vuole raccontare la sua storia perché si sente a disagio per questo incidente.

Foto: Google Street View camper