QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Tutti hanno iniziato a gridare in giapponese. Non lo capivo affatto.”

“Tutti hanno iniziato a gridare in giapponese. Non lo capivo affatto.”

Il diciassettenne Anton Deby e la sua famiglia erano in viaggio verso Tokyo quando il loro aereo si è scontrato con un aereo della Guardia Costiera. Racconta la sua storia. “Tutti hanno iniziato a gridare in giapponese, io non lo capivo affatto.

Cristina Anderson

Anton Deby, uno studente delle scuole superiori di Stoccolma, era in viaggio con la famiglia in Giappone per festeggiare il cinquantesimo compleanno di suo padre. Erano tra i passeggeri del volo 516 della Japan Airlines quando martedì si è scontrato con un aereo della guardia costiera. Tutti i passeggeri e i membri dell'equipaggio dell'aereo Anton sono fuggiti vivi.

Poiché la mappa dei posti a sedere sull'aereo era in giapponese, Anton e la sua famiglia, che non capivano la lingua, non potevano prenotare i posti insieme. Anton era seduto con la sorella quindicenne Ella a poche file di distanza dalla parte posteriore dell'aereo. Ella aveva un posto vicino al finestrino. Il loro padre, Jonas Debbie, sedeva circa sette file davanti a loro e la loro madre, Christine Debbie, sedeva due file davanti a loro.

Dopo una settimana di sci a Niseko, in Giappone, volevano visitare Tokyo per una settimana, dove erano diretti martedì sera quando il loro aereo prese fuoco. “Il viaggio è stato divertente finché non siamo arrivati ​​quasi”, ha ricordato Anton mercoledì da un hotel di Tokyo. “Eravamo seduti in fondo a sinistra. Ella guardò fuori dalla finestra. Io guardai lo schermo dell'intrattenimento e vidi che mancavano tre minuti. Poi mi chinai per mettere la giacca nella borsa.

“Quando mi sono chinato, ho sentito che stava diventando molto caldo sul lato sinistro del viso. Ho guardato alla mia sinistra e ho visto fuoco e fumo fuori da tutte le finestre a sinistra.

READ  Dai videogiochi agli orologi di lusso, Zara è l'ultima di una lunga lista di multinazionali a ritirarsi dalla Russia

Buio pesto

“Poi l’aereo ha iniziato a tremare, come se ci fosse una forte turbolenza. Nel frattempo dentro faceva molto caldo e tutte le luci si spensero. Era buio pesto. Anche le luci di emergenza non erano brillanti. “Non ho visto altro che la luce del fuoco.”

Dice che pensava che un uccello potesse aver colpito l'aereo, ma non sapeva cosa fosse successo. Sentì le ruote rimbalzare sull'asfalto. Dice che l'aereo si è fermato rapidamente. “Tutti hanno iniziato a gridare in giapponese. Non lo capivo”, dice. Tuttavia “c'era molto meno rumore di quanto pensassi. I passeggeri erano tranquilli. Naturalmente erano tutti preoccupati e spaventati”.

Una foto aerea mostra un Airbus A350 della Japan Airlines in fiamme.Immagine tramite Reuters

Anton dice di aver sentito più tardi che la collisione con l'altro aereo è avvenuta dove era seduto, vicino al motore dietro l'ala.

“Non avevo idea che ci fossimo scontrati con un altro aereo”, dice Anton. Dice che i passeggeri potevano vedere il fumo all’esterno, “ma poi il fumo ha iniziato ad entrare nella cabina”. “Puzzava di bruciato e puzzava di sostanze chimiche.” Dice di aver usato una felpa con cappuccio per proteggersi il naso e la bocca. “Sembrava come se avessi degli aghi in gola”, ricorda.

Uscita di emergenza

In quel momento padre Jonas era tornato su una sedia vuota con i suoi figli. Anton dice che gli assistenti di volo hanno attraversato la cabina con le torce elettriche. “La respirazione è diventata sempre più difficile”, dice Anton. “Era terrificante. Non sapevamo cosa sarebbe successo. Speravamo solo che qualcuno aprisse le porte di emergenza in modo da poter saltare fuori.”

Anton dice: Pochi minuti dopo, le porte delle uscite di emergenza si sono aperte.

Immagine ANP/EPA vuota

Foto dell'ANP/EPA

“Urlavano in giapponese. Eravamo tutti piegati. Penso che la gente si stesse facendo piccola piccola. Pensavo che fosse quello l'intento. La gente strisciava dietro di me. Non potevo vedere nulla davanti a me. Tutto è successo così dannatamente in fretta. Mio padre strisciò davanti a me. Ho fatto la stessa cosa. Mia sorella era dietro di me. direttamente.” La loro madre li ha seguiti.

Uscire dall'aereo tramite la rampa di emergenza è stata già di per sé una sfida. “È stata una lunga caduta”, descrive Anton. Prima del viaggio aveva subito un intervento chirurgico alla mano e portava una stecca sulla mano destra. Una volta raggiunta la terra, la famiglia corse più veloce che poteva dall'aereo in un campo di erba alta. “Abbiamo continuato a correre. Abbiamo sentito il motore ancora acceso e sputava fiamme, mentre grandi fiamme circondavano l'aereo. Volevamo solo andare il più lontano possibile.”

Anton è fuggito con solo i vestiti che indossava. Ma la famiglia è al sicuro e continua il viaggio attraverso il Giappone. “È stata un’esperienza terribile”, conclude Anton. “Sembrava irreale, come se fossi in un film.”

©New York Times