QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un animale misterioso cadde in una grotta 286 milioni di anni fa.  La sua pelle era ancora lì, ed era la pelle più antica mai scoperta

Un animale misterioso cadde in una grotta 286 milioni di anni fa. La sua pelle era ancora lì, ed era la pelle più antica mai scoperta

I tessuti molli raramente si fossilizzano, ma le condizioni speciali dell'American Cave fungevano da “acque forti” per preservare questa pelle, afferma Gilly Romer, professoressa emerita di paleontologia che non è stata coinvolta nella ricerca. “Questo ti dà un'idea della tafonomia, la scienza della fossilizzazione.”

Ricercatori, tra cui quelli dell'Università di Toronto, sospettano che un'insolita interazione tra la fuoriuscita di petrolio, gli idrocarburi e il catrame abbia rallentato il processo di decomposizione nella grotta così tanto che un pezzo di pelle, delle dimensioni di un'unghia, è rimasto intatto fino ad oggi. È morto. La nuova scoperta è più antica di almeno 21 milioni di anni rispetto al precedente detentore del record di “pelle più antica del mondo”.

I ricercatori hanno scritto che l'animale a cui apparteneva questa pelle potrebbe essere caduto nella grotta e lì essere morto. Poiché oltre alla pelle non è stato trovato né scheletro né altri resti, non è chiaro esattamente di che tipo di animale si trattasse. La pelle ha le caratteristiche di antichi e antichi rettili. La superficie ricorda da vicino la pelle granulosa di un coccodrillo, e le strutture più profonde ricordano quelle dei serpenti vermi e delle lucertole.

Standard

Roemer afferma che questa scoperta conferma l'ipotesi che a quel tempo gli animali avessero le squame. Ha tenuto spontaneamente una breve conferenza: “Gli amnioti, animali che depongono uova a forma di conchiglia, si sono evoluti circa 320 milioni di anni fa. A causa del guscio che circonda le loro uova, questi animali non dovevano tornare in acqua per deporre le uova, il che fornì loro un vantaggio evolutivo. Allo stesso tempo, ciò comportava il rischio di disidratazione, il che significava che gli individui con la pelle ben protetta sopravvivevano e si riproduvano. È così che gli animali selvatici svilupparono lentamente una pelle dura e squamosa.

“Non mi sorprende che la pelle esistente abbia delle squame”, dice Romer. “Ma sono fossili bellissimi. È sorprendente che siano rimasti belli per così tanto tempo.”

READ  Il veterano nazista di 98 anni riceve una standing ovation nel parlamento canadese, il capo nella polvere