QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un generale russo smentisce le voci sulla morte del “braccio destro di Putin”: “Anche se così fosse, non cambierebbe nulla nella guerra” |  Guerra Ucraina-Russia

Un generale russo smentisce le voci sulla morte del “braccio destro di Putin”: “Anche se così fosse, non cambierebbe nulla nella guerra” | Guerra Ucraina-Russia

Il generale russo Ihor Romanenko è stato il primo a rispondere alla presunta morte del capo di stato maggiore Valery Gerasimov (68). In un'intervista alla stazione radio ucraina “Radio NV”, Romanenko ha smentito queste voci. Nel frattempo, il russo ha sottolineato che anche se Gerasimov morisse davvero, ciò non cambierebbe la politica russa. “È in corso una guerra su larga scala con e senza l’attuale Putin e anche senza singoli rappresentanti del comando militare”.

Pochi giorni fa hanno cominciato a diffondersi voci su Valery Gerasimov, capo di stato maggiore e comandante dell'invasione russa. Secondo varie fonti, il generale 68enne sarebbe stato ucciso durante un attacco ucraino alla Crimea.

Né le autorità russe né quelle ucraine al momento hanno confermato queste informazioni. Ma se Gerasimov è davvero morto, questa potrebbe essere una delle perdite più pesanti di Vladimir Putin. Dopotutto, il capo di stato maggiore è il braccio destro del presidente russo.

Aspetto. Chi è Valery Gerasimov, il leader dell'invasione russa dell'Ucraina?

Senza senso

Al momento la reazione della Russia alla presunta morte di Gerasimov è stata scarsa. Ma il generale Ihor Romanenko, ex vicecapo di stato maggiore, ritiene in realtà che le voci siano del tutto insensate. “Non vale la pena vivere con l'idea che la manna dal cielo cadrà sull'Ucraina e che i leader politici e militari della Federazione Russa semplicemente moriranno”, ha detto a NV Radio.

“Molte fonti straniere affermano che Gerasimov è in cattive condizioni di salute e abusa di alcol, proprio come fanno molti altri politici e militari in Russia”, ha continuato Romanenko.

READ  L'Iran "condanna fermamente" i bombardamenti americani su Siria e Iraq | Iraq

Il presidente russo Vladimir Putin con il generale Valery Gerasimov a dicembre. © Immagini Notizie

“La situazione non cambierà”

Il generale ha anche sottolineato che anche se Gerasimov morisse davvero, ciò non cambierebbe la situazione tra Russia e Ucraina. “Grazie al governo trentennale di Putin si è formato un Putin collettivo che svolgerà comunque i compiti di questa guerra su vasta scala. Ciò avviene con l'attuale Putin e senza di lui e anche senza singoli rappresentanti del comando militare.

Secondo Romanenko la guerra sarà lunga e difficile. “È più una maratona che uno sprint”, ha detto alla fine.



Leggi anche:

È morto il generale russo Valery Gerasimov, “il braccio destro di Putin”? Le voci corrono a pieno ritmo

Cosa si nasconde dietro gli attacchi aerei intensificati tra Russia e Ucraina? “I russi stanno aprendo la strada a una nuova grande offensiva di terra” (+)