QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un nuovo modello consente la ricerca sperimentale sul rifiuto dei membri

Perché stiamo scrivendo su questo argomento:

Ogni anno in Europa vengono eseguiti 15.000 trapianti di rene. Tuttavia, la metà dei reni donati viene rifiutata entro quindici anni. Spesso con gravi complicazioni. Grazie a questo nuovo metodo, i ricercatori possono condurre per la prima volta esperimenti di rigetto d’organo al fine di sviluppare trattamenti migliori. Ecco perché Innovation Origins ha scelto questo post.

I ricercatori del King’s College di Londra sono riusciti a progettare modelli di rigetto del trapianto nei reni umani. Questa scoperta consente agli scienziati di studiare nuovi meccanismi e trattamenti per il rigetto del trapianto al di fuori del corpo umano, ha scritto l’università in a comunicato stampa.

La principale minaccia dopo un trapianto di organi è il rigetto mediato da anticorpi (AMR), un processo mediante il quale gli anticorpi inducono il sistema immunitario a rigettare e danneggiare l’organo donato. Ciò può portare alla perdita dell’organo trapiantato e in alcuni casi anche alla morte. I ricercatori del King’s College di Londra hanno pubblicato oggi per la prima volta un modello clinico e riproducibile di resistenza antimicrobica utilizzando reni umani e una tecnica di perfusione meccanica a caldo.

È difficile sviluppare un modello umano con cui studiare il rifiuto. Di conseguenza, i ricercatori hanno avuto poche opportunità di sviluppare nuovi trattamenti per ridurre il rischio di complicanze. Il nuovo modello consente ai ricercatori di studiare e testare un trattamento organo-specifico.

Stabile

I ricercatori hanno collegato un organo umano (fornito a scopo di ricerca) a una macchina di bypass. Quindi hanno fatto circolare un fluido sanguigno caldo attraverso l’organo. Inoltre, hanno aggiunto anticorpi e fattori di coagulazione al circuito. Ciò ha permesso ai ricercatori di generare e simulare artificialmente la resistenza antimicrobica.

“Lo sviluppo di un modello umano sperimentale di rigetto del trapianto può consentire di testare il trattamento specifico dell’organo e un’ulteriore comprensione di questo processo”, ha affermato Pankaj Chandak, autore dello studio. Possiamo quindi studiare gli interventi di riparazione e rigenerazione in questi organi danneggiati e rifiutati. Gli autori dello studio ritengono che le intuizioni ottenute da questo modello e dal suo design siano traducibili anche in altri tipi di trapianto.

L’articolo completo è stato pubblicato su eBiomedicina.