QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un rifugio flessibile che unisce natura e architettura

Un rifugio flessibile che unisce natura e architettura

Siamo entusiasti di presentarvi CAMPout, uno splendido rifugio di 3.800 piedi quadrati situato nel cuore delle montagne della Sierra Nevada, vicino al lago Tahoe, in California. Progettato dal visionario Faulkner Architects in collaborazione con il talentuoso team di interior design di NICOLEHOLLIS, CAMPout è una testimonianza dell’integrazione armoniosa tra architettura e ambiente naturale.

Immersa all’ombra di un vulcano spento di 8.000 piedi, questa straordinaria casa è un sito che ispira immediatamente stupore e meraviglia. L’essenza di CAMPout riflette l’impegno per la progettazione sostenibile, la resilienza e un profondo legame con l’ambiente. In un mondo in cui l’estetica visiva spesso ha la precedenza sulla praticità, CAMPout si pone come un faro di design attento. Invece di soccombere a scelte materiali arbitrarie o a forme appariscenti, si inseriscono perfettamente nel contesto naturale. Il risultato è un capolavoro che non solo attira l’attenzione, ma fa appello anche ai sensi e all’anima. Mentre affrontiamo le crescenti sfide del cambiamento climatico e degli incendi, CAMPout è un simbolo di resilienza. La costruzione incorpora tecnologie e materiali avanzati, con particolare attenzione alla resistenza al fuoco, all’efficienza energetica e alla sostenibilità. La scelta dei materiali si ispira al paesaggio circostante, con la tavolozza che riflette i toni terrosi della roccia basaltica e degli aghi di pino color ruggine. Una delle caratteristiche distintive del progetto è la sua integrazione nel paesaggio. Non è solo una casa, è un rifugio che abbraccia la vita all’aria aperta. Le zone notte circondano un cortile centrale, garantendo privacy e valorizzando il legame con la natura. L’area familiare, un padiglione in cemento, invita all’aria aperta e inonda l’interno di luce solare e offre una vista mozzafiato sulla vicina montagna.

Il risultato non solo attira l’attenzione, ma fa appello anche ai sensi e all’anima.

Il cemento e l’acciaio forniscono una barriera resistente al fuoco, proteggendo l’interno originale in cedro che è stato accuratamente lasciato incompiuto. I pavimenti in basalto riflettono l’ambiente naturale e la struttura in acciaio nero aggiunge un tocco di eleganza industriale. Ogni dettaglio, ogni materiale e ogni scelta ha uno scopo e crea un senso di presenza calma che consente alla bellezza del paesaggio di essere al centro della scena. CAMPout non è solo una casa; È una dichiarazione della nostra responsabilità nei confronti dell’ambiente. Ci ricorda che possiamo costruire case che non solo resistano alle forze della natura, ma che le onorino e le celebrino. È un invito all’azione, che ci esorta a pensare all’impatto delle nostre scelte sul nostro pianeta e sul nostro futuro.

READ  Mangiando insetti salti di serpente salgono una lunga scala

In un mondo in cui il design spesso dimentica il suo contesto, il progetto si pone come faro di ispirazione. È una testimonianza del potere dell’architettura di fondersi perfettamente con l’ambiente, fornire protezione dagli elementi più aggressivi e offrire un’oasi di bellezza e tranquillità in un mondo in continua evoluzione. CAMPout ci ricorda che come amministratori del pianeta, possiamo costruire non solo per oggi, ma per le generazioni a venire. Fotografia di Joe Fletcher
Testo di Elke Aerts