QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una donna rapita da bambina si è riunita alla sua famiglia dopo 51 anni

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che desidera scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Melissa Highsmith è stata rapita da una babysitter nel 1971, ma più di mezzo secolo dopo si è riunita alla sua famiglia grazie a un test del DNA.

waferfonte: Guardiano

Melissa aveva un anno quando sua madre, Alta Abantenko, pubblicò un annuncio sul giornale chiedendo una babysitter. Una madre single di Fort Worth, in Texas, stava cercando una tata che si prendesse cura del suo bambino mentre lavorava. Tuttavia, la donna per cui mi sono iscritto è scappata con la ragazza.

La famiglia ha denunciato la scomparsa di Melissa Highsmith alla polizia, ma la bambina e la sua tata sono scomparse senza lasciare traccia. Dopo la scomparsa di Melissa, il senso di colpa ha perseguitato la madre per anni. Una volta è stata accusata di aver ucciso sua figlia.

Nel 2018, la famiglia ha cercato di risolvere il caso con l’aiuto di A.J pagina FacebookChiedono aiuto nella ricerca del loro parente scomparso. A settembre, hanno ricevuto una soffiata anonima secondo cui la donna viveva vicino a Charleston, a più di 1.100 miglia di distanza. Un test del DNA, una voglia e il suo compleanno hanno confermato che era davvero Melissa Highsmith.

“Non riuscivo a smettere di piangere”

Sabato, durante una cerimonia in una chiesa di Fort Worth, la donna si è riunita con sua madre, suo padre e due dei suoi quattro fratelli e sorelle. “Non riuscivo a smettere di piangere”, ha detto la sorella Victoria Garner ai media locali. “Ero così elettrizzato, non mi ero ancora reso conto che l’avessimo finalmente trovata.”

READ  Poi improvvisamente Boris Johnson era a Kiev (Bruxelles)

“Vogliamo conoscere Melissa, darle il benvenuto in famiglia e recuperare 50 anni di tempo perduto”, ha detto l’altra sua sorella, Sharon Highsmith. “Vogliamo dare un messaggio agli altri per non arrendersi mai e per inseguire ogni traccia”, ha detto la famiglia in un comunicato.