QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’importante attrice iraniana pubblica una foto senza velo su Instagram

Taraneh Alidouosti, un’importante attrice iraniana, ha pubblicato una foto senza velo sulla sua pagina Instagram personale. attrice conosciuta come I fratelli di Laila E il il venditoreSostiene la protesta contro il rigido ordine religioso.

A quasi due mesi dalla morte dell’iraniana Masha Amini, le proteste continuano a imperversare in Iran. I temuti tentativi delle Guardie Rivoluzionarie di reprimere la protesta raggiunsero il culmine spargimento di sangue. Più di 300 iraniani sono stati uccisi, secondo i gruppi per i diritti umani. L’attrice Taraneh Alidouosti non la scoraggia. Ha già espresso più volte il suo sostegno al movimento di protesta su Instagram, ma ora lo fa ancora di più con una foto. Sul sito di social network è in piedi senza velo e con un pezzo di carta su cui in curdo è scritto “Donna”. vivere. Libertà “.

Di recente, Alidouosti ha detto sullo stesso mezzo che si rifiuta di fuggire dal suo paese. Ha mostrato la sua volontà di smettere di lavorare e sostenere le famiglie colpite dalla dura repressione. Sto combattendo per la mia casa. Difenderò i miei diritti ad ogni costo. Soprattutto, credo in ciò che stiamo costruendo qui insieme”.

Anche l’attrice recita I fratelli di Laila, che da questa settimana è arrivato anche nei nostri cinema. In Belgio, Alidoosti ha guadagnato fama con il suo ruolo da protagonista in il venditoreRegia di Asghar Farhadi. Questo film è stato nominato per un Academy Award nel 2017, ma Alidoosti ha poi rifiutato di recarsi a Hollywood per protestare contro il divieto di visto imposto da Trump a persone provenienti da Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen.

READ  verticale. Il padre single Jeron su 3 conversazioni tipiche tra le donne ei loro mariti: "C'è qualcosa che non va, mia cara?" | colonna Gerwin

fiorente cultura cinematografica

La brutale morte di Masha Amini, una donna di 22 anni, ha suscitato indignazione in tutto il Paese. La Divisione Arti l’ha arrestata perché alcuni dei suoi fili erano visibili sotto il velo. L’accusa diceva “abbigliamento improprio”. Secondo testimoni oculari, l’arresto è stato molto violento. Amini cadde in coma e morì tre giorni dopo. Il suo omicidio il 16 settembre ha scatenato un’ondata di proteste che continuano ancora oggi.

Underground, la protesta era già viva nel mondo del cinema. Nonostante le rigide leggi sulla censura, l’Iran ha una fiorente cultura cinematografica. I registi sono abituati a criticare il sistema con deviazioni creative. La storia di Zar Amir Ibrahimi dimostra che a volte le cose possono andare terribilmente storte. Era una star televisiva al culmine della sua fama quando ha dovuto fuggire dall’Iran dopo che un sex tape era trapelato. Le persone in Iran sono abituate alla pelle. È una sanzione standard. Eppure ho trovato questa immagine così insopportabile per me che sono scappata” per questo giornale. I famosi registi Jaafar Panahi (Taxi Teheran) e Muhammad Rasoulof (Non c’è il male) sono rinchiusi in carcere.