QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno-due tra Kayembe (Genk) e Madsen (Westerlo) fa arrabbiare Günter Schebens: “È finita”

Uno-due tra Kayembe (Genk) e Madsen (Westerlo) fa arrabbiare Günter Schebens: “È finita”

Una foto che non hai ancora visto fa venire i brividi a Günter Schepens. Il consigliere del KAA Gent si è lamentato nei tempi supplementari del momento in cui Madsen (Westerlo) ha ricevuto la palla dal difensore del Genk Kayembe. Ha finto brevemente un tiro in porta per molestare il portiere Vandevoordt, ma ha semplicemente restituito la palla. “Questo è scandaloso”, Shibins scuote la testa.

“Nel momento in cui il Genk segna 1-1, sai che la partita è finita. Ma puoi farlo in un modo diverso”, ha aperto la sua discussione Günter Schebens sui tempi supplementari.

“Se devo fermare una persona, è Madsen. Il comportamento che ha è scandaloso. Madsen può calciare in porta, ma si limita a restituire la palla”.

I due avversari infatti hanno prima parlato della loro azione per spaventare il portiere Vandevoordt.

“Kaymbe e Madsen hanno parlato per la prima volta del loro pugno reciproco. Non è possibile, vero? Non giochi più a calcio, va bene. Ma è finita. Se calcia in porta, si ribalta”.

Il tema del magazzino del salone divide il tavolo.

“Non dovremmo essere ipocriti, è già successo in passato”, alza le spalle Jean Boskamp. “Questa cosa sta facendo il giro del mondo. Ho ricevuto una telefonata dall'Argentina riguardo quello che è successo,” Gus fece una pausa.

Lo stesso Boskamp lo permetterà come allenatore? “Domanda difficile, perché così sei al sicuro”, dice l'olandese.

“Posso capire che tutto avrebbe potuto andare bene”, concorda Geert Verheyen. Ha aggiunto: “Se avessi chiesto ai giocatori una settimana fa, la tua risposta sarebbe stata unanime che non lo avremmo fatto. Tuttavia, è successo”.

READ  Mirage: “Van der Boyle non ha commesso un errore tattico nella diaspora” | Mountain bike WB

Tuttavia, Philip Goss pensava che fosse assolutamente impossibile. “Se fossi l'arbitro, Visser… te lo giuro, lascerei la partita fino a mezzanotte.”

Gli applausi nella mensa Merelbeek indicano che l'analista ha dei sostenitori per la sua proposta.