QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

uno sguardo. Ad esempio, Evenböll ha portato Jacobsen alla vittoria su un percorso verticale di 2,2 km (!): “Probabilmente il vantaggio più veloce di sempre” | gli sport

CiclismoCampione del mondo o no, Remco Evenepoel ha indicato in anticipo che sarebbe stato felice di sfoggiare il velocista Fabio Jakobsen a questo Tour di San Juan. E se mantiene la parola data: come è andata domenica, il Sodal Quik Award è stata la mossa di ieri. Con un ruolo da protagonista per Evenepoel, che ha spianato la strada a Jakobsen con un giro di testa di ben 2,2 chilometri. “Una bella rivincita per domenica”, è stato chiaro Evenboul con il nostro uomo in Argentina.

uno sguardo. Evenpoel ha abbellito il tappeto rosso per Jacobsen

200 km da Valle Fertil a Jachal. Nella seconda tappa del Tour of San Juan, non era proprio pianeggiante, ma nemmeno montuoso. I velocisti dovevano sopravvivere solo a una lunga, lunga salita a metà percorso, altrimenti poco o nulla ostacolava un nuovo gruppo di sprint.

Nemmeno il gruppo di testa dei dodici. Tra dozzine di attaccanti, un nome famoso porta la coperta dell’anziano Oscar Siviglia – una volta indossava una maglia bianca in tournée. Lo spagnolo si è rivelato tra gli uomini più forti davanti, perché dopo una selezione a metà strada, il Siviglia è rimasto parte dei cinque latitanti più longevi.

Con temperature soffocanti – oltre 30 gradi a San Juan – il gruppo è stato cronometrato, guidato da BORA-hansgrohe e Soudal-Quick. La canzone degli attaccanti è stata cantata fino alla finale, anche se c’erano ancora alcuni Berdyani – e poco dopo una canzone di Medellin – che hanno cercato di resistere.

Tutto inutile, perché i treni erano sui binari. Il campione del mondo Remco Evenepoel si è unito ai ranghi di Fabio Jakobsen. Filippo Ganna ha fatto lo stesso per Elia Viviani. Stava anche guardando Sam Bennett, Giacomo Nizzolo e Peter Sagan.

READ  La tua guida alla Tirreno-Adriatico 2022: Tadej Pogacar vs. Remco Evenepoel? † Tirreno Adriatico

Quando Evenepoel è andato al fronte, tutti sapevano che era pericoloso. La maglia iridata del trio Lambert-Morkov-Jacobsen è caduta a 800 metri di distanza. Per un attimo, le cose hanno rischiato di andare male quando Morkoff si è lasciato sfuggire, ma con un rovente 50 metri finale, Jacobsen ha siglato la vittoria sul traguardo.


Evenepoel: “È sempre più facile guidare quando hai in squadra il ragazzo più veloce del gruppo”

“Libro di testo”, lo chiamano. Boom del libro. Remco Evenepoel è totalmente d’accordo. “Sì, è stato perfetto. Mi ha ricordato un po’ gli sprint dell’anno scorso a Valencia e in Algarve. L’idea era quella che alla fine abbiamo mostrato. Un timeout molto lungo. Perché qui il gruppo è un po’ nervoso e pericoloso. Volevamo per stare fuori dai guai, quindi è per questo che abbiamo preso il comando in quel momento”. Presto. I ragazzi mi hanno detto di fare una curva abbastanza lunga, da circa 3 km a 800 m dal traguardo. può guidare, meglio è per il resto.”

READ  Martinez: "Il ritmo era troppo lento e la nostra motivazione troppo debole" | Campionato europeo di calcio 2020

“Quando il mio lavoro è finito, Lambie, Michael (Murkoff, ndr) e Fabio (Jacobsen, ndr) lo hanno finito. È sempre più facile fare lo stivale quando hai l’uomo più veloce della tua squadra. (Ride) Bella vendetta per Domenica. Se non abbiamo sbagliato lì, finirà allo stesso modo, penso. Beh, non possiamo più cambiare questa storia. Ora tutto è chiaramente indicato nel finale, abbiamo anche viaggiato su strade molto sicure. Se domenica la finale valeva 0/10, ora vale 10/10”.

uno sguardo. Evenepoel: “Più guido, meglio è per il resto”


Nota: quando Evenepoel ha preso il comando, il treno INEOS per Elia Viviani è deragliato accanto al treno Soudal-Quick e il treno INEOS è deragliato completamente. Ed è stato come “Mi sono sentito così bene, permettendomi di fare la differenza con gli altri treni”. “Sembra tutto a posto. Martedì è un’altra trasferta importante per noi. E la battaglia può iniziare per la classifica”.

“Poiché fa così caldo, a molti ragazzi non piace il caldo: ho visto un costante +45 al chiuso sul mio Garmin, ed è enorme. Noti anche che in finale molti corridori danno il meglio di sé e falliscono avere un ruolo. Anche quei 200 chilometri da percorrere. Fabio ha un’altra grande possibilità. È il più veloce e si sente a suo agio. Possiamo riprovarci”.

READ  Risultati del Tour de France in macchina 19. La tappa di salto si conclude con una vittoria per una nuova tappa per Jumbo-Visma, Christophe Laporte sorprende Peloton

notizie fotografiche

© Notizie foto

Fabio Jacobsen: “Probabilmente il ritardo più veloce di sempre”

Parti nel 2023 per Soudal-Quick Step. “Sono contento”, ha detto Fabio Jacobsen subito dopo la fine. “Soprattutto dopo domenica, quando era molto pericoloso. Ho parlato con l’organizzazione dopo la corsa e mi hanno promesso che oggi sarebbe stato più sicuro. È andata così e ne sono felice”.

“Era ancora vicino alla fine con Gaviria, ma avevo un vantaggio enorme. Probabilmente il più veloce di tutti con Remco, Yves e Morkov. Sono orgoglioso di loro perché senza il loro lavoro non posso vincere. Jakobsen ha dichiarato:

notizie fotografiche

© Notizie foto

notizie fotografiche

© Notizie foto

‘Inaccettabile’: Evenepoel quasi colpisce il travestito dopo la confusione e otterrà la storia dalla giuria