QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno studio italiano lo dimostra: mangiare la pasta rende davvero felici

Uno studio italiano lo dimostra: mangiare la pasta rende davvero felici

Mangiare la pasta ti rende felice. Duh, ti sento dire. Certo, la pasta ci rende felici! Credimi, lo so. Ma sapevi che anche questa è una dura verità? Lo ha dimostrato uno studio italiano.

Fotografia del giornalista culinario Jeske van Steen

Lo studio è stato condotto dal Laboratorio di Neuromarketing Comportamento e Cervello della Libera Università di Lingue e Comunicazioni di Milano (IULM). Hanno condotto la ricerca per i pastai italiani Unione Italiana Food. Dallo studio è emerso che un piatto di pasta ci rende felici quanto la musica, se non addirittura più felici. Anche un gol segnato dalla nostra squadra del cuore ci fa meno bene che mangiare la pasta. Sorprendente.

Piccolo gruppo, grandi risultati

C’è un meccanismo emotivo e neurofisiologico dietro la sensazione di felicità che proviamo dalla pasta. Insomma, qualcosa accade effettivamente nel nostro cervello quando mangiamo la pasta. Rilascia emozioni. Come possiamo essere così sicuri? I ricercatori italiani hanno utilizzato gli stessi tipi di metodi utilizzati nelle macchine della verità. Ad esempio, hanno analizzato le espressioni facciali, l’attivazione emotiva del cervello, la frequenza cardiaca e l’attività del sudore. Lo hanno fatto su 40 persone (20 donne e 20 uomini).

Una piccola ricerca condotta dagli stessi pastai italiani (“Noi di Toilet Duck consigliamo Toilet Duck”), ma ci fa comunque piacere condividere i dati con voi. Lo ammettiamo: da grandi amanti della pasta, siamo un po' di parte.

I risultati non mentono

Alla fine, gli scienziati hanno esaminato 4 indicatori: l’indice di memoria, l’indice di coinvolgimento, l’indice emotivo e l’indice di felicità. Che cosa sembra? La pasta ha un punteggio migliore della musica e dello sport in tutti gli indicatori. Quindi il nostro corpo mostra segnali più positivi quando mangiamo un piatto di pasta rispetto a quando ascoltiamo musica o guardiamo lo sport.

READ  Scalare il Mont Ventoux fa parte del mio acido.

Lo dice Vincenzo Russo, docente di psicologia del consumo e neuromarketing alla IULM Organizzazione Internazionale della Pasta: “I risultati ci dicono che siamo più attivati ​​emotivamente quando mangiamo la pasta. Quindi è l'atto stesso di assaggiare il piatto e gustarlo in tutto il suo sapore, a evocare i ricordi e le sensazioni più positive. Questa attivazione cognitiva ed emotiva , determinato dal gusto della pasta, è così potente, godibile e coinvolgente che continua anche dopo aver mangiato Il cibo è giusto.

Pasta = Italia bontà e felicità

Dallo studio emerge anche che associamo la parola “felicità” alla pasta. Quando ai partecipanti allo studio è stato chiesto quale parola venisse loro in mente quando pensavano alla pasta, la risposta è stata “felicità”. Proprio come le parole “Italia” e “buono”, tra l'altro. Questi tre sono stati menzionati più spesso. Ai partecipanti è stato anche chiesto direttamente quanto fossero contenti della pasta. La stragrande maggioranza (76%) ha risposto “molto”.

Tessuti fortunati

È anche interessante notare che la pasta stessa contiene anche sostanze che ti fanno sentire felice. Ad esempio, i carboidrati – di cui è composta in gran parte la pasta – stimolano la produzione di endorfine. Questo è l'ormone che crea una sensazione di felicità. La pasta contiene anche l'aminoacido triptofano: precursore della serotonina. Questo, a sua volta, è un neurotrasmettitore che regola l’umore. Un piatto di pasta può aumentare i livelli di serotonina nel tuo corpo, migliorando così il tuo umore. Vedi, quel sorriso di pasta viene naturale.

Ragioni sufficienti per fare tanta pasta. Magari dei deliziosi spaghetti alla carbonara? Oppure pasta fresca primavera? Un bel piatto allegro con questo tempo da zuppa. O meglio, almeno ora sappiamo che non importa che tipo di pasta mangi. Ti rende sicuramente allegro e felice!

READ  "In Omicron vengono vaccinati anche i bambini dai cinque agli undici anni"

Leggi anche:

Fonti: International Pasta Organization, IULM, trillmag.com

Non perderti nessuna novità gastronomica?

Ricevi un aggiornamento nella tua casella di posta