QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Wall Street ha registrato un rimbalzo alla fine di un forte mese di maggio

Wall Street ha registrato un rimbalzo alla fine di un forte mese di maggio

(ABM FN-Dow Jones) Venerdì i mercati azionari statunitensi hanno chiuso prevalentemente in rialzo, dopo che i mercati azionari sono riusciti a riprendersi in prossimità della chiusura. Infine, l’indice Standard & Poor’s 500 è salito dello 0,8% a un livello di chiusura di 5.277,51 punti, mentre l’indice Dow Jones è salito dell’1,5% a 38.686,32 punti. L’indice Nasdaq ha chiuso in leggero ribasso a 16.735,02 punti.

Su base settimanale, l’indice Standard & Poor’s 500 ha perso circa mezzo punto percentuale, mentre l’indice principale è aumentato di circa il 3% a maggio. Il Dow Jones ha superato la magica soglia dei 40.000 a maggio, ma non è riuscito a mantenersi al di sopra di tale soglia. Su base settimanale la perdita ammonta all’1%.

Il boom dell’intelligenza artificiale, in particolare i risultati di Nvidia, hanno aiutato l’indice Nasdaq a ottenere guadagni di oltre il 3,5% a maggio. Su base settimanale, l’indice tecnologico ha perso più dell’1%.

L’inflazione delle spese per consumi personali ha dominato l’ultimo giorno del mese, il che è molto importante per la Federal Reserve. L’inflazione core è rimasta al 2,8% ad aprile, dopo aver previsto un leggero calo al 2,7%. L’indice generale dei prezzi è rimasto al 2,7%.

Colpisce inoltre che la spesa statunitense sia aumentata solo leggermente in aprile, dello 0,2%, rispetto all’aumento dello 0,7% di marzo. Ciò potrebbe indicare un rallentamento dell’economia, di cui ha bisogno anche la Fed per abbassare i tassi di interesse.

Philippe Marey, analista di mercato di Rabobank, ha dichiarato ad ABM Financial News che i numeri non sono molto drammatici e sono ampiamente in linea con le aspettative, ma l’inflazione è ancora troppo elevata per supportare un taglio dei tassi.

L’economista James Knightley dell’ING ha osservato che le spese per i consumi personali sono aumentate dello 0,2% su base mensile. “Questo è ciò di cui abbiamo bisogno per calmare le preoccupazioni della Fed sull’inflazione, solo una [maand] non abbastanza.”

READ  Perché la Volkswagen ID.3 costa improvvisamente 7.000 euro in meno

Secondo Knightley, da qui a settembre saranno necessari una serie di valori dello 0,2%, con un ulteriore rallentamento del mercato del lavoro e dell’economia americana per consentire un taglio del tasso della Fed a settembre. Attualmente quasi il 50% del mercato prevede un calo a settembre, mentre la possibilità di un altro taglio nei mesi successivi è ancora inferiore al 50%.

A livello macroeconomico, venerdì è stato anche annunciato che l’attività economica nell’area di Chicago ha continuato a diminuire nel mese di maggio. L’indice dei direttori degli acquisti è sceso da 37,9 a 35,4 punti, il punto più basso degli ultimi quattro anni. In media, gli economisti si aspettavano un leggero miglioramento a 41,1 punti.

Dopo i dati sull’inflazione, il rendimento delle obbligazioni decennali statunitensi è sceso al 4,503%, mentre il rendimento a due anni è sceso al 4,887%. Venerdì sera la coppia EUR/USD veniva scambiata a 1,0850.

I prezzi del petrolio sono scesi ulteriormente in vista della riunione dell’OPEC+ di questo fine settimana. Venerdì, con un prezzo stabilito di 76,99 dollari, il barile di petrolio greggio WTI è diventato più economico dell’1,2%. Su base mensile, la perdita è stata di circa il 6% per il WTI.

Alla fine di questa settimana, l’OPEC+ si incontrerà per decidere se estendere gli accordi di produzione. Su questo contano gli analisti.

“Il mercato si aspetta che l’OPEC+ continui ad attuare le sue ulteriori restrizioni volontarie nella seconda metà dell’anno”, ha affermato Warren Patterson di ING. “Qualcosa di meno eserciterà ulteriore pressione sui prezzi del petrolio nel breve termine”.

Novità aziendali

Salesforce ha chiuso in rialzo del 7,5% dopo che giovedì il titolo è sceso di quasi il 20% a seguito dei risultati trimestrali deludenti e di prospettive deludenti. Nvidia, che giovedì ha perso terreno per la prima volta in più di una settimana ed è scesa di quasi il 4%, ha perso un altro 0,8% verso il fine settimana. Su base mensile, le azioni Nvidia sono aumentate di oltre il 23%.

READ  Batteria ad acqua: un'alternativa più economica alla batteria domestica per immagazzinare l'energia solare in eccesso? | La mia guida

Dell Technologies è cresciuta nell’ultimo trimestre, in parte grazie al turnover significativamente più elevato della manodopera presso la filiale che produce server di intelligenza artificiale. Lo hanno reso noto giovedì dopo l’orario di negoziazione i risultati della società informatica americana. Tuttavia, secondo gli esperti di mercato, venerdì il titolo ha perso il 18% perché i margini erano inferiori alle aspettative. Anche il portafoglio ordini è stato deludente.

GAP ha riportato risultati migliori del previsto poche ore dopo giovedì e ha aumentato le sue previsioni. La quota dei rivenditori di abbigliamento è aumentata di quasi il 29%.

Le azioni della Trump Media and Technology Company sono scese di oltre il 5% dopo che l’ex presidente Donald Trump è stato condannato per tutte le 34 accuse relative alla falsificazione di documenti aziendali relativi al pagamento di denaro nascosto a un’attrice porno.

Marvell Technology ha perso oltre il 10% dopo che il produttore di chip ha riportato vendite inferiori del 12% ma leggermente migliori del previsto pari a 1,16 miliardi di dollari, mentre gli utili rettificati di 0,24 dollari per azione erano in linea con le aspettative.

Le azioni di Zscaler sono aumentate dell’8,5% dopo che la società di sicurezza informatica ha riportato ricavi e profitti migliori del previsto lo scorso trimestre.

Nordstrom ha registrato una perdita maggiore del previsto lo scorso trimestre, ma il titolo è aumentato di oltre il 5%.

Ulta Beauty è cresciuta del 2,5%, anche se il rivenditore di prodotti di bellezza ha abbassato le sue previsioni per l’intero anno.

Costco ha riportato utili migliori del previsto nel terzo trimestre fiscale, mentre le vendite comparabili sono aumentate più rapidamente del previsto. Il titolo è leggermente sceso.

READ  Perché le persone scelgono Kodiak Mini?

L’azienda delle Galapagos collaborerà con Adaptimmune Therapeutics, con la possibilità di concedere in licenza in futuro la terapia con cellule T TCR di nuova generazione dell’azienda britannica esclusivamente per il cancro della testa e del collo e per potenziali indicazioni di tumori solidi. Nell’ambito della collaborazione, Adaptimmune riceverà pagamenti iniziali di 100 milioni di dollari e pagamenti fino a 100 milioni di dollari se Galapagos esercita questa opzione. All’orizzonte sono previsti anche pagamenti e royalties significativi. Venerdì le azioni di Adaptimmune sono aumentate fino al 12%. Il listino delle azioni americane delle Galapagos ha chiuso in rialzo di oltre l’1%.

Le azioni della Boston Beer Company sono aumentate di oltre il 22% in risposta a un rapporto del Wall Street Journal secondo cui Suntory, la società madre del marchio di bourbon Jim Beam, vuole acquisire il produttore di birra.

Fonte: Notizie finanziarie ABM

ABM Financial News è una risorsa per notizie, video e dati sul mercato azionario, sia per piattaforme e sale di negoziazione in tempo reale che per pubblicazioni multimediali online e offline. Le informazioni contenute in questo articolo non intendono fornire una consulenza professionale in materia di investimenti o una raccomandazione per effettuare investimenti particolari.