QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Xhaët nel suo grande giorno nel basket: “La possibilità dei Lions 3×3 di ottenere una medaglia è grande. È pazzesco!” | le Olimpiadi

Gli appassionati di basket hanno potuto godersi oggi due grandi prestazioni belghe: una partita snervante di una squadra 3×3 Lions che è stata buona per un posto diretto in semifinale e una fantastica vittoria per i Belgian Cats sull’Australia. Il commentatore di basket Dennis Chet vede grandi opportunità di medaglia per entrambe le squadre.

“In realtà, è davvero pazzesco che Il nero 3×3 gioca le semifinali alle Olimpiadi, perché erano l’ultima squadra a qualificarsi per questi giochi”, afferma il nostro commentatore di basket.

“Questi sono i giocatori che giocano in seconda e terza divisione. Hanno un lavoro normale che ora devono rimandare. In queste partite hanno perso contro i due avversari più deboli e poi hanno battuto un grande paese come la Lettonia”.

Quali sono le possibilità di ottenere una medaglia nera 3×3 ora? “75%! La Serbia è grande, ma possiamo affrontarla solo in finale. Perché non puoi battere la Lettonia o il Giappone in semifinale? La possibilità di una medaglia è troppo grande”.

Questi sono i giocatori che giocano in seconda e terza divisione. Hanno un lavoro regolare che ora vedono dover rimandare.

Dennis Xhat su 3×3 nero

“Non hai tempo per controllare il tuo cellulare in mezzo”

Per molti, il basket 3×3 è la scoperta di questi giochi. “Questa disciplina in realtà fa parte del basket da decenni. Tutti quelli che giocano a basket una volta giocavano tre contro tre in una piazza. Negli ultimi 10 anni, la FIBA ​​l’ha davvero supportata”.

“Ora anche il grande pubblico sta scoprendo questo sport. È attraente, perché continua. Non hai tempo per controllare il tuo cellulare. Devi stare sempre attento”.

Infine, Xhäet mette in evidenza anche la pura densità del basket 3×3. “Difficilmente hanno una pausa. Nick Siles lo ha paragonato a una corsa costante di 400 metri. In effetti, sono continuamente veloci sprint che devono fare. Dovresti provare a correre per 10 minuti. Spesso si perde alla fine di una partita . Tutto ha a che fare con esso. Così stanco.”

“Ciò che fa Meesseman è paragonabile a Luka Doncic”

Qual è il punto forte di Dennis Xhäet? Una bella vittoria per i gatti belgi sull’Australia? “E’ semplice: è tutto di Emma Messman. Ha segnato 32 punti e raccolto 9 rimbalzi. Quello che Messmann fa per le donne è paragonabile a quello che fa Luka Doncic per gli uomini. Ieri ha segnato 48 punti”.

“La prestazione di Messman è davvero incredibile. È la migliore in assoluto al mondo. Ha tutto: un tiro lungo, è difensiva e soprattutto è incredibilmente versatile. Puoi sempre contare su di lei. Datele sempre la palla”.

Come valuta Xhäet la pista extra del campionato per gatti? “La terza partita del girone contro la Cina sarà un nuovo test. Vuoi diventare un vincitore del girone, perché solo una cosa è veramente importante: evitare gli Stati Uniti il ​​più a lungo possibile. Non puoi farci niente”.

“È solo la prima partita, quindi è difficile prevedere una medaglia ora. Puoi sempre avere un giorno libero. Anche i gatti si stanno dando da fare, ma internamente penso che ottenere una medaglia sia sicuramente la loro ambizione”.

“Docu su Ann Wauters spiega perché dovresti essere lì”

Infine, Xhäet ha elogiato la grande atmosfera di gruppo di Cats. “Questa atmosfera è davvero importante. Dovresti assolutamente guardare il documentario su Anne Waters che è andato in onda di recente su One. Mostra perché devi essere presente a questi giochi. C’era un po’ di scetticismo al riguardo. Se lo guardi matematicamente, è chiaro : le sue ginocchia. “Solo due rotte. Ma le porti con te, perché questo set tiene insieme così bene.”

documentario Ann Waters – Stazione finale a Tokyo Può essere visualizzato integralmente su VRT NU.

Guarda la diretta completa su Facebook con Dennis Xhaët:

READ  Hermine Peters si precipita al sesto posto nella finale di kayak, Brooks diventa quinto nel finale in Do | le Olimpiadi