QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

ZonMw Pearl per il centro di ventilazione domestica

Alcuni pazienti con malattie che interessano la funzione polmonare richiedono un supporto respiratorio cronico. Questo potrebbe benissimo iniziare a casa piuttosto che in ospedale. Anda Hazenberg, un’infermiera registrata centro di ventilazione domesticaha conseguito il Ph.D. nel 2017 sulla base del primo studio comparativo su 77 pazienti. La sua ricerca ha dimostrato che posizionare la ventilazione a casa è altrettanto sicuro ed efficace quanto lo è in un ambiente ospedaliero. Ed è più divertente per i pazienti. Hasenberg: “Hanno visto le partenze in casa come una grande vittoria, soprattutto perché potevano rimanere nel loro ambiente familiare. I partecipanti hanno dato una media di 8,5′ in casa.

Stabilirsi a casa è sicuro, efficace e più piacevole per il paziente

In Proseguire la ricerca finanziata da ZonMW Dei quattro centri di respirazione domiciliare presso i centri medici universitari di Maastricht, Rotterdam, Utrecht e Groningen, ciò è stato successivamente confermato: la configurazione a domicilio è sicura ed efficace come in ospedale. Vantaggio aggiuntivo: risparmio di oltre 3.000 euro per paziente. Questa scoperta ha poi portato a nuove linee guida, un protocollo di lavoro e primi passi verso un’adeguata combinazione di diagnosi e trattamento.

Dati di misurazione direttamente nella cartella elettronica del paziente

Il passo successivo è migliorare la tecnica. La lettura remota dei dati non è ancora come dovrebbe essere. Hazenberg: ‘Ma stiamo facendo passi da gigante anche in questo. È quasi ora di trasferire i dati dal ventilatore e dal misuratore direttamente alla cartella clinica elettronica dell’ospedale.

Tre quarti dei pazienti sono a casa

I pazienti sono molto positivi e la collaborazione con tutte le parti si fa sempre più intensa. Anche Peter Wijkstra è orgoglioso dell’impatto scientifico ottenuto. “Venti anni fa ricerca sulla ventilazione domestica È ancora agli inizi, ma ora sta emergendo una posizione accademica sempre più chiara, anche a livello internazionale. Wijkstra formula un obiettivo ambizioso e realistico per il futuro: ‘Assicuriamoci che il 75% delle persone che lo desiderano siano curate a casa. In modo che un ampio gruppo di pazienti possa beneficiare di cure adeguate a casa.

READ  Malati o topi con l'HIV: la scienza vuole sapere dove Omicron è riuscito a bollire inosservato

Per saperne di più