Nella tarda serata di ieri, a dispetto di qualunque previsione Nvidia durante la conferenza al GDC dove si parlava dell’Unreal Engine 4 ha svelato la nuova punta di diamante della società, la GTX Titan X.

Come tutte le schede della serie Titan, la Titan X segna un traguardo in terminidi prestazioni, la scheda sarà basata sull’architettura Maxwell e sarà equipaggiata con ben 12GB di Vram GDDR5, quantità esagerata per una gpu single core, 3,072 CUDA cores bus da 384-bit. La scheda è nata per assicurare massime performance in ogni tipo di ambiente ed è particolarmente adatta ad ambienti virtuali e ai nuovi visori, garantendo fluidità sotto ogni punto di vista.

titan x

Lato alimentazione troviamo 1 collegamento da 6 pin e uno da 8 per un totale di 300W di TDP mentre per il raffreddamento troviamo la classica dissipazione reference che Nvidia propone già da qualche anno sulle sue schede.

geforce

La GeForce Titan X ha anche due connettori SLI per realizzare diverse configurazioni SLI, per i più smaliziati/fortunati.

Particolarmente curato anche l’aspetto, troviamo infatti la scritta Titan illuminata da un led bianco e l’unica ventola presente sarà illuminata di verde. Ovviamente non manca la scritta GeForce sul lato illuminata di verde.

Per quanto riguarda prezzi e disponibilità non si hanno notizie ma supponiamo che entro breve si avranno maggiori informazioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLiquidVR: la realtà virtuale secondo AMD
Articolo successivoValve svela il nuovo Source 2
(Admin, Fondatore, Redattore) Studente di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche presso UniMi, più precisamente alla sede distaccata di Crema . Si occupa principalmente di articoli sull’ HW e configurazioni per ogni fascia di prezzo. Ha la passione per i videogiochi e le 2 ruote.

LASCIA UN COMMENTO