QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

5 paesi dell’UE esortano gli altri a prendere più immigrati | Notizie | D.W.

Sabato le nazioni dell’Europa meridionale hanno presentato un fronte unito in una riunione ad Atene, invitando gli altri paesi dell’UE a condividere il fardello della migrazione.

Grecia, Cipro, Italia, Malta e Spagna hanno preso parte ai colloqui in vista del vertice UE di questo fine settimana, che dovrebbe concentrarsi sulle relazioni UE-Turchia. Cinque membri dell’UE hanno ampie spiagge del Mediterraneo e sono gli obiettivi più comuni per gli immigrati dal Nord Africa e dal Medio Oriente.

“Non possiamo più essere puniti per la nostra posizione geografica”, ha detto Byron Camilleri, ministro degli interni di Malta.

La Turchia, che ospita oltre 3,5 milioni di rifugiati siriani, ha accettato di rimpatriare miliardi di euro in aiuti agli immigrati che non hanno diritto alla sicurezza dell’UE.

Ma i gruppi di immigrazione affermano che ci sono gravi difetti nell’accordo firmato con Bruxelles nel 2016. L’Unione europea prevede di riformare l’accordo.

In che modo i paesi del sud dell’UE esercitano pressioni su Bruxelles?

I paesi dell’Europa meridionale hanno dovuto affrontare il peso dei richiedenti asilo che cercano di entrare nell’UE.

La maggior parte degli immigrati in Europa attraversa pericolose rotte di transito in barca dalla costa turca alle vicine isole greche o dal Nord Africa attraverso il Mediterraneo.

Da allora molti di loro sono stati ospitati in campi improvvisati in tutto il campo. L’anno scorso, tutti e cinque i paesi hanno formato il gruppo “MED5” nel tentativo di presentare un fronte unito e influenzare gli emendamenti all’accordo sui migranti UE-Turchia.

Le loro richieste: una migliore cooperazione con i paesi migranti in Africa, Medio Oriente e Asia meridionale; Maggiore disponibilità degli altri paesi dell’UE ad accettare nuovi immigrati; E un meccanismo di rimpatrio europeo centralizzato supervisionato da Bruxelles.

READ  M 2M Ferrari Stolen Rule in Buffalo Court: sede in Italia o in Florida Car Collection? | Notizie locali

“Ribadiamo il nostro forte appello a favore del reale equilibrio richiesto tra unità e responsabilità, e nella sua forma attuale questo accordo non fornisce garanzie adeguate ai principali Stati membri”, ha detto sabato il Commonwealth delle Nazioni in una dichiarazione.

Cosa si è detto della Turchia?

I ministri hanno anche discusso se la Turchia avesse svolto un ruolo chiave nello spingere i migranti in Europa a dispetto dell’accordo UE.

Ad un certo punto l’anno scorso, il presidente turco ha detto che il suo governo non avrebbe più incoraggiato i tentativi di attraversare il confine con la Grecia.

Il ministro dell’Interno cipriota Nicos Nooris ha accusato Ankara di “provocazione organizzata e sistematica” dell’immigrazione e ha invitato i leader dell’UE a rispondere con maggiore forza al vertice della prossima settimana.

I ministri, che si sono incontrati in un hotel nel sobborgo costiero di Vui மே kmann nell’atollo, erano accompagnati dalla vicepresidente della Commissione europea Margaritas Shinas, cittadina greca. All’incontro ha partecipato anche il primo ministro greco Griagos Mitsotakis.

Cosa potrebbe cambiare con l’accordo sull’immigrazione?

La Commissione Europea, l’organo di governo dell’Unione Europea, vuole cambiare le regole in modo che i richiedenti asilo siano condivisi tra i 27 Stati membri.

Lo scorso settembre è stato presentato un nuovo contratto, ma non è stato ancora raggiunto un accordo definitivo.

I governi nazionalisti di destra di Polonia e Ungheria si oppongono al piano, offrendo 10.000 dollari per adulto.

Il nuovo accordo propone che i paesi dell’Europa orientale che non vogliono accogliere immigrati contribuiscano finanziariamente invece di aiutarli.

mm / dj (AFP, AP, Reuters)