QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Alain Bieber non ha riconosciuto l’ex Tadej Pogacar di Poulan: “Nessuna battuta, nessuna smorfia: c’è qualcosa” |  Giro di Francia

Alain Bieber non ha riconosciuto l’ex Tadej Pogacar di Poulan: “Nessuna battuta, nessuna smorfia: c’è qualcosa” | Giro di Francia

Alan Piper non è più con l’Emirates Team Emirates e quindi non fa più da mentore a Tadezh Pogacar, ma conosce lo sloveno fino in fondo e ha ancora molti contatti con il corridore d’oro.

“Abbiamo inviato alcuni messaggi ieri, ma più sulle cose quotidiane”, dice il direttore atletico che ora è a Jayco-AlUla. “Gli ho inviato alcune foto della mia vacanza in bicicletta con lui bambininon più.”

Nella sua analisi di Trial of Time, Piper sottolinea la “straordinaria performance” di Jonas Vingaard, ma non ha alcuna spiegazione concreta per il disaccordo con il suo precedente Polan.

“Non stava bene fin dall’inizio, e in quell’ultima salita non ho visto una smorfia o dolore sul suo viso. Tadej sembrava un po’ malato. Non lo so. C’era qualcosa. Non era il Tadej che conosciamo.”

Molti follower hanno notato che ieri Pogacar ha preso un mal di freddo. “L’ho visto qualche giorno fa,” disse Piper. Questo potrebbe essere un segno di minore resistenza”.

“L’ho trovato debole anche in cima alla Joux sabato. Vingegaard non l’ha visto e Tadej se l’è cavata molto bene, ma uomo contro uomo sulla bici da cronometro, questo non mente”.

“Arriva ancora secondo? Questa è la gara di bici più bella. Guarda Remco Evenepoel al Giro: aveva il virus, stava malissimo eppure ha vinto la cronometro”.

“Ma quello che abbiamo visto ieri, non è Tadig. Molto pallido. Forse ha avuto una brutta giornata o forse non si è preso un giorno di riposo lunedì.”

Quest’ultimo pallone non permette ad Alan Piper di salire: “Tadge deve girare abbastanza durante il suo giorno di riposo. Devi tenere acceso un motore così grande”.

READ  L'Anversa si trasferisce al Club Brugge

“Se non lo fa abbastanza, pagherà in contanti la prima corsa dopo un giorno di riposo. Ma non è una scusa. C’è dell’altro.”

Forse sul carro di supporto manca lo sloveno Piper? “Deve essere ancora proporzionato”, le sfumature belga-australiane.

“Il capitano di una squadra può avere un impatto e io avevo la mia filosofia per questo Tour, ma la squadra non era d’accordo”.

“La sua primavera è stata molto difficile con un picco molto grande da febbraio a fine aprile. Poi c’è stato un polso rotto. Ha dovuto recuperare molto nei primi 10 giorni di questo Tour”.

Ciò che viene anche sottolineato è il grado di professionalità di Jumbo-Visma. E non è disponibile negli Emirati Arabi Uniti.

Pepper Paris: “Ho letto che Vingegaard aveva già visto i video di questa cronometro a marzo, ma lo ha fatto anche Tadej e alla fine di maggio ha visto lui stesso il percorso. Ha anche fatto dei test nella galleria del vento e si è anche allenato sulla sua bici da cronometro”.

“Non puoi giocare sul fatto che Jumbo-Visma lascerà il resto alle spalle. Gli Emirati Arabi Uniti sono ancora leader nella classifica per squadre del WorldTour. Stanno facendo bene come squadra”.

Ma quella bici è felicemente cambiata? “Non ho visto il torneo con i miei occhi e questo è importante in questa storia. Non è stata una scelta sbagliata e di certo non è stata la ragione di quella sconfitta. Non puoi dare la colpa della sconfitta a questo”.