QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

José de Cauer vede l’evoluzione del ciclismo attraverso scelte sorprendenti: “Sarà la strada del cliente”

José de Cauer vede l’evoluzione del ciclismo attraverso scelte sorprendenti: “Sarà la strada del cliente”

A poco a poco, i leader rivelano i loro piani per il 2024. È sorprendente come alcune vacche sacre vengano demolite se guardiamo all’approccio di Tadej Pogacar, Mathieu van der Poel e Wout van Aart. Jose De Cauer accoglie con favore lo sviluppo e crede che la prossima stagione potrebbe essere un momento cruciale.

Tadej Pogacar porta nel suo piatto il Giro e il Tour e conquista due volte la vittoria assoluta.

Matthew van der Poel ha dubbi sul Tour a causa dei Giochi e attende con tranquillità la Vuelta.

Wout van Aert organizza diversamente la sua Classica di primavera e rinuncia al Giro e alla Vuelta.

“Sempre più corridori, soprattutto i migliori, saltano il Tour o si avvicinano al Tour de France in modo diverso. Questo è evidente e penso che sia una buona cosa per il ciclismo”, dice José de Cauwer.

“L’ASO non può ignorare questo segnale. Deve smettere di fingere che le altre razze siano una questione secondaria.”

“Quando Pogacar ha detto che avrebbe corso il Giro, ci avevo già pensato, ancor prima di sapere se avrebbe partecipato anche al Tour”.

“C’è molto di più del Tour de France in una stagione e lo ha detto lui stesso in questo modo.”

Il trio lo scorso anno all’E3 Saxo Classic.

Gran Cammino

Le scelte dei corridori fanno riflettere. “Pensavamo che la stagione fosse iniziata solo con l’Omloop Het Nieuwsblad e che il Giro delle Fiandre fosse la gara più importante della primavera. Questo non è vero, se si guarda in altri paesi.”

“L’intero gioco sta cambiando ora. Puoi dimenticare la struttura stagionale che hai avuto per anni. Stiamo lavorando su un nuovo tipo di ciclismo.”

READ  Il vincitore delle "freccette BV" che nessuno si aspettava: "Nei giochi oso fare troppo l'uomo"

Ciò non si riflette solo nel declino dello status del Tour, ma gare come la Parigi-Nizza e la Tirreno-Adriatico sembrano non più necessarie. Piloti come Pogacar, Van Aert, Benoot e Wellens mandano i loro gatti.

De Cower: “In passato non potevi evitare certe gare. Dovevi correre X e Y e non potevi farci niente. “

“Le gare ora sono molto specifiche. Come corridore classico, cosa devi fare alla Vuelta? Il peso medio di un corridore è di circa 67 kg. Nella prossima edizione, i corridori potranno tornare a casa dopo una settimana.”

“Il ciclismo moderno è sempre più incentrato sull’esperienza del cliente. Le gare più importanti saranno quelle con i migliori corridori alla partenza. Se all’improvviso questo diventa il Gran Camino, così sia.”

Le gare più importanti sono quelle dove partono i corridori più grandi. Se all’improvviso questo diventa un Gran Camino, così sia.

José de Quir

Questo cambiamento non sembra essere un fenomeno temporaneo secondo il nostro commentatore e analista. “Sarà una stagione speciale, soprattutto per le partite”.

“Ma potrebbe essere l’inizio di molto di più. Non sarei sorpreso se vedessimo opzioni simili nei prossimi anni.”

“Secondo la percezione, il Tour è la gara più importante. Jonas Vingegaard lo vince due volte di seguito e batte Tadej Pogacar, ma se mi chiedi chi è il pilota migliore, sceglierei Pogacar.”

“Abbiamo già un nuovo tipo di ciclismo e questo processo è stato accelerato grazie ai Giochi Olimpici del 2024 e all’importanza ad essi attribuita. Ho il sospetto che vedremo cambiamenti simili anche nel 2025, senza i Giochi”, ha aggiunto.

READ  David Goffin sconfigge l'olandese Van de Zandschul in un duello da sogno contro Rafael Nadal | ATP Madrid (Spa)

Non devo fare nulla

Anche Wout van Aert cavalca il trend e cambia spalla. Non un Tour molto forte, ma il Giro e la Vuelta.

“Lo sta facendo in un modo diverso e ha ragione. È un buon cambiamento”, dice de Cauwer.

“C’è molto di più oltre al solo Giro, ma c’è anche di più oltre il Giro delle Fiandre, e anche per Van Aert. Anche se tutta la storia di Visma-Lease a Bike pendeva da lui e da quei due memoriali di ieri.”

A causa di un programma più limitato – senza Strade Bianche, Milano-Sanremo e Gand-Wevelgem – le possibilità di vittoria si riducono e aumenta la pressione su Ronde e Roubaix.

“Sì, stai aumentando questa pressione. E tieni conto anche di altri fattori come cadute, sfortuna e malattie?”

Lo stesso Van Aart ha notato che ora prende molto sul serio la sua frase toccante “Non devo fare nulla”.

“Anche se mi piacerebbe cambiarlo”, concorda de Cauer. “Cosa intendi veramente quando dici qualcosa del genere? Deve essere fatto, giusto.”

“Ho letto che è a suo agio, ma mette tutto nel Tour e nella Roubaix. Quindi in quel settore non è cambiato nulla. Ha senso”.

Imparentato: